I soccorritori nel nord dell’India cercano più di 200 persone scomparse dopo inondazioni mortali

Lunedì, i soccorritori indiani hanno cercato più di 200 persone scomparse dopo che una sezione di un lontano ghiacciaio è crollato sull’Himalaya, rimosso ponti, fracassato dighe e inviato un torrente di acqua, rocce e detriti di costruzione in una valle di montagna.

Un disastro domenica sotto la regione di Nanda Devi, la seconda vetta più alta dell’India, ha inghiottito il progetto idroelettrico su piccola scala di Rishijanga e danneggiato un progetto più grande lungo il fiume Daliganga in costruzione da parte dello Stato NTPC.

I funzionari hanno detto che finora sono stati recuperati 18 corpi.

La maggior parte dei dispersi erano persone che lavoravano ai due progetti, parte dei molti progetti che il governo sta costruendo nelle profondità delle montagne dell’Uttarakhand come parte di una spinta allo sviluppo.

“Finora, circa 203 persone sono andate perse”, ha detto il primo ministro Trivindra Singh Rawat.

Muhammad Farooq Azzam, professore associato di glaciologia e idrologia presso l’Indian Institute of Technology di Indore, ha detto che uno dei ghiacciai sospesi è stato rotto.

“La nostra ipotesi attuale è che l’acqua accumulata e intrappolata nei detriti di ghiaccio lungo il ghiacciaio sia esplosa quando la massa di ghiaccio roccioso è caduta”, ha detto.

Spalare tutto

I video sui social media hanno mostrato l’acqua che scorreva attraverso un piccolo sito di dighe, lavava attrezzature da costruzione e demoliva piccoli ponti.

“Tutto viene spazzato via da persone, bestiame e alberi”, ha detto ai media Sangram Singh Rawat, ex membro del Rene Village Council, il luogo più vicino al progetto Rishganga.

READ  Corona: Divulgazione dei dettagli di 14 dei 48 detenuti politici nella prigione di Magassin
Il disastro di domenica si è verificato sotto il Nanda Devi, la seconda vetta più alta dell’India. (Notizie CBC)

Gli esperti hanno affermato che la scorsa settimana ha nevicato pesantemente nell’area di Nanda Devi ed è possibile che parte della neve abbia iniziato a sciogliersi e possa aver provocato una valanga.

Le squadre di soccorso si sono concentrate sullo scavo attraverso un lungo tunnel nel sito del progetto idroelettrico Tapuvan Vishnujad che NTPC stava costruendo cinque chilometri a valle, dove si ritiene che circa 30 lavoratori siano intrappolati.

Resti di una diga distrutta lungo un fiume a Tabuvan nel distretto di Chamuli dopo una rapida inondazione che ha attraversato l’area. (Sajjad Hussain / AFP / Getty Images)

“Stiamo cercando di aprire il tunnel, è un tunnel lungo, circa 2,5 chilometri”, ha detto il capo della polizia di stato Ashok Kumar. Ha aggiunto che i soccorritori sono entrati nel tunnel a 150 metri di distanza, ma detriti e ghiaccio hanno rallentato il progresso.

Un altro funzionario ha detto che non c’erano state ancora comunicazioni audio con nessuno nel tunnel. Sono state utilizzate attrezzature pesanti e una squadra di cani è stata trasportata sul sito.

Gli sforzi di salvataggio sono proseguiti lunedì per salvare 37 persone dopo che una sezione di un ghiacciaio in India è crollata, vomitando un torrente di acqua e detriti che domenica si è schiantato contro due centrali idroelettriche. (Agenzia di stampa)

Domenica 12 persone sono state salvate da un altro tunnel molto più piccolo.

L’Uttarakhand è incline a inondazioni improvvise e smottamenti e il disastro ha spinto gli ambientalisti a rivedere i progetti energetici in montagne sensibili all’ambiente. Nel giugno 2013, le piogge monsoniche record hanno causato inondazioni devastanti che hanno ucciso quasi 6.000 persone.

I membri della squadra di soccorso lavorano fuori da un tunnel a Tabuvan, nello stato settentrionale dell’Uttarakhand. (Reuters)

I gruppi ambientalisti hanno accusato l’attività edilizia in montagna.

Himanshu Thakar, coordinatore della Rete di dighe, fiumi e persone dell’Asia meridionale, ha affermato che esistono chiare raccomandazioni del governo contro l’uso di esplosivi per scopi di costruzione. “Ci sono state violazioni.”

Il disastro solleva anche interrogativi sulla forza delle dighe.

“Le dighe dovrebbero resistere a molta più forza. Non si trattava di un’alluvione stagionale, era molto più piccola”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *