L’Iran accenna all’avvicinarsi della data dello scambio di prigionieri con gli Stati Uniti

L’Iran accenna all’avvicinarsi della data dello scambio di prigionieri con gli Stati Uniti

Un funzionario statunitense smentisce le affermazioni del ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian secondo cui è stato raggiunto un accordo preliminare.

Teheran, Iran – Il ministro degli esteri iraniano ha indicato che uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti potrebbe avvenire subito dopo aver affermato che era stato raggiunto un accordo preliminare sulla questione di lunga data, ma un funzionario statunitense ha respinto le accuse come false.

“Abbiamo raggiunto un accordo nei giorni scorsi e se le cose andranno bene da parte americana, penso che assisteremo a uno scambio di prigionieri a breve termine”, ha detto domenica Hossein Amir Abdollahian in un’intervista alla televisione di stato.

Un accordo è stato firmato tra noi e la parte statunitense durante i colloqui indiretti nel marzo dello scorso anno, ma ora sono state preparate le basi per la sua attuazione. Dal nostro punto di vista, tutto è pronto. La parte statunitense partecipa al suo coordinamento tecnico finale.

Ma più tardi, domenica, un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha negato che fosse stato raggiunto alcun accordo per il rilascio dei cittadini statunitensi detenuti dall’Iran.

“Purtroppo, i funzionari iraniani non esiteranno a inventarsi le cose, e le ultime dure accuse porteranno solo più dolore alle famiglie di Siamak Namazi, Emad Charghi e Morad Tahbaz”, ha detto il portavoce, riferendosi alla detenzione di tre duplici iraniani- cittadini americani. nell’Iran.

I commenti del massimo diplomatico iraniano arrivano quando il suo vice, Ali Bagheri Kani, che è anche il capo negoziatore nucleare del Paese, si è recato in Oman, che ha agito da intermediario tra Teheran e Washington nei colloqui sullo scambio di prigionieri.

READ  Un razzo giapponese a combustibile solido esplode poco dopo il lancio Novità sullo spazio

A ottobre, l’iraniano-americano Bakir Namazi, 85 anni, ha lasciato l’Iran su un aereo della Royal Air Force dell’Oman dopo che Teheran aveva deciso di rilasciarlo a causa di problemi di salute.

Suo figlio, Siamak Namazi, è uno dei tre noti prigionieri americani rimasti dietro le sbarre in Iran, tutti arrestati con l’accusa di spionaggio.

All’inizio di questa settimana, Namazi ha rilasciato un’intervista al canale statunitense CNN dall’interno della prigione Evin di Teheran e ha fatto appello direttamente al presidente degli Stati Uniti Joe Biden per ottenere il suo rilascio, insieme al 58enne uomo d’affari orientale e al 67enne esperto ambientale. Tahbaz – detiene anche la cittadinanza britannica.

“Resto profondamente preoccupato che la Casa Bianca non apprezzi la gravità della nostra situazione”, ha detto.

Namazi, che è stato imprigionato per più di sette anni, ha scritto una lettera simile a Biden e a gennaio ha intrapreso uno sciopero della fame di una settimana per chiedere un accordo di scambio di prigionieri.

Nessuna delle due parti ha confermato i dettagli di un potenziale accordo, ma si ritiene che oltre al rilascio di un numero imprecisato di prigionieri iraniani negli Stati Uniti, potrebbero essere rilasciati anche 7 miliardi di dollari di fondi iraniani congelati dalla Corea del Sud a causa delle sanzioni statunitensi.

L’accordo di scambio era precedentemente legato ai colloqui ora in stallo per ripristinare l’accordo nucleare iraniano del 2015 con le potenze mondiali, un accordo che Washington ha abbandonato unilateralmente nel 2018.

L’Iran ha ripetutamente accusato gli Stati Uniti di ritardare lo scambio di prigionieri e i colloqui sull’accordo nucleare, cosa che Washington ha respinto.

READ  Nuovo porto di Beirut. Un mandato dell'Interpol per l'arresto del portatore del carico di morte

Amir Abdollahian ha detto domenica che l’Iran ritiene che un accordo sul Piano d’azione globale congiunto (JCPOA), come l’accordo nucleare è formalmente noto, sia “a portata di mano”, ma che Teheran vuole che continuino i problemi con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Fu deciso che si trattava di una “linea rossa” che non avrebbe oltrepassato.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto che i colloqui sul nucleare non sono una priorità in questo momento in quanto accusano Teheran di fornire alla Russia droni armati per la guerra in Ucraina e hanno denunciato i funzionari iraniani per aver represso le proteste a livello nazionale iniziate a settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *