Temendo la repressione di Pechino, migliaia di persone sono fuggite da Hong Kong nel Regno Unito

Cindy aveva uno stile di vita confortevole a Hong Kong: possedeva molte proprietà con suo marito e avevano un buon lavoro. Ma l’anno scorso ha deciso di lasciarsi tutto alle spalle e trasferire la sua famiglia in Gran Bretagna, e nemmeno una pandemia globale avrebbe influenzato la sua decisione.

“Non è facile sradicarsi in questo modo”, ha detto l’imprenditrice e madre di due bambini piccoli, che non ha dato il cognome perché temeva le ripercussioni del parlare. “Ma le cose sono peggiorate l’anno scorso, il governo è stato spingendoci via. ” Contro il governo cinese.

“Tutto ciò che apprezziamo – libertà di espressione, elezioni eque, libertà – si sta erodendo. Hong Kong come la conosciamo non è più in un posto che possiamo chiamare casa”.

Cindy, che è atterrata a Londra la scorsa settimana, è una delle migliaia di residenti di Hong Kong che sono fuggiti dalle loro città da quando Pechino ha imposto una rigida legge di sicurezza nazionale sul territorio la scorsa estate.

Alcuni se ne vanno perché temono una punizione per aver sostenuto le proteste a favore della democrazia. Ma molti altri, come lei, affermano che l’invasione della Cina nel loro modo di vivere e nelle libertà civili è diventata insopportabile e vogliono cercare un futuro migliore per i loro figli all’estero. La maggior parte di loro afferma di non voler mai tornare.

I manifestanti tengono la bandiera britannica durante una manifestazione a Hong Kong nel settembre 2019. (Ken Cheung / Associated Press)

Molti hanno confermato i loro piani di uscita dopo che la Gran Bretagna ha annunciato a luglio che avrebbe aperto una rotta speciale per l’immigrazione per un massimo di cinque milioni di residenti di Hong Kong che avrebbero potuto vivere, lavorare e alla fine stabilirsi nel Regno Unito.

Il primo ministro Boris Johnson ha detto questa settimana che lo spettacolo ha dimostrato che la Gran Bretagna rispetta i suoi “profondi legami storici” con Hong Kong, l’ex colonia che è tornata al dominio cinese nel 1997 con la motivazione che manterrebbe le libertà in stile occidentale e molte autonomia che non si vede nella Cina continentale.

Le domande di visto britannico all’estero si aprono ufficialmente domenica, anche se molti come Cindy sono già arrivati ​​sul suolo britannico per ottenere un vantaggio. I residenti idonei di Hong Kong possono attualmente venire nel Regno Unito per sei mesi, ma da domenica possono richiedere il diritto di vivere e lavorare nel paese per cinque anni. Successivamente, possono richiedere lo stato di residenza e quindi la cittadinanza britannica.

Il governo britannico ha detto che da luglio sono arrivate circa 7.000 persone con lo status britannico all’estero. Si stima che più di 300.000 persone accetteranno l’offerta di diritti di soggiorno prolungati nei prossimi cinque anni.

Cindy ha detto che vuole andarsene il prima possibile perché teme che Pechino si muoverà presto per fermare la migrazione di massa.

“Il governo cinese ha detto che non ha escluso tattiche più severe”, ha detto. “Penso che potrebbero venire con pesanti critiche se decine di migliaia di giovani professionisti iniziassero ad andarsene, perché questo avrebbe sicuramente sconvolto l’economia di Hong Kong e non gli sarebbe piaciuto affatto”.

Pechino rafforza la sua posizione

Pechino ha detto venerdì che non riconoscerà più il passaporto BNO come documento di viaggio o forma di identità, e ha criticato l’offerta della cittadinanza britannica come una mossa che “viola gravemente” la sovranità cinese. L’impatto dell’annuncio non era chiaro, poiché molti residenti di Hong Kong avevano più passaporti.

Pechino ha drasticamente rafforzato la sua posizione su Hong Kong dopo che le massicce proteste antigovernative nel 2019 sono diventate violente e hanno fatto precipitare la città in una crisi che si è protratta per mesi. Dall’entrata in vigore della legge sulla sicurezza, dozzine di attivisti pro-democrazia sono stati arrestati e leader di al-Shabaab imprigionati o sono fuggiti all’estero.

Poiché la nuova legge definisce ampiamente atti di sabotaggio, separatismo, collusione straniera e terrorismo, molti a Hong Kong temono che esprimere qualsiasi forma di opposizione politica – anche la pubblicazione di messaggi sui social media – possa metterli nei guai.

Ascolta | Il leader pro-democrazia Nathan Law fugge da Hong Kong per la “politica della paura”:

Torcia frontale22:30Il leader pro-democrazia Nathan Law fugge da Hong Kong per la “politica della paura”

I crimini eccessivi e vaghi previsti dalla nuova legge sulla sicurezza nazionale cinese fanno sì che i residenti di Hong Kong si censurino, temendo una pena massima dell’ergastolo. I manifestanti pro-democrazia portano coperte bianche. I caffè spogliano le loro lettere di sostegno. Uno degli attivisti più importanti e schietti di Hong Kong ha lasciato del tutto la regione. Oggi al Front Burner, l’attivista democratico Nathan Lowe si unisce a noi da una località sconosciuta. Ci porterà attraverso gli anni di turbolenze che hanno portato all’oppressione cinese e come queste misure minacciano le libertà uniche che derivano dal vivere a Hong Kong. 22:30

“Penso che se sai quando stare zitto, va bene restare a Hong Kong”, ha detto Fan, 39 anni, recentemente arrivato a Londra. Come Cindy, il suo nome completo non è stato menzionato. “Ma non voglio farlo. Posso lamentarmi con la regina se voglio – posso dire qualsiasi cosa qui.”

Fan, l’animatore, ha venduto il suo appartamento a Hong Kong e ha in programma di costruirsi lentamente una nuova vita in Gran Bretagna, un paese che non ha mai visitato prima. Non sarà il solo a ripartire da zero.

“Questa è un’ondata di immigrazione davvero unica: alcune persone semplicemente non hanno avuto il tempo di visitare il paese in cui si stanno trasferendo. Molti non hanno esperienza di vivere all’estero”, ha detto Miriam Law, che gestisce Excelsior UK, un’agenzia di reinsediamento. “A causa dell’epidemia, non potevano venire a vedere una casa prima di decidere di acquistare.”

Guarda | La Cina mette in guardia il Regno Unito sulla sua offerta di accettare cittadini di Hong Kong in fuga:

Pechino dice che la mossa è una violazione di un impegno britannico e ha promesso “contromisure” non specificate. 2:47

Il governo britannico stima che ci siano 2,9 milioni di dipendenti BNO idonei a trasferirsi nel Regno Unito, con 2,3 milioni di altri dipendenti ammissibili. Il Regno Unito ha introdotto i passaporti BNO negli anni ’80 per le persone che erano “cittadini britannici affiliati a Hong Kong”. Fino a poco tempo, i benefici del passaporto erano limitati perché non conferivano la cittadinanza o il diritto di vivere e lavorare in Gran Bretagna.

Cindy, l’imprenditrice, si stava ancora riprendendo dalla differenza di viaggio, ma è ottimista sul suo futuro.

“Vogliamo portare qui l’energia, le nostre risorse e i nostri soldi di Hong Kong”, ha detto. “Questo passaggio è sicuramente per i nostri figli. Ma vogliamo costruire una vita completamente nuova anche qui per noi stessi”.

READ  Il Sudafrica esporta disinfettanti per le mani in 30 paesi africani: funzionario commerciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *