Sono passati 50 anni dalla Bloody Sunday dell’Irlanda del Nord. Le famiglie delle vittime vogliono ancora giustizia

Centinaia di persone si sono radunate nell’Irlanda del Nord domenica per celebrare i 50 anni dalla Bloody Sunday, uno dei giorni più letali del conflitto noto come The Troubles.

Tredici persone sono state uccise e altre 15 ferite quando i soldati britannici hanno fatto fuoco sui diritti civili il 15 gennaio. 30, 1972, nella città di Derry, conosciuta anche come Londonderry.

I parenti delle vittime e dei feriti mezzo secolo fa hanno partecipato domenica a una marcia commemorativa, ripercorrendo i passi della marcia originaria. La folla si è radunata al Bloody Sunday Monument, dove i leader politici, incluso il primo ministro irlandese Micheál Martin, hanno deposto corone di fiori durante una cerimonia.

I nomi di coloro che sono stati uccisi e feriti sono stati letti durante il servizio funebre di 45 minuti.

Il governo britannico si è scusato nel 2010 dopo che un’indagine ufficiale ha scoperto che i soldati hanno sparato senza giustificazione su civili in fuga disarmati e poi hanno mentito per decenni. Il rapporto confutava un’indagine iniziale che ebbe luogo subito dopo le uccisioni secondo cui i soldati si erano difesi contro bombardieri e uomini armati dell’esercito repubblicano irlandese.

Il primo ministro Boris Johnson ha detto al Parlamento mercoledì che Bloody Sunday è stato “uno dei giorni più bui della nostra storia” e che il paese “deve imparare dal passato”.

Le persone che partecipano a una marcia per commemorare il 50° anniversario della Bloody Sunday tengono fotografie di alcune delle vittime, domenica a Londonderry. (Peter Morrison/Associated Press)

Un ex soldato britannico è stato accusato nel 2019 dell’uccisione di due manifestanti e del ferimento di altri quattro. Ma l’anno scorso i pubblici ministeri hanno deciso di non procedere con il caso perché non c’era più alcuna prospettiva di condanna. La famiglia di una delle vittime ha impugnato in giudizio tale decisione.

Martin, il leader irlandese, ha affermato domenica che dovrebbe esserci la piena responsabilità in tutte le questioni legate all’eredità.

“Non credo che questa sarà un’amnistia per nessuno”, ha detto dopo l’incontro con le famiglie delle vittime. “È importante perché anche il tempo passa per molte, molte famiglie e le famiglie hanno bisogno di chiusura”.

Michael McKinney, il cui fratello William era tra le vittime, ha criticato i piani del governo britannico di rendere più difficile perseguire i veterani militari per presunti reati commessi anni prima.

“Stanno cercando di negarci giustizia perché hanno paura di affrontare la giustizia. Ma vogliamo inviare un avvertimento molto chiaro al governo britannico. Se seguiranno le loro proposte, le famiglie della Bloody Sunday saranno pronte ad incontrarle a testa alta”, ha detto McKinney.

Il presidente irlandese Michael D. Higgins dovrebbe consegnare un messaggio alle famiglie colpite più tardi domenica.

READ  Il ministro della Difesa russo ha detto a Putin che va tutto bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.