L’Australia sta studiando il caso di sbloccare il chip NFC dell’iPhone per sistemi di pagamento di terze parti

Lunedì Apple ha risposto alle domande del Parlamento australiano sull’approccio all’accesso di terze parti al chip NFC nei suoi iPhone, a seguito delle accuse secondo cui Apple Pay Il sistema soffoca l’innovazione nella tecnologia di pagamento senza contatto.


La commissione parlamentare mista per i servizi alle imprese e ai servizi finanziari ha ascoltato argomentazioni a favore e contro da Apple, Google e altri in merito all’opportunità o meno di aprire l’accesso al chip NFC da parte di Apple. Anche le principali banche australiane hanno Accesso aperto ricercato al chip NFC acceso I phone Negli ultimi anni. Tuttavia, in a risposta scritta Apple ha dichiarato al comitato che “fornisce alle banche l’accesso alla funzionalità NFC sui dispositivi Apple” tramite “Apple Pay”, che è “disponibile a tutte le banche in Australia a condizioni eque e non discriminatorie”.

Apple ha sviluppato un’architettura tecnologica che include componenti hardware, software e API (Application Programming Interface) che le banche possono utilizzare per facilitare i pagamenti contactless utilizzando le proprie carte e le app di mobile banking.

Apple ha scelto di chiamare questa architettura Apple Pay per i seguenti motivi: (a) i commercianti avevano bisogno di un modo semplice per comunicare la loro accettazione del servizio ai consumatori in negozio e online, (b) Apple voleva facilitare la scelta del consumatore del metodo di pagamento/bancario fornendo un’esperienza coerente e semplice, e (c) ha permesso ad Apple di commercializzare il servizio ai consumatori senza dover preferire una banca rispetto a un’altra.

per me ZDNetApple ha citato la sicurezza come uno dei motivi per cui non supporta alternative ad “Apple Pay”, confrontandolo con il sistema di pagamento HCE di Google che secondo lui è intrinsecamente meno sicuro con un’esperienza utente peggiore.

Host Card Emulation (HCE) è un’app meno sicura adottata da Android… Apple non ha implementato HCE perché così facendo ridurrà la sicurezza sui dispositivi Apple. Google probabilmente ha scelto questa implementazione perché il software Android è utilizzato in una varietà di dispositivi forniti da molte aziende diverse da Google, e quindi ha dovuto selezionare una soluzione incentrata sul software, sebbene meno sicura di un’implementazione sicura basata su oggetti.

Apple, che fornisce una stretta integrazione tra il sistema operativo e il proprio hardware, è in grado di offrire una soluzione completamente integrata che supera l’approccio Android.

In risposta, Google ha negato l’affermazione di aver fatto un compromesso di sicurezza nell’implementazione del sistema HCE.

“Le nostre app di pagamento sono estremamente sicure… Il nostro sistema HCE, utilizzato da un gran numero di banche in tutto il mondo, è controllato direttamente dalle banche… Respingiamo il suggerimento che l’ambiente HCE sia in qualche modo pericoloso”, Google e Diana ha dichiarato lunedì al comitato Layfield, Head of Partnerships for EMEA. “Direi che l’esperienza dell’utente su Google Pay è uguale all’esperienza di Apple Pay”.

La Commissione parlamentare australiana sta ancora studiando le argomentazioni presentate. Altrove, l’Unione europea attualmente considerando Forzare Apple a sbloccare la sua tecnologia di pagamento NFC e, all’inizio di quest’anno, la Germania Adottare la legislazione antiriciclaggio Richiede ad Apple di concedere ai fornitori di servizi di pagamento l’accesso alla sua infrastruttura tecnica.

READ  Dell ha cercato di migliorare la Touch Bar. fallito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *