Cosa può ottenere la visita di Biden in Israele dopo il bombardamento dell’ospedale di Gaza? | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Cosa può ottenere la visita di Biden in Israele dopo il bombardamento dell’ospedale di Gaza?  |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Alcune ore dopo l’attacco aereo israeliano sull’ospedale Ahli Arab di Gaza City mercoledì mattina, che ha ucciso almeno 500 persone secondo le autorità sanitarie, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden atterrerà in Israele.

L’ospedale ospitava migliaia di pazienti e altri civili in cerca di rifugio per sfuggire ai bombardamenti israeliani in corso sulla Striscia di Gaza dopo l’attacco del 7 ottobre da parte del gruppo armato palestinese Hamas nel sud di Israele.

Il viaggio di Biden presso i più stretti alleati di Washington in Medio Oriente era stato pianificato prima del mortale raid in ospedale di martedì, una visita ad alto rischio mentre Israele continua a bombardare Gaza in vista di un’imminente offensiva di terra.

Ma l’attacco israeliano all’ospedale ha già avuto conseguenze diplomatiche per Biden. La Giordania, che avrebbe dovuto ospitare Biden per un vertice con il re giordano Abdullah II, il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas, ha annullato gli incontri. Biden al momento non è più il benvenuto ad Amman.

Biden ha detto in a Condividi su XIl sito, precedentemente noto come Twitter, si è detto “arrabbiato e profondamente rattristato” per l’attacco all’Ospedale Nazionale Arabo, ma non ha criticato Israele.

Cosa potrà ottenere durante la sua visita in Israele?

Qual è il contesto della visita di Biden in Israele?

Martedì, più di 3.000 palestinesi, un terzo dei quali bambini, erano morti a causa dei bombardamenti israeliani dal 7 ottobre – e questo prima dell’attacco all’ospedale Ahli Arab.

Il viaggio di Biden arriva dopo che il suo massimo diplomatico, il Segretario di Stato Antony Blinken, ha incontrato la settimana scorsa i leader arabi, la maggior parte dei quali si è rifiutata di condannare Hamas per i suoi attacchi che hanno ucciso 1.400 persone in Israele, compresi alcuni stranieri.

READ  Weather Network - La regione dei Grandi Laghi registra il calore. Questo è ciò che significa per la neve

Biden dovrebbe arrivare a Tel Aviv mercoledì alle 10:00 ora locale (07:00 GMT), dove incontrerà il primo ministro Benjamin Netanyahu e altri alti funzionari.

Secondo il presidente degli Stati Uniti, riceverà un briefing esaustivo sugli obiettivi e sulla strategia di guerra israeliana e riaffermerà l’impegno di Washington per la sicurezza di Israele.

Ma ciò che Biden dice pubblicamente, se non altro, mentre è in Israele, riguardo all’attacco all’ospedale Ahli Arab, sarà attentamente osservato per verificare se gli Stati Uniti stanno ricalibrando la loro posizione sul conflitto in mezzo alla crescente indignazione internazionale per il devastante bombardamento israeliano. . La campagna contro Gaza.

Blinken ha annunciato per la prima volta la visita di Biden al termine di più di sette ore di colloqui con Netanyahu e altri funzionari lunedì sera, durante i quali ha affermato che il primo ministro israeliano ha accettato di sviluppare un piano per fornire aiuti umanitari ai civili a Gaza.

Israele ha imposto un blocco globale a Gaza, intrappolando i suoi 2,3 milioni di residenti nell’enclave assediata senza acqua, cibo, carburante ed elettricità.

Biden può aiutare con gli aiuti umanitari?

Blinken ha affermato che il piano mira a “consentire il flusso di aiuti umanitari ai civili a Gaza in un modo che non vada a beneficio di Hamas”, che ha lanciato uno degli attacchi più mortali contro Israele degli ultimi decenni.

Tuttavia, anche se non è chiaro quale impatto avranno gli attacchi aerei israeliani su Hamas, i bombardamenti hanno distrutto un blocco dopo l’altro di edifici residenziali nell’enclave assediata. Neppure le scuole e gli ospedali sono stati risparmiati, aggravando la crisi umanitaria a Gaza.

Anche quando Blinken ha parlato di un accordo sugli aiuti umanitari, non ha annunciato dettagli concreti e non vi è alcuna indicazione che si possano creare presto corridoi sicuri.

READ  Un palo della luce è caduto e l'autostrada 33 è chiusa - Kelowna News

Domenica è stato annunciato che l’importante valico di Rafah – l’unica via d’uscita da Gaza non controllata da Israele – sarà presto aperto ai cittadini stranieri.

Tuttavia, il valico resta chiuso, anche a decine di camion che trasportano aiuti umanitari provenienti da diversi paesi e che si sono radunati al confine con l’Egitto.

Da allora, invece, Israele ha bombardato il valico quattro volte.

La capacità di Biden di contribuire a far avanzare i piani per fornire aiuti umanitari a 2,3 milioni di palestinesi a Gaza potrebbe determinare come verrà vista la sua visita al di fuori di Israele.

Cosa significa per la guerra?

Biden e altri funzionari della sua amministrazione hanno ripetutamente sottolineato il diritto di Israele a “difendersi” e hanno sostenuto il suo obiettivo dichiarato di distruggere il gruppo militante palestinese Hamas.

Biden non ha ancora esplicitamente invitato Israele a dar prova di moderazione, a smettere di bombardare i civili, le ambulanze e i primi soccorritori, o a consentire ai civili di riottenere l’accesso al cibo e all’acqua, sebbene abbia messo in guardia Israele dall’entrare in un’occupazione di Gaza.

Il portavoce dell’IDF Daniel Hagari ha detto martedì ai giornalisti che Israele ha “tutti i tipi di finali” e che il futuro di Gaza sarà una “questione globale”.

Ma sembra che Israele si stia preparando a lanciare presto un attacco via terra contro la Striscia. Molti analisti ritengono che ciò potrebbe essere ritardato almeno fino a quando Biden non lascerà Israele per evitare di mettere in imbarazzo il presidente americano.

Tuttavia, ci sono segnali che il viaggio di Biden potrebbe avere lo scopo di sviluppare un’intesa comune tra Stati Uniti e Israele su come continuare la guerra a Gaza.

READ  10 morti, 20 feriti nello schianto di un camion di immigrati in Texas

Il comandante del comando centrale degli Stati Uniti, generale Michael “Eric” Kurella, è arrivato martedì a Tel Aviv e dovrebbe incontrare alti ufficiali militari israeliani.

E gli avvertimenti dell’Iran?

L’Iran ha messo in guardia per giorni sulla possibilità di aprire nuovi fronti nella guerra, e il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian ha detto senza mezzi termini lunedì sera che Israele potrebbe aspettarsi un’azione “preventiva” “nelle prossime ore” se continua sul suo percorso attuale.

Il leader supremo iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha dichiarato martedì che i bombardamenti su Gaza devono cessare immediatamente e che Washington deve assumersi la responsabilità della situazione attuale.

Non è chiaro se e quando Teheran parteciperà a questo lavoro – o esattamente come – ma Israele e gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione.

Israele ha già bombardato più volte gli aeroporti in Siria per rispondere alle preoccupazioni che l’Iran potrebbe spostarsi da lì, e Israele e Hezbollah libanese hanno già avuto uno scontro a fuoco al confine, anche se i combattimenti non si sono ancora intensificati.

Nel frattempo, Washington ha spostato una seconda portaerei e mezzi aerei nella regione, in quello che è stato visto come un avvertimento all’Iran, nonché ai gruppi armati e alle campagne che sostiene in tutta la regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *