Il Ministero dell’Unificazione afferma che molti nordcoreani in Cina sarebbero tornati in patria

Il Ministero dell’Unificazione afferma che molti nordcoreani in Cina sarebbero tornati in patria

SEOUL, 13 ottobre (Yonhap) – Sembra che molti nordcoreani siano stati rimpatriati dalla Cina, ha detto venerdì il Ministero dell’Unificazione dopo una recente notizia secondo cui circa 600 nordcoreani erano stati rimpatriati con la forza.

“Sembra vero che molti residenti nordcoreani in tre province cinesi nordorientali siano stati rimpatriati”, ha detto Ko Byung-sam, portavoce del ministero, in una conferenza stampa. “Non possiamo confermare con precisione quanti dissidenti, malati e criminali fossero tra loro”.

Ko ha sottolineato che i disertori nordcoreani residenti all’estero non dovrebbero mai essere rimpatriati contro la loro volontà, in nessuna circostanza.

All’inizio di questa settimana, un giornale locale ha riferito che la Cina ha rimpatriato con la forza circa 600 disertori nordcoreani detenuti nelle province di Jilin e Liaoning lunedì notte nella loro patria isolata attraverso città di confine come Dandong e Hunchun, subito dopo la fine dei Giochi asiatici di Hangzhou. .

Sono cresciute le preoccupazioni che i disertori nordcoreani potrebbero essere soggetti ad abusi dei diritti umani e affrontare dure punizioni se rimpatriati in Corea del Nord dopo aver riaperto i suoi confini ad agosto dopo più di tre anni di blocco del coronavirus.

Il portavoce del Ministero dell’Unificazione, Ko Byung-sam, parla durante una conferenza stampa il 13 ottobre 2023. (Yonhap)

[email protected]
(FINE)

READ  La Russia critica la "confisca" da parte della Polonia di una scuola dell'ambasciata a Varsavia | Notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *