Azione, non parlare, essenziale sul clima, la regina Elisabetta cita i leader mondiali

La regina Elisabetta ha affermato di essere allarmata dai leader mondiali che hanno parlato del cambiamento climatico ma non hanno fatto nulla per affrontare il riscaldamento globale e ha osservato che non era ancora chiaro chi avrebbe partecipato al vertice sul clima COP26 a Glasgow.

La rara incursione della regina nella politica climatica pubblica nelle maggiori potenze è arrivata mentre crescevano i timori che il presidente cinese Xi Jinping, il leader del più grande emettitore di gas serra al mondo, non avrebbe partecipato dal 31 ottobre a novembre. 12 in alto.

  • Hai domande su COP26, scienza del clima, politica o politica? Scrivici: [email protected] Il tuo contributo aiuta a informare la nostra copertura.

Leader occidentali come il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro britannico Boris Johnson hanno ripetutamente avvertito che il mondo deve agire per rallentare il cambiamento climatico, ma molti attivisti ambientali affermano che i leader parlano troppo e fanno troppo poco.

Catturato dal microfono

La regina, che dovrebbe partecipare alla 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, COP26, a Glasgow, in Scozia, sembra aver concordato in una conversazione catturata da un microfono durante la visita all’Assemblea gallese a Cardiff.

Il 95enne ha detto a Camilla, duchessa di Cornovaglia, nuora di Carlo, principe di Galles, e presidente dell’Assemblea Generale. “Ancora non so chi sta arrivando.”

“Sappiamo solo di persone che non verranno… È davvero fastidioso quando parlano, ma non lo fanno”, ha detto Elizabeth.

È diventata il terzo membro della famiglia reale ad accusare i leader mondiali di inerzia questa settimana, poiché sia ​​Charles che suo figlio William hanno affermato che il COP aveva bisogno di azione, non di retorica.

READ  Gli Stati Uniti annunciano la prima carenza di giacimenti occidentali, che porta a riduzioni

Serve più che ‘aria calda’: Johnson

Johnson, in qualità di presentatore del summit, ha descritto l’evento come una delle ultime grandi opportunità per calmare il pianeta, e sperava che avrebbe dimostrato la sua volontà di leadership globale.

Ha detto che i leader mondiali devono escogitare azioni, non solo “aria fritta”.

Biden e il primo ministro australiano Scott Morrison parteciperanno al vertice. Il Cremlino non ha ancora detto se il presidente russo Vladimir Putin parteciperà.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato di voler partecipare alla COP26 da remoto, anche se ha indetto le elezioni per il 31 ottobre. Il Times ha riferito che a Johnson era stato detto che il presidente cinese non avrebbe partecipato di persona.

Xi, il leader più potente della Cina dai tempi di Mao Zedong, non ha lasciato la Repubblica di Cina dall’inizio della pandemia di coronavirus, anche se si è unito alle videochiamate con i leader mondiali.

L’assenza di Xi dalle discussioni, sia di persona che tramite videochiamate, ritarderebbe le speranze di Johnson di persuadere i leader mondiali a concordare un importante accordo sul clima.

Il primo ministro britannico Boris Johnson mostra un documento che ha fatto agli scolari durante una visita all’Accademia della Chiesa d’Inghilterra di Westbury-on-Tream a Bristol, in Inghilterra, venerdì. (Steve Parsons/The Associated Press)

Durante un viaggio in una scuola a Bristol, nel sud-ovest dell’Inghilterra, Johnson ha detto agli scolari sconcertati: “Prometto di convincere i leader mondiali a ridurre i gas serra e salvare il pianeta”.

Quindi ha sollevato un foglio firmato sotto forma di pezzo di carta su cui ha scritto il suo impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *