Il sindaco conferma che l’assessore che ha effettuato la sospensione razzista del datore di lavoro non lavora più in città

Il commissario ai parcheggi che ha detto a un imprenditore arabo di tornare quando impara l’inglese non lavorerà con Saint John o con qualsiasi altra città fino a ulteriori indagini.

Il sindaco di St. John, Don Darling, ha detto che il commissario, che era alle dipendenze della Legione canadese dei commissari tramite un contratto di terze parti, “non avrebbe avuto alcun ruolo con la città”.

I commissari canadesi hanno confermato che non sarebbe stato riassegnato mentre l’organizzazione stava conducendo un’indagine interna.

Lunedì mattina, il commissario stava modificando un biglietto per la colomba di Zain Al-Abidine, che era parcheggiata nell’area di carico. Ha cercato di spiegare che stava scaricando le provviste per il suo ristorante, Zain Grills, in German Street, e che presto avrebbe spostato l’auto, ma lui le ha comunque scritto il biglietto da $ 100.

Mentre continuava a cercare di comunicare con lui in inglese e francese, ha detto che il commissario ha detto: “Torna quando impari l’inglese”, e poi si è allontanata.

Michelle Carson Roy, comproprietaria di un negozio dall’altra parte della strada, ha detto che era vicina e ha ascoltato la conversazione. Ho scritto una lettera al comitato dei parcheggi e l’ho pubblicata su Twitter perché il sito web della città non funzionava a causa di un attacco informatico. Il tweet ha ricevuto una risposta da molte persone, tra cui Darling.

In un’intervista di lunedì, Zine El Abidine ha detto che non si aspettava che le persone rispondessero al messaggio di Carson Roy ed è stata grata alla città che ha ribaltato il biglietto. Tuttavia, ha detto che non voleva che il commissario fosse licenziato o punito.

READ  La Corea del Nord conduce quello che potrebbe essere il sesto test missilistico questo mese, afferma la Corea del Sud

“Non voglio che nessuno soffra a causa mia. Quello che è successo è comune ovunque, ma non voglio che ne sia ferito”, ha detto. “Sono venuto in Canada in cerca di sicurezza e non voglio vedere nessuno farsi male”.

Yamama Zine El Abidine e la sua famiglia si sono trasferite in Canada cinque anni fa e hanno aperto due società a Saint John. (Fornito da Yamama Zine El Abidine)

La portavoce di St. John, Lisa Casey, ha detto che la città prende “molto sul serio gli atti di razzismo e discriminazione”.

A seguito delle indagini iniziate lunedì, ha detto, la Commissione del parcheggio ha detto alla Legione canadese dei commissari che il dipendente a contratto “non può più svolgere mansioni per conto della città di Saint John”.

La Legione ha obbedito e la sua indagine è ora in corso, secondo Bob Ferguson, amministratore delegato della divisione New Brunswick e Prince Edward Island. Ha detto che eventuali misure aggiuntive sarebbero state decise dai risultati di quell’indagine.

“I commenti fatti dal Commissario sono inaccettabili da qualsiasi misura”, ha detto in una e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.