Un afghano nel limbo: l’incertezza persiste a due anni dal ritiro degli Stati Uniti | Notizie sui diritti umani

Un afghano nel limbo: l’incertezza persiste a due anni dal ritiro degli Stati Uniti |  Notizie sui diritti umani

Molti nuovi afghani verso gli Stati Uniti hanno preso strade più orribili.

Yasin, 40 anni, che ha chiesto di essere identificato sotto falso nome, fa parte di quella che secondo i gruppi per i diritti degli immigrati è un’ondata di migliaia di afghani che, con il loro sfollamento che continua ancora dopo la caduta di Kabul, hanno deciso di tentare la fortuna andando a gli Stati Uniti. Confine meridionale con il Messico.

Ma per alcuni, i lunghi e pericolosi viaggi verso frontiere trafficate – dove negli ultimi anni centinaia di migliaia di richiedenti asilo, per lo più provenienti dal Centro e Sud America, hanno cercato di trovare protezione – si sono conclusi con una lunga detenzione nelle strutture statunitensi.

Yasin ha affermato di ricoprire una posizione di alto livello presso un’agenzia ambientale del governo afghano, una posizione in cui ha lavorato con organizzazioni di tutto il mondo. Quando il governo è caduto, è fuggito dall’Afghanistan con sua moglie e quattro figli – dai due ai nove anni – ed è riuscito a recarsi a Città del Messico e ad affittare un appartamento con l’aiuto di un fondo istituito per aiutare gli ambientalisti afghani.

Tuttavia, nella capitale messicana, la domanda della sua famiglia per la libertà vigilata negli Stati Uniti viene respinta. Anche un gruppo ambientalista con sede negli Stati Uniti lo ha indirizzato al programma per i rifugiati P-2, ma dopo aver presentato la domanda è stata “rinviata per un’ulteriore revisione”.

Senza alcun senso della sequenza temporale – e il suo finanziamento si sta esaurendo – Yassin ha detto di aver chiesto un appuntamento per immigrare negli Stati Uniti al confine con gli Stati Uniti utilizzando l’app CBP One. Dopo il colloquio di aprile, lui e la sua famiglia sono stati trattenuti per diversi giorni in un centro di detenzione affollato, e alla fine è stato fissato un appuntamento per comparire davanti al tribunale per l’immigrazione, dove intende presentare domanda di asilo.

READ  L'aiutante di Cuomo la cui accusa di molestie ha scatenato un procedimento penale ha intentato una causa civile
Yassin è visto in una strada a Washington, DC [Joseph Stepansky/Al Jazeera]

“Nella mia vita, non ho mai fatto una sola cosa nel modo sbagliato – illegalmente. La sua famiglia di sei persone vive nel seminterrato di un ex compagno di classe da quando sono arrivati ​​nella capitale degli Stati Uniti”, ha detto Yasin ad Al Jazeera da una casa a Washington, CC.

Non è in grado di lavorare legalmente prima della data del processo e ha affermato che gli è stata negata l’assistenza federale a causa del suo status. Tuttavia, spera in un futuro negli Stati Uniti, soprattutto per le sue due giovani figlie.

Ha detto ad Al Jazeera: “Ci sono quasi 40 milioni di persone in Afghanistan, e sotto i talebani, 20 milioni… Non hanno accesso ai loro diritti, donne e ragazze”. “I miei pensieri sono completamente opposti ai talebani”.

Questo è un sentimento condiviso dal 43enne Mohammed, un ex impiegato del governo afghano che è fuggito in Iran con la sua famiglia di cinque persone e successivamente si è recato in Brasile sulla scia della conquista dell’Afghanistan da parte del gruppo.

Mohamed e la sua famiglia hanno trascorso solo pochi mesi in Brasile, prima di intraprendere un viaggio di due mesi al confine meridionale degli Stati Uniti, finanziato con denaro preso in prestito da familiari e amici. Hanno viaggiato attraverso Perù, Ecuador, Colombia, Panama, Costa Rica, Nicaragua, Honduras, Guatemala e Messico.

“Abbiamo attraversato 10 paesi: alcuni in aereo, altri in autobus, altri in barca ea piedi nella giungla”, ha detto Mohammed, aggiungendo che lui e suo figlio di 14 anni si sono alternati nel portare la figlia di tre anni. sulle loro spalle quando non avevano altra scelta che camminare.

READ  Collins dice di essere stata "sconvolta" dai repubblicani dello Utah che fischiano Romney e il Partito Repubblicano non guidato da "una persona sola".
Muhammad è stato visto nel suo condominio improvvisato nel Maryland [Joseph Stepansky/Al Jazeera]

Muhammad, parlando ad Al Jazeera dal soggiorno dell’appartamento improvvisato in cui ora vive la famiglia, finanziato da un ente di beneficenza locale del Maryland, ha detto che era in procinto di presentare domanda di asilo. Ma nel frattempo, non può ancora lavorare legalmente negli Stati Uniti.

Ha detto di aver accumulato almeno $ 25.000 di debiti per il viaggio nel paese, e il suo unico reddito proviene dalla vendita online di tappeti fatti a mano dalla sua famiglia nel nord dell’Afghanistan.

“Ringraziamo Dio per aver fatto questo lungo e orribile viaggio”, ha detto Mohammed. Cercheremo di stabilire la nostra nuova vita qui e combatteremo e cercheremo di aiutare i nostri parenti lì. Dobbiamo essere come la voce del popolo afghano qui”.

Mentre parlava, sua moglie Soumaya si accovacciò accanto alla figlia, appoggiandosi a un puzzle che mostrava i paesi del mondo. “Ah,” disse, “conosciamo bene questa mappa.” “Tutti hanno tagliato le nostre vite.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *