L’inviato cinese per il Medio Oriente sollecita garanzie per i palestinesi

L’inviato cinese per il Medio Oriente sollecita garanzie per i palestinesi

Palestinesi cercano vittime sul luogo di un raid israeliano in una casa durante il conflitto israelo-palestinese in corso a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, il 19 ottobre 2023. Fotografia: Muhammad Salem/Reuters. Ottenere i diritti di licenza

PECHINO (Reuters) – L’inviato speciale cinese in Medio Oriente ha attribuito la crisi tra Israele e Gaza alla mancanza di garanzie per i diritti dei palestinesi e ha sollecitato un maggiore coordinamento con Mosca durante un incontro con la sua controparte russa in Qatar, un mediatore chiave. In conflitto.

Nella prima tappa del suo tour nella regione, l’inviato cinese per le questioni del Medio Oriente Zhai Jun è arrivato giovedì in Qatar, dove ha riaffermato con il suo omologo russo Mikhail Bogdanov che Pechino è al fianco di Mosca nei loro sforzi per aiutare a calmare la crisi di Gaza.

Cina e Russia condividono la stessa posizione sulla questione palestinese, ha affermato Zhai dopo il suo incontro con Bogdanov a Doha, il giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha avuto colloqui con il suo “caro amico” il presidente Xi Jinping in un raro incontro a Pechino.

“La ragione fondamentale dell’attuale situazione del conflitto israelo-palestinese è l’incapacità di garantire i legittimi diritti nazionali del popolo palestinese”, ha affermato Zhai.

Il 7 ottobre, i militanti di Hamas hanno preso d’assalto il sud di Israele dalla Striscia di Gaza, uccidendo almeno 1.400 persone. In risposta, Israele ha risposto con attacchi aerei, mettendo sotto assedio i 2,3 milioni di residenti della Striscia di Gaza.

Una settimana dopo, il ministro degli Esteri cinese Wang YiPur condannando “tutte le azioni che danneggiano i civili” senza menzionare Hamas per nome, ha dichiarato che “le azioni di Israele vanno oltre l’ambito dell’autodifesa”.

READ  Il 6 gennaio l'imputato rivendica l'autodifesa nel caso di aggressione della polizia

‘Cause profonde’

La crisi ha inoltre collocato sempre più Cina e Russia in campi separati dagli Stati Uniti. Il presidente Joe Biden ha detto che cercherà finanziamenti aggiuntivi, stimati in miliardi, per aiutare Israele a combattere Hamas.

La Russia, che ha rapporti con l’Iran, il Movimento di resistenza islamica (Hamas) e le principali potenze arabe, nonché con i palestinesi e Israele, ha più volte affermato che gli Stati Uniti e l’Occidente hanno ignorato la necessità di creare uno Stato palestinese indipendente all’interno del Confini del 1967.

Un progetto di risoluzione redatto dal Brasile al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per chiedere un cessate il fuoco umanitario è fallito mercoledì, con il veto degli Stati Uniti sulla risoluzione.

Altri 12 membri del Consiglio hanno votato a favore della risoluzione, mentre Russia e Gran Bretagna si sono astenute dal voto.

Washington tradizionalmente protegge il suo alleato, Israele, da qualsiasi azione del Consiglio di Sicurezza.

“La Cina lo è Profondamente deluso Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha detto giovedì che gli Stati Uniti stanno ostacolando la risoluzione del Consiglio di Sicurezza.

Lunedì è fallito anche il progetto di risoluzione redatto dalla Russia che chiedeva un cessate il fuoco umanitario.

“La posizione parziale degli Stati Uniti è una delle cause profonde dell’annosa questione palestinese e funge da incentivo per intensificare il conflitto quando scoppia”, ha scritto in un editoriale il quotidiano nazionalista cinese Global Times.

Lo Stato del Qatar

In Qatar, Zhai ha affermato che la Cina è pronta a mantenere le comunicazioni e il coordinamento con la Russia nel tentativo di calmare il conflitto israelo-palestinese.

READ  Almeno 3 elicotteri militari russi sono stati fatti saltare in aria in un raid ucraino all'aeroporto di Kherson

Il piccolo Stato del Golfo del Qatar è stato negli ultimi giorni una tappa essenziale per i diplomatici stranieri che cercavano di mediare nel conflitto tra Israele e Gaza, poiché ha canali di comunicazione diretti con Hamas, che ha un ufficio politico a Doha da più di un decennio. .

Una settimana fa, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha visitato Doha come parte del suo tour in Medio Oriente e ha detto al primo ministro del Qatar che Washington sta lavorando per garantire il rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza.

Blinken ha inoltre esortato Israele a prendere ogni possibile precauzione per evitare di danneggiare i civili.

(Segnalazione di Liz Lee e Ryan Wu – Preparato da Mohammed per l’Arab Bulletin) Montaggio di Muralikumar Anantharaman, Stephen Coates e Lincoln Feast

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *