Putin attacca l'Ucraina mentre gli attacchi rovinano le elezioni presidenziali russe | Notizie sulle elezioni

Putin attacca l'Ucraina mentre gli attacchi rovinano le elezioni presidenziali russe |  Notizie sulle elezioni

I russi iniziano a votare in un’elezione di tre giorni che quasi certamente darà al presidente altri sei anni.

Il presidente russo Vladimir Putin ha accusato l'Ucraina di aver tentato di interrompere le elezioni presidenziali nel suo paese bombardando il territorio russo e utilizzando 2.500 soldati per tentare di penetrare i confini della Russia, e ha promesso di punire Kiev per le sue azioni.

Venerdì sono stati aperti i seggi elettorali in 11 fusi orari in Russia per dare inizio a tre giorni di votazioni, con Putin quasi certo di assicurarsi un quinto mandato presidenziale da quando vinse le sue prime elezioni nel 2000 con il dissenso nel paese quasi completamente soffocato.

L'ombra della guerra ucraina è caduta sulle elezioni con quello che Putin ha definito un ripetuto bombardamento della Russia occidentale e un tentativo da parte di agenti ucraini di entrare in territorio russo in due regioni russe.

“Questi attacchi nemici non rimarranno impuniti”, ha detto Putin visibilmente arrabbiato in una riunione del Consiglio di sicurezza russo, che comprende capi militari e dell’intelligence, nonché i più potenti funzionari civili dello stato.

Putin ha affermato che quattro attacchi nella regione di Belgorod e uno nella regione di Kursk – entrambi al confine con l'Ucraina – sono stati lanciati da circa 2.500 agenti ucraini. Ha aggiunto che avevano 35 carri armati e 40 veicoli blindati e che il 60% dei combattenti è stato ucciso.

Funzionari ucraini hanno affermato venerdì che gruppi armati russi di stanza in Ucraina e contrari al Cremlino hanno effettuato gli attacchi a Belgorod e Kursk.

Il primo giorno delle elezioni è stato rovinato anche da disordini che includevano il versamento di colorante nelle urne, una bottiglia molotov lanciata in un seggio elettorale nella città natale di Putin e segnalazioni di attacchi informatici.

READ  La comunità ebraica di Calgary risponde agli attacchi israeliani

Almeno nove persone sono state arrestate per sabotaggio ai seggi elettorali. Ci sono stati due incidenti a Mosca, dove una donna ha riempito di inchiostro un'urna elettorale e un'altra donna in un altro seggio elettorale ha dato fuoco a una cabina.

Molte persone hanno versato il liquido verde nelle urne, in evidente riferimento al defunto leader dell’opposizione Alexei Navalny, che è stato aggredito nel 2017 da un aggressore che gli ha spruzzato del disinfettante verde sul viso.

Il capo della Commissione elettorale russa, Ella Pamfilova, ha affermato che coloro che hanno commesso atti di sabotaggio rischiano una pena detentiva fino a cinque anni e hanno indicato di aver ricevuto denaro da persone che cercavano di interrompere il voto.

Interattivo - Elezioni in Russia - Chi è in votazione

Gli altri candidati provengono da partiti amici del Cremlino: Nikolai Kharitonov del Partito comunista, Leonid Slutsky del Partito nazionale liberale democratico e Vladislav Davankov del Nuovo Partito popolare.

Il politico dell'opposizione Boris Nadezhdin ha tentato di candidarsi contro Putin su una lista contro la guerra, ma gli è stato impedito di candidarsi dopo che la Commissione elettorale centrale ha affermato che erano state trovate irregolarità nella lista delle firme dei suoi sostenitori.

Altri potenziali candidati dell’opposizione che avrebbero potuto candidarsi contro Putin sono morti, imprigionati o vivono all’estero.

Dorsa Jabbari di Al Jazeera, riferendo da Mosca, ha detto che tutti quelli con cui ha parlato al seggio elettorale che ha visitato hanno affermato di sostenere Putin.

“Dicono che è un uomo di campagna, si fidano di lui e lo conoscono da molti anni. Credono nelle sue politiche, sia internamente che esternamente”, ha detto.

READ  L'FBI arresta tre persone in relazione all'insurrezione 6 gennaio 2021 | Novità su Donald Trump

“Ciò che è chiaro è che Putin continuerà a regnare di nuovo al potere e a rafforzare la sua presa”.

Aree accessorie

Alle elezioni presidenziali hanno partecipato anche cittadini delle regioni ucraine annesse alla Russia: Crimea, Luhansk, Donetsk, Zaporizhia e Kherson.

Nella regione orientale di Donetsk, soldati armati in equipaggiamento da combattimento hanno accompagnato i funzionari elettorali mentre allestivano seggi elettorali mobili su piccoli tavoli nelle strade.

Regioni ucraine annesse

L'Ucraina ha condannato lo svolgimento delle elezioni nei territori annessi. A dicembre, il ministero degli Esteri ucraino ha rilasciato una dichiarazione in cui invitava la comunità internazionale a “imporre sanzioni a coloro che sono coinvolti nella loro organizzazione e nel loro comportamento”.

“Qualsiasi elezione in Russia non ha nulla a che fare con la democrazia. Servono solo come strumento per mantenere il regime russo al potere”, ha affermato il ministero.

Olga Tokaryuk, accademica della Chatham House OSUN presso il Forum Ucraina, ha affermato che gli ucraini non stanno prendendo le elezioni “sul serio”.

Il vero cambiamento in Russia non avverrà automaticamente con la rimozione di Putin dal potere; “Ciò è possibile solo se la Russia abbandona le sue ambizioni imperiali e smette di condurre guerre di conquista – cosa che non è all’orizzonte”, ha detto Tokariuk ad Al Jazeera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *