I rapitori rilasciano centinaia di studentesse nell’ultimo rapimento in Nigeria

Martedì, il governatore dello stato ha annunciato il rilascio di centinaia di studentesse nigeriane rapite la scorsa settimana da un collegio nello stato nord-occidentale di Zamfara.

Il governatore dello stato di Zamfara Bello Mattueli ha annunciato che 279 ragazze sono state rilasciate.

Uomini armati hanno rapito venerdì le ragazze della scuola preparatoria del governo per ragazze nella città di Gangibi, nell’ultimo di una serie di rapimenti di massa di studentesse nel paese dell’Africa occidentale.

Un giornalista dell’Associated Press ha visto centinaia di ragazze che indossavano un velo blu brillante sedute a piedi nudi nell’ufficio del quartier generale del governo statale a Gosau.

Dopo l’incontro, i funzionari hanno scortato le ragazze fuori e le hanno portate via con camioncini. Sembravano calmi e avevano un’età compresa tra 10 anni e oltre.

“Grazie Dio! [God be praised!] È con grande piacere che annuncio il rilascio dalla prigionia degli studenti GGSS Jangebe rapiti. Questo avviene dopo aver ampliato molti degli ostacoli che sono stati posti davanti ai nostri sforzi. “Esorto tutti i nigeriani ben intenzionati a fare il tifo con noi perché le nostre figlie ora sono al sicuro”, ha detto Mattawal in un post su Twitter all’inizio di martedì.

Al momento dell’attacco, un residente ha detto all’Associated Press che i militanti hanno anche attaccato un campo militare e un posto di blocco vicino, impedendo ai soldati di rispondere al rapimento di massa alla scuola.

Una delle ragazze ha raccontato la notte del loro rapimento all’AP.

“Stavamo dormendo la notte quando all’improvviso abbiamo iniziato a sentire degli spari. Sparavano senza fine. Ci siamo alzati dai letti e la gente ha detto che dovevamo correre, e sono ladri”, ha detto. “Tutti sono fuggiti e due di noi sono rimasti nella stanza.”

“Avevo davvero paura di essere colpito.”

Ha detto che gli aggressori avevano puntato le teste delle ragazze con i fucili.

“Avevo davvero paura di essere colpita”, ha detto, aggiungendo che avevano richiesto indicazioni per il personale e la sede del manager. “Abbiamo detto che non sappiamo chi sia. Hanno detto che il preside è nostro padre e ci daranno una lezione”.

Da allora la polizia e l’esercito hanno condotto operazioni congiunte per salvare le ragazze, il cui rapimento ha causato indignazione internazionale.

Il presidente Muhammadu Buhari ha espresso “gioia travolgente” per il rilascio delle due ragazze.

“Mi unisco alle persone e alle persone dello Stato di Zamfara nell’accogliere e celebrare il rilascio di questi studenti traumatizzati”, ha detto in una dichiarazione. “Essere tenuti prigionieri è un’esperienza traumatica non solo per le vittime, ma anche per le loro famiglie e per tutti noi”.

Le ragazze sono state viste rapite da un collegio in Nigeria dopo il loro rilascio martedì. (Avolabe Sotunde / Reuters)

Il presidente ha chiesto maggiore vigilanza per evitare che i banditi effettuino tali attacchi.

Ha esortato la polizia e l’esercito a cercare i rapitori e ha avvertito che le politiche di pagamento dei soldi ai banditi sarebbero state controproducenti.

“I pagamenti del riscatto continueranno ad alimentare i rapimenti”, ha detto.

Le condizioni per il rilascio degli studenti non sono state immediatamente chiarite.

La polizia e l’esercito stavano svolgendo operazioni congiunte per salvare le ragazze, il cui rapimento ha causato indignazione internazionale.

Una serie di rapimenti scolastici

La Nigeria è stata testimone di molti di questi attacchi e rapimenti negli ultimi anni. Sabato, 24 studenti, sei dipendenti e otto parenti sono stati rilasciati dopo essere stati rapiti il ​​17 febbraio dallo State College of Science di Cagara, nello stato del Niger. A dicembre, più di 300 studenti sono stati prelevati da una scuola superiore a Kankara, nel nord-ovest della Nigeria, e successivamente rilasciati. Il governo ha detto che non è stato pagato alcun riscatto per liberare gli studenti.

I peggiori rapimenti sono stati nell’aprile 2014, quando 276 ragazze sono state rapite dai jihadisti di Boko Haram di una scuola superiore a Chibok, nello stato di Borno. Più di 100 di queste ragazze sono ancora scomparse. Boko Haram si oppone all’istruzione occidentale e spesso i suoi combattenti prendono di mira le scuole.

Un funzionario abbraccia una ragazza che è stata rapita da un collegio in Nigeria mentre si stava dirigendo per una visita medica dopo il suo rilascio martedì. (Avolabe Sotunde / Reuters)

Altri gruppi armati organizzati, chiamati localmente ladri, spesso rapiscono studenti in cambio di denaro. Il governo afferma che grandi gruppi di militanti nello stato di Zamfara sono noti per i rapimenti per denaro e per le pressioni per il rilascio dei suoi membri detenuti in prigione.

Gli esperti dicono che se i rapimenti non restano impuniti, possono continuare.

Buhari ha detto la scorsa settimana che il governo non “cederà ai ricatti di banditi e criminali che prendono di mira scolari innocenti, aspettandosi che venga pagato un enorme riscatto”. Ha invitato i governi statali a rivedere la loro politica di fornire pagamenti, in denaro o veicoli, ai banditi della strada, dicendo che una tale politica potrebbe essere controproducente.

READ  I democratici affermano in un memo ufficiale di impeachment che Trump ha "convocato una folla di persone"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *