Il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador e il New York Times: raccolta di informazioni personali

Il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador e il New York Times: raccolta di informazioni personali
Andrés Manuel Lopez Obrador

Il presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador. Hector Vivas/Getty Images

Il figlio maggiore del presidente messicano e candidato del partito al governo alle elezioni presidenziali ha dichiarato sabato che i loro numeri di telefono sono stati pubblicati sui social media e che hanno ricevuto minacce e insulti. Entrambi hanno denunciato questa azione.

L'incidente è avvenuto un giorno dopo il presidente Andres Manuel Lopez Obrador Ha rivelato il numero di telefono di un giornalista del New York Times, che ha pubblicato un articolo su un'indagine statunitense sulle accuse secondo cui Lopez avrebbe ricevuto denaro da trafficanti di droga. Lopez Obrador ha negato le accuse.

Il primo a denunciare la pubblicazione del suo numero di telefono è stato il figlio maggiore del presidente, José Ramón López Beltran, che ha scritto sulla piattaforma X che considera questa azione una “sorta di vendetta” e ha affermato che mette in pericolo la sua famiglia.

Non è stato immediatamente chiaro chi abbia annunciato il numero. Lopez Beltran ha detto che l'incidente è iniziato con una lettera contenente “minacce e bugie” indirizzata al presidente e ai suoi figli. Non è entrato nei dettagli.

Sabato, il presidente messicano ha detto ai giornalisti che era “imbarazzante per loro comportarsi in questo modo”, riferendosi a tutte le persone coinvolte.

Intervenendo durante la sua visita alla città di Mazatlán, ha criticato nuovamente il rapporto del New York Times, dicendo: “Non faremo un solo passo indietro nella difesa della libertà e della giustizia”.

Lopez Beltran ha detto che questa era la seconda volta che il suo numero di telefono veniva reso pubblico e ha notato che era stato molestato anche da telecamere e droni ovunque vivesse.

READ  Il Sudafrica esporta disinfettanti per le mani in 30 paesi africani: funzionario commerciale

Lopez-Beltran ha anche incolpato la giornalista del New York Times Natalie Kitroev per aver pubblicato il suo numero di telefono, affermando di aver fornito il numero “credendo che il presidente avrebbe risposto alla sua diffamazione”.

Ore dopo, la candidata presidenziale del partito Morena di Lopez Obrador, Claudia Sheinbaum, e il segretario generale del partito, Sitlali Hernandez, hanno annunciato che anche i loro numeri erano trapelati e che stavano ricevendo chiamate e messaggi offensivi.

“È chiaro cosa vogliono fare”, ha detto Sheinbaum sul suo account sui social media, pubblicando uno screenshot di uno dei messaggi che ha ricevuto. “Ancora una volta, i loro attacchi sono grossolani e innocui”.

La fuga di dati telefonici è stata condannata da Adrian Alcala, presidente dell'Istituto Nazionale per la Trasparenza, l'Accesso alle Informazioni e la Protezione dei Dati Personali, un organismo indipendente che garantisce l'accesso alle informazioni e la protezione dei dati personali in Messico.

Ha detto Alcala per suo conto

Lopez Obrador venerdì ha difeso il rilascio del numero di Ketroev nonostante le norme locali sulla protezione dei dati personali.

Il presidente ha detto: “Al di sopra di quella legge c’è l’autorità morale e l’autorità politica, e io rappresento uno Stato e un popolo che meritano rispetto”.

Alcala ha contestato questi commenti, dicendo a López Obrador che nessuno in Messico è al di sopra della legge, compreso il presidente e tutti gli altri funzionari governativi.

“Ci rammarichiamo che la presidenza non abbia avvertito quanto sia pericoloso divulgare informazioni da chiunque, soprattutto da un giornalista”, ha detto Alcala su Channel X.

López Obrador ha messo in dubbio in diverse occasioni la necessità di Alcalá e questo mese ha presentato al Congresso un'iniziativa per abolirla insieme ad altre agenzie indipendenti.

READ  I talebani controllano l'aeroporto di Kabul dopo il ritiro degli Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *