Duro lavoro, sorprese, scelte difficili: storie di immigrazione a Ottawa

Come ci si sente ad arrivare in un paese completamente nuovo e iniziare una nuova vita? Cosa potrebbe rendere la transizione meno accidentata?

Con il governo federale che si è impegnato a compensare il rallentamento della pandemia nell’immigrazione aumentando i livelli a 400.000 ambiziosi nuovi arrivati ​​all’anno nei prossimi tre anni, CBC Ottawa ha voluto chiedere consiglio a coloro che lo hanno fatto.

Ecco le storie di quattro persone che hanno scelto di fare della zona di Ottawa Gatineau la loro casa.

Diego Alcubierre condivide com’è stato per lui, sua moglie e i suoi due figli piccoli quando sono emigrati durante la pandemia 1:11

Diego Alcubierre: un imprenditore che riparte in una pandemia

Diego Alcubierre osservava da tempo Ottawa prima di decidere di spostarsi migliaia di chilometri a nord, arrivando con la moglie e i due figli poco prima della pandemia.

“Il Canada è stato sul nostro radar per molti anni”, ha detto, spiegando che Ottawa è simile per dimensioni e stile di vita a dove vivevano a Queretaro, in Messico, a 90 minuti di auto da Città del Messico.

Lì, gestiva una società di supporto per le start-up nel settore dell’energia solare. A Ottawa, ha in programma di lanciare un’azienda tecnologica specializzata in allenamenti ed eventi per corridori.

La famiglia ha venduto i propri averi e ha preparato l’auto per guidare, ma il giorno prima della partenza hanno appreso che il visto era stato rifiutato.

“Era come un secchio d’acqua fredda”, ricorda.

Diego Alcubierre presenta l’app Bannister che ha creato per aiutare a fornire ai corridori un allenamento online. (Francis Ferland/CBC)

Nuova città chiusa

Così hanno ricominciato. Questa volta, Alcubierre ha affermato di aver contattato Invest Ottawa e di aver assunto un avvocato specializzato in immigrazione per aiutarli a presentare domanda nell’ambito di un programma diverso. La famiglia è arrivata a gennaio 2020 ed è in procinto di ottenere la residenza permanente.

Alcubierre ha detto che sua figlia, 8 anni, e suo figlio, 4, si sono adattati bene al trasloco e gli affari vanno a gonfie vele. La sua più grande sfida è stata non conoscere nessuno e trasferirsi in una nuova casa, 15 giorni prima del primo arresto.

Il suo consiglio ad altri imprenditori che desiderano immigrare è di contattare Invest Ottawa. Ha detto che l’organizzazione lo ha aiutato accogliendolo in un programma che aiuta gli imprenditori a costruire startup tecnologiche.

Anche se non ha ancora incontrato molte persone, ha detto che intende affittare uno spazio ufficio a Invest Ottawa “solo per incontrare persone e stare con qualcuno”.

Mina Al-Rubaie: Uno studente ha la possibilità di costruirsi una nuova vita

Mina Al-Rubaie è arrivata in Canada come richiedente asilo internazionale nel 2019. (Francis Ferland/CBC)

La studentessa internazionale Mina Al Rabie ha anche puntato “gli occhi sul Canada” come parte del suo obiettivo di proseguire l’istruzione all’estero. È arrivata dall’Iraq con il fratello e la sorella minori nel 2014 per iniziare una laurea in contabilità.

È tornata a casa per una visita e ha sposato suo marito. Ma ora che si è laureata ed è residente permanente in Canada, dice che ancora non si sente a casa perché suo marito non è qui.

“La comunità di cui faccio parte è molto benvenuta”, ha detto.

“Ma come posso sentirmi sistemato in un posto dove mi sembra che metà di me viva in un’altra parte del mondo? C’è sempre questo pezzo mancante della mia completa integrazione qui nel paese”.

Al-Rubaie ha chiesto tre volte di partecipare come residente temporaneo, ma tutte senza successo. Anche Immigration, Refugees and Citizenship Canada ha confermato di averlo sponsorizzato per la sua domanda di residenza permanente, che è in corso.

Nel frattempo, ha trovato lavoro come contabile e afferma che le relazioni che ha costruito da studentessa sono state la chiave del suo successo qui.

“Che si tratti di eventi di networking o semplicemente di sponsorizzare connessioni nel tuo campo di scelta … questo è ciò che mi ha davvero aiutato a stabilire finanziariamente”, ha detto.

Inja Boncamp: battute d’arresto di carriera, ricompense personali

Inga Bohnekamp abbraccia l’inverno di Ottawa con una posa yoga. Le sue credenziali psicologiche dalla Germania non sono state riconosciute in Canada quando è immigrata qui nove anni fa. (Fornito da Inga Bonekamp)

Quando Inga Boncamp ha deciso di trasferirsi nella capitale da Berlino, in Germania, nove anni fa, non era sicura che lei, suo marito e la figlia di tre anni sarebbero rimasti in Canada a lungo.

Il marito di Boncamp stava lanciando un’azienda tecnologica mentre lei stava progettando di lavorare come consulente per bambini e giovani adulti e la coppia ha scelto di richiedere solo un permesso di lavoro di due anni.

“Sono sempre stato il tipo di persona avventurosa, quindi amo le sfide e amo stare in un posto nuovo e conoscere persone”, ricorda Boncamp.

Guardando indietro, Boncamp pensa che fosse “un po’ ingenua quando è venuta qui”. Sebbene avesse immaginato che ottenere il riconoscimento delle sue qualifiche in psicologia in Canada fosse “non un grosso problema”, non era in grado di farlo.

Invece, ha tracciato un nuovo percorso per creare programmi di consapevolezza e yoga per aiutare i giovani di CHEO a combattere i disturbi alimentari, le malattie croniche e le sfide di salute mentale.

Inga Boncamp afferma che sua figlia inizialmente ha lottato per adattarsi a una nuova lingua e ambiente, arrivando in Canada quando aveva solo tre anni. (Fornito da Inga Bonekamp)

Nonostante le difficoltà, la famiglia si è adattata alla vita in Canada. Alla scadenza del primo visto, lo rinnovano e poi lo rinnovano di nuovo. Ora sono residenti permanenti.

Il suo consiglio a coloro che stanno pensando di immigrare in Canada: segui prima questa opzione, perché l’estensione del visto ha impedito loro di sentirsi sistemati.

Suggerisce anche di contattare i gruppi comunitari che supportano gli immigrati, come il Centro cattolico per gli immigrati, che gestisce un programma per professionisti medici che non possono ottenere la licenza e stanno cercando di passare a una nuova professione.

Kevin Nimbo: un esempio nella sua comunità

Kevin Nimbo si stabilì con sua moglie e cinque figli a Gatineau, Kew. (Francis Ferland/CBC)

Nonostante sia arrivato a Ottawa in circostanze difficili, Kevin Nimbo ha bei ricordi dei suoi primi giorni in città, in particolare del suo primo lavoro, lavorando 12 ore nei fine settimana tutta la notte come guardia di sicurezza.

“È stata davvero una bella esperienza”, ricorda, “Ho incontrato molte persone, come molte persone simpatiche”.

Originario del Congo, Nimbo e suo fratello sono fuggiti in Uganda nel 2003 per sfuggire alla guerra civile. Sono stati sponsorizzati da un terzo fratello che vive in Canada ed è arrivato a Ottawa nel 2009.

scelte difficili

Dal momento che suo fratello in Canada poteva prendersi cura solo di due persone, Nimbo ha dovuto lasciare la moglie e i due figli che all’epoca avevano dieci e tre anni. Era anche incinta del loro terzo figlio.

Ha detto che è stata dura, ma “a volte nella vita devi fare scelte difficili per andare avanti e facilitare un futuro migliore”.

Dopo essere arrivato qui, ha abbinato il suo lavoro di sicurezza con studi a tempo pieno per diventare un operatore di supporto personale. Già prima della laurea ha trovato lavoro a sostegno dei senzatetto e affetti da dipendenza, e da allora è diventato supervisore presso lo stesso istituto.

Kevin Nimbo, a destra, con suo figlio e suo fratello a Ottawa il mese scorso. (Fornito da Kevin Nimbo)

Tre anni dopo, ha potuto portare qui la sua famiglia, stabilendosi a Gatineau, Kew, dove c’è una vivace comunità congolese. Lui e sua moglie ora hanno altri due figli.

Funzione lingua

Per Nyembo, il consiglio più importante per i nuovi arrivati ​​è, se possibile, imparare l’inglese o il francese – o entrambi – prima di arrivare.

“Ti dà un vantaggio quando vieni qui, quando sei bilingue”, ha detto.

Sebbene stabilirsi in un nuovo paese possa essere un duro lavoro, afferma che vale la pena essere “un modello da seguire nella tua comunità”.

“Non c’è niente che possa impedire ai canadesi di fare ciò che pensano. Quindi devi avere quella mentalità”.


Hai una storia di immigrazione o un consiglio che vorresti condividere sul venire a Ottawa da un altro paese? Condividi i tuoi pensieri nei commenti qui sotto.

READ  Pelosi annuncia i piani per una "Commissione 9/11" per indagare sull'attacco al Campidoglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *