L’eclissi solare di giugno ha causato questa incredibile macchia scura sul nostro pianeta

Poco più di un mese fa, il 10 giugno, alcuni residenti in Canada, Groenlandia e Russia hanno ricevuto la loro dose di un’eclissi anulare completa di sole. Scendendo ulteriormente verso l’equatore, altri sono stati trattati per eclissi parziali. Ma nessuno di noi aveva mai visto niente di simile prima.

Come alcuni di voi già sapranno, il eclissi solare Si verifica quando la luna entra tra il nostro pianeta e il sole, bloccandolo alla vista e rubandoci la sua luce. Ciò significa anche che l’ombra della luna è proiettata su vaste aree del nostro pianeta.

Il problema è che non possiamo davvero vedere quell’ombra, vero, dal momento che la maggior parte dei satelliti in orbita attorno al nostro pianeta sono bloccati in essa, e vediamo come si trovano tutti tra la Terra e la Luna in termini di distanza. Beh, non tutti esattamente.

Come puoi vedere, la distanza media tra due corpi celesti è di 384.400 chilometri (238.855 miglia). Ma noi terrestri abbiamo un pezzo di tecnologia a circa un milione di miglia (1,6 milioni di chilometri) di distanza, e questo è stato quello che ha catturato lo straordinario scatto che vedete allegato a questo pezzo e nel video qui sotto.

Il dispositivo è chiamato la fotocamera per immagini policromatiche della Terra (EPIC) ed è ospitato dal satellite del Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) della NOAA. Di solito ha il compito di creare immagini del nostro pianeta che possono aiutare a monitorare la copertura vegetale del pianeta, l’altezza delle nuvole e l’ozono.

Questa volta ho scattato una foto picture ombra lunare Sgattaiola da dove sarebbe il Polo Nord, proprio sopra l’Europa e l’Africa. Sembra spaventoso, come se qualcosa non va nel nostro pianeta, ma non così spaventoso come sarebbe stato se la Luna fosse stata più vicina alla Terra.

READ  I ricercatori stanno valutando come le maschere interrompono la percezione dinamica del viso

Questo perché si trattava di un’eclissi anulare, avvenuta con il satellite vicino al suo punto più lontano dal nostro pianeta, e quindi alla sua dimensione apparente più piccola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *