Gli Stati Uniti bloccano l’operazione informatica russa in dozzine di paesi – Notizie dal mondo

Gli Stati Uniti bloccano l’operazione informatica russa in dozzine di paesi – Notizie dal mondo

Enorme fallimento dello spionaggio elettronico

Stampa canadese – | Storia: 425.788

Martedì il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato di aver interrotto una lunga campagna di spionaggio informatico russo che rubava informazioni sensibili dalle reti di computer in dozzine di paesi, inclusi gli Stati Uniti e altri membri della NATO.

I pubblici ministeri hanno collegato l’operazione di spionaggio a un’unità del Servizio di sicurezza federale russo, o FSB, e hanno accusato gli hacker di aver rubato documenti da centinaia di sistemi informatici appartenenti ai governi dei membri della NATO, un giornalista anonimo di un’organizzazione di notizie statunitense che si occupava della Russia, e ha selezionato altri obiettivi di interesse per il Cremlino.

“Per 20 anni, l’FSB ha fatto affidamento su Snake per condurre attività di spionaggio informatico contro gli Stati Uniti e i nostri alleati – e questo finisce oggi”, ha dichiarato in una nota l’assistente del procuratore generale Matthew Olsen, capo della sicurezza nazionale del Dipartimento di giustizia.

Gli obiettivi specifici non sono stati nominati nei documenti del tribunale, ma i funzionari statunitensi hanno descritto la campagna di spionaggio come una “successiva”, che ha rubato con successo documenti sensibili dai paesi della NATO e ha preso di mira anche agenzie governative statunitensi e altri negli Stati Uniti.

L’operazione russa si basava su malware noto come Snake per infettare i computer, con hacker che operavano da quella che il Dipartimento di Giustizia ha affermato essere una nota struttura dell’FSB a Ryazan, in Russia.

I funzionari statunitensi hanno affermato di aver indagato su Snake per quasi un decennio e di considerarlo il malware più sofisticato su cui il governo russo fa affidamento per le sue campagne di spionaggio. Hanno detto che Turla, l’unità dell’FSB ritenuta responsabile del malware, lo ha redatto e rivisto più volte per evitare di essere chiuso.

READ  Africa - "molti" morti in un attacco nel Niger occidentale

Il Dipartimento di Giustizia, utilizzando un’ingiunzione questa settimana di un giudice federale di Brooklyn, ha lanciato quella che ha definito un’operazione ad alta tecnologia utilizzando uno strumento specializzato chiamato Perseus che ha effettivamente distrutto il malware. I funzionari federali hanno affermato di essere fiduciosi che, sulla base dell’impatto delle sue operazioni di questa settimana, l’FSB non sarà in grado di ricreare l’impianto di malware.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *