Caduta di Kabul… La situazione dei rifugiati suscita ricordi dolorosi per i “passeggeri delle navi” vietnamiti

Per Kian Do, una delle migliaia di cosiddetti “boat people” fuggiti dal Vietnam in Canada, la partenza delle forze statunitensi in Afghanistan e la loro caduta nelle mani dei talebani riporta alla mente ricordi dolorosi delle sue stesse esperienze.

“Potresti avere due stati diversi. Potresti avere condizioni diverse, ma il risultato è lo stesso”, ha detto Doe, che vive a Mississauga.

“I comunisti hanno conquistato il Vietnam nel 1975. I talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan nel 2021”.

Alcuni ex “passeggeri delle navi” che vivono nell’area di Toronto sono rimasti sbalorditi dalle recenti scene di migliaia di afgani che si precipitano sulla pista dell’aeroporto internazionale di Kabul, alcuni aggrappati a un aereo militare americano mentre decolla.

“La foto dell’ultimo aereo che ha lasciato l’Afghanistan mi ha ricordato molto l’ultimo elicottero che ha lasciato l’ambasciata americana a Saigon nel 1975”, ha detto Doe.

In effetti, il ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan e la caduta di Kabul ai talebani ricordano loro l’uscita dell’America dal Vietnam dopo aver perso la guerra che ha spinto migliaia di civili sudvietnamiti a fuggire dal paese su barche traballanti. Circa 60.000 persone sono finite in Canada.

Il governo canadese si è impegnato a reinsediare 20mila rifugiati afgani. Ma alcuni ex rifugiati vietnamiti sperano che il Canada possa portare di più.

Kian Do, fuggito dal Vietnam nel 1978, sta lavorando con un centro vietnamita canadese a Ottawa che contatta il governo federale per trovare il modo più efficace per sostenere i rifugiati afghani. (Joe Fiorino/CBC)

Doe sta attualmente lavorando con un centro canadese vietnamita a Ottawa che sta contattando il governo federale per scoprire come aiutare i rifugiati afghani in modo più efficace.

“Ricordo ancora molte persone, molti canadesi che hanno aiutato a portare me e la mia famiglia in Canada, motivo per cui siamo disposti ad aiutare altri rifugiati con i loro bisogni”, ha detto.

Viaggio pericoloso

Du era tra le dozzine di rifugiati dal Vietnam, Laos e Cambogia che il Canada ha accolto all’indomani della guerra del Vietnam. Era uno delle migliaia di cosiddetti “boat people” fuggiti dal Vietnam, stipati in pescherecci traballanti, in viaggi pericolosi verso i campi profughi situati in altri paesi dell’Asia meridionale. Molti sono morti in mare o sono stati presi di mira dai pirati che avrebbero rubato passeggeri, stuprato o addirittura ucciso.

Du aveva 17 anni quando è fuggito dal Vietnam nel 1978 senza la sua famiglia. È partito su un piccolo peschereccio, uno dei circa 300 passeggeri stipati all’interno.

“Su questa barca”, ha detto, “ho capito che ero da solo e che dovevo fare tutto ciò che dovevo fare per sopravvivere”.

“È stato terribile. È stato davvero terribile. Ero un ragazzo quando sono salito su quella barca. Penso di essere diventato un uomo quando ho messo i piedi su quella barca”.

Ha viaggiato per tre notti e quattro giorni, arrivando infine in un campo profughi in Malesia. Tre mesi dopo fu accettato in Canada. Arrivò a Montreal e in seguito si trasferì a Granby, in Quebec, prima di stabilirsi a Toronto.

“Dato quello che ho passato con il comunismo e guardando la storia con il governo talebano, sono sicuro che ci saranno più rifugiati in fuga dal paese”, ha detto. “Quindi penso che il Canada possa e debba fare di più. E le persone come me, dovremmo unirci al nostro governo per aiutare di più i rifugiati”.

Doi Nguyen, un residente di Toronto che è anche fuggito dal Vietnam, concorda sul fatto che il Canada dovrebbe accogliere più rifugiati afgani.

Rivisita una quantità maggiore

speranza Che il governo possa riconsiderare un importo maggiore, come 30.000 o anche 50.000 o più, che è il massimo che può accettare per far uscire dal paese le persone in pericolo di vita e dare loro la possibilità di vivere in un posto sicuro e fantastico come il nostro Canada.”

Doi Nguyen, residente a Toronto, arrivato a Toronto nel 1982, spera che il Canada accolga più di 20.000 rifugiati afgani che si è impegnato a reinsediare. (Mark Gollum/CBC)

Nguyen ha detto di aver avuto questa opportunità dopo essere arrivato in un campo profughi in Indonesia sei giorni dopo su una piccola barca.

Ha lasciato il Vietnam quando ha saputo che sarebbe stato arruolato nell’esercito comunista, insistendo sul fatto che avrebbe preferito morire piuttosto che combattere per coloro che “uccidono le persone senza alcuna esitazione”.

Ha detto che era una delle circa 25 persone sulla barca, la maggior parte dei quali bambini.

“La maggior parte di noi non aveva idea di dove stessimo andando. Avevamo solo l’idea che stavamo fuggendo dal Vietnam per la libertà. Questa è l’unica cosa che sappiamo”.

Nguyen arrivò in Canada all’aeroporto internazionale di Toronto Pearson nel febbraio 1982 indossando vecchi pantaloni, una vecchia maglietta e sandali bucati nella suola. Non indossava biancheria intima, calze o guanti.

Tuttavia, ha detto, “La prima sensazione è stata fantastica, perché ero arrivato nella terra della libertà che avevo sognato quando ero ancora in Vietnam. E quando ho lasciato il Vietnam, volevo andare in Canada”.

“Accoglienza”

Ha detto che all’arrivo ha incontrato un po’ di razzismo, ma soprattutto”[Canadians] Ci accettarono e ci fecero entrare”.

“Sono stato accolto calorosamente dal governo e dal 99,999% delle persone qui”.

“Un’altra persona su una barca”, ha detto Hay Pham, residente a Mississauga, che ricorda ancora il momento in cui è stato accettato in Canada.

Guarda | Un ex rifugiato vietnamita afferma che la storia si sta ripetendo:

L’ex rifugiato vietnamita afferma che la storia si sta ripetendo

L’ex rifugiato vietnamita Hai Pham, che ha lasciato il Vietnam in barca nel 1985, vede parallelismi tra i recenti eventi in Afghanistan e le conseguenze della guerra del Vietnam. 0:22

Pham ha lasciato il Vietnam nel 1985 con suo fratello e ha trascorso 11 giorni in mare.

“Il motore si è rotto, credo dopo il terzo giorno. Così la barca è rimasta a galla e alla deriva per sette giorni.”

Al loro arrivo al campo profughi indonesiano, la barca si è aperta quando ha urtato le pietre. Ha detto che sei persone sono morte perché non sapevano nuotare.

Ha detto di essere rimasto scioccato anche dalle somiglianze tra Vietnam e Afghanistan.

Pham, a sinistra, nel campo profughi di Galang in Indonesia dopo essere fuggito dal Vietnam in barca nel 1985. (Per gentile concessione di Hi Fam)

“Per me è incredibile, nel senso che la storia può ripetersi proprio così, e in entrambi i casi include gli americani. L’americano se ne è andato e tutto è andato.”

“In shock accade di nuovo”

“Sono ancora incredulo, perché le cose che ho visto in TV e quello che è successo nel 1975, c’erano molte somiglianze”, ha detto Pham.

“Sono scioccato dal fatto che questo accadrà di nuovo”.

Pham ha detto che per le persone abbastanza fortunate da venire in Canada, i prossimi mesi saranno una vera sfida.

“Ma sono sicuro del supporto che ha ora – penso che il Canada sia un posto eccellente in cui vivere”, ha detto. “Abbiamo persone che rispettano la tua cultura e rispettano la tua libertà. Quindi, se venissero qui, saresti un gruppo molto fortunato a poter venire qui e vivere”.

READ  Un enorme incendio si diffonde in tutto l'Oregon, ma la posizione remota limita la portata del danno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.