Cosa spiega il misterioso avvelenamento delle studentesse in Iran? | Notizia

Cosa spiega il misterioso avvelenamento delle studentesse in Iran?  |  Notizia

Una continua mancanza di chiarezza ha portato a speculazioni diffuse su chi stesse avvelenando gli studenti.

Teheran, Iran Centinaia di studentesse in diverse città dell’Iran sono state misteriosamente avvelenate negli ultimi tre mesi, causando indignazione e confusione in tutto il Paese.

Tutto è iniziato a fine novembre nella città santa di Qom, a sud di Teheran, quando circa 50 studentesse si sono ammalate e sono state portate in ospedale. La maggior parte è stata rilasciata dopo poco tempo, ma molti sono stati tenuti sotto osservazione per diversi giorni.

Da allora avvelenamenti simili si sono verificati in diverse altre scuole a Qom, Teheran, la città di Borujerd nella provincia occidentale del Lorestan e la città nordoccidentale di Ardebi. Dozzine di studentesse sono rimaste ferite in ogni incidente, alcune delle quali hanno dovuto essere ricoverate in ospedale.

Un parlamentare ha dichiarato questa settimana a una sessione aperta del parlamento che le ragazze in ben 15 città erano state colpite, ma non le ha nominate.

Non ci sono dati confermati su quanti studenti si sono ammalati, ma si ritiene che i numeri siano nell’ordine delle centinaia perché gli incidenti si sono verificati mesi fa e hanno colpito alcune delle stesse scuole anche più di una volta.

Gli studenti spesso riferivano di strani odori prima di ammalarsi, dicendo che puzzavano di mandarini marci o profumi forti. Alcuni media locali hanno citato studenti che hanno affermato di aver visto oggetti estranei gettati nel cortile della scuola prima dell’avvelenamento.

paralisi temporanea

I sintomi includono mal di testa e nausea, e i media locali hanno riferito che alcuni studenti soffrivano di una paralisi temporanea degli arti.

READ  Kevin McCarthy si rifiuta di rispettare la citazione del 6 gennaio della Commissione così com'è e presenta richieste

Questa settimana, i media stranieri hanno riferito che una studentessa di Qom è morta dopo essere stata avvelenata. La televisione di Stato ha parlato con il padre della ragazza e il suo medico, che ha detto che era morta per un’infezione acuta e non per sepsi.

Anche diversi insegnanti sono stati segnalati colpiti. Gli incidenti sono iniziati nello stesso momento in cui diverse università in diverse città hanno servito cibo che ha causato intossicazione alimentare, ma non è stato stabilito alcun collegamento tra gli incidenti perché nessuno degli studenti con l’avvelenamento si è ammalato a causa del cibo.

Per mesi, le autorità delle scuole, degli uffici governativi e del ministero della Salute hanno negato o minimizzato gli incidenti, affermando che le studentesse erano “prese dal panico” o avevano solo sintomi “minori”.

Ma il viceministro della salute, Younis Panahi, all’inizio di questa settimana è diventato il primo funzionario a confermare che gli avvelenamenti erano intenzionali. Ha detto ai media collegati allo stato che “alcune persone” vorrebbero impedire alle ragazze di andare a scuola. Non ha approfondito.

Panahi ha affermato che gli avvelenamenti sono stati causati da sostanze chimiche disponibili in commercio e non possono essere trasmessi perché non sono coinvolti virus o batteri.

Poiché il caso attira una maggiore copertura mediatica, diversi funzionari e legislatori da allora hanno confermato la natura deliberata degli attacchi ma non hanno nominato l’autore.

L’indagine è iniziata

Alireza Manadi Sevidan, capo della commissione per l’istruzione del parlamento, ha dichiarato martedì in una conferenza stampa congiunta con i ministri della salute e dell’istruzione e i rappresentanti dei due ministeri dell’intelligence che l’azoto gassoso è stato rilevato nel veleno utilizzato in alcune scuole.

READ  Gli ucraini "appartengono alla famiglia europea"

È stato formato un comitato per indagare e mercoledì il presidente Ibrahim Raisi ha ordinato al ministero dell’Interno di seguire i casi di avvelenamento. Il giorno prima, il capo della polizia iraniana, Ahmad Reza Radan, aveva dichiarato che non erano stati effettuati arresti.

Con la confusione e la mancanza di chiarezza sugli attacchi che continuano, le fazioni all’interno e all’esterno dell’Iran puntano il dito.

Diversi funzionari hanno suggerito che “nemici” stranieri della Repubblica islamica potrebbero aver effettuato gli attacchi per screditarla.

Personaggi stranieri contrari all’establishment hanno suggerito che lo stato sia responsabile degli attacchi, accusandolo di tentare di “vendicarsi” sulle studentesse che hanno distribuito foto e video di mesi di proteste scoppiate in tutto l’Iran a settembre all’indomani della guerra. La morte di una donna sotto la custodia della polizia morale.

Alcuni hanno tracciato parallelismi con gli attacchi dei talebani negli anni 2000 per avvelenare le studentesse nel tentativo di impedire loro di ricevere un’istruzione.

Ripetuti incidenti hanno spinto alcuni genitori ad allontanare i propri figli da scuola. Altri hanno sostenuto che rimuovere le ragazze dalle scuole sarebbe servito agli obiettivi degli aggressori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *