Le Sei Nazioni: Francia e Irlanda in una lega a parte, afferma Sir Clive Woodward

Prima di questo Campionato Sei Nazioni, ero molto entusiasta della prospettiva di avere cinque delle migliori squadre del mondo, e l’Italia, se non fosse stata all’altezza, sarebbe stato comunque un torneo molto importante e piuttosto interessante.

È stato uno spettacolo – sia dal vivo che in TV – ed è stato bello rivedere il rugby. Mi rallegro per questo. La mia opinione generale è che ora ci sono chiaramente due divisioni nel Sei Nazioni.

C’è la Francia, l’Irlanda e poi il resto.

La giovane e coraggiosa squadra francese ha illuminato il campionato e si è meritata il titolo del Grande Slam

Francia e Irlanda stanno avanzando nella loro comprensione del gioco moderno, dei loro livelli di abilità e dell’intento offensivo e del ritmo con cui stanno cercando di giocare.

Questo non significa che siano imbattibili, ci saranno ancora ostacoli sulla strada ma la curva è alta e saluto entrambe le squadre ed entrambi i gruppi di allenatori.

Per inciso, mi frustra il fatto che uomini orgogliosi di rugby inglesi come Shawn Edwards, Andy Farrell e Mike Cat siano al centro di queste due buone squadre, ma l’Inghilterra o ignora i loro talenti – nel caso di Edwards – o li rinuncia troppo presto. È stato il caso di Farrell e Catt.

I francesi hanno illuminato il mondo del rugby. Star come Antoine Dupont, Cameron Walkie, Gregory Aldrett, Roman Ntamak e Damien Benaud alla fine saranno ricordati come leggende del gioco quando si ritireranno, ma senza colpa, sono più di un semplice pool casuale di strani talenti.

La Francia sotto Fabian Galthe ha selezionato senza paura e metodicamente i giovani giocatori in cui credeva, mentre Edwards li ha messi in forma e riconfigurato la loro difesa.

Nel frattempo, l’Irlanda ha un ritmo intransigente e un set di abilità che mi ricorda la grande squadra di rugby league di Farrell al Wigan quando era capitano.

Per quanto riguarda il resto? Trattiamo innanzitutto l’Inghilterra, che continua a essere frustrata e disorientata mentre a volte offre uno sguardo sconcertante su un futuro più luminoso.

Il grosso problema è che quando la squadra si incontra lunedì dopo il debriefing di sabato, nessuno aveva idea di come sarebbe stata la divisione difensiva per la prossima partita. E quando la squadra si incontra all’inizio di ogni stagione, nessuno è davvero sicuro di chi saranno gli allenatori di Eddie Jones.

L’agitazione del giocatore e lo stato di flusso tra l’esterno esterno e lo staff tecnico alla fine diventano preoccupanti.

Certo, devi avere competizione per i posti e una valutazione costante, ma in ogni grande aspetto che incontri la gerarchia deve essere chiara. Il fucile XV ti rimarrà fuori dalla lingua.

L'Inghilterra continua ad essere frustrata e confusa, ma a volte lascia intravedere un futuro migliore

L’Inghilterra continua ad essere frustrata e confusa, ma a volte lascia intravedere un futuro migliore

All’interno della squadra, coloro che guidano i primi 15 posti ne sono orgogliosi e difendono i loro posti come la vita stessa mentre i concorrenti raddoppiano i loro sforzi di breakout.

È sano e stabile pur essendo stranamente dinamico. All’interno di una squadra del genere, tutti saprebbero subito se la scelta è stata un po’ casuale, fraudolenta o immotivata. Sapranno subito se la scelta sta destabilizzando la loro squadra.

Nelle file del terzino inglese c’era questa confusione infinita per l’uscita di Henry Slade dalla sua posizione; Joe Marchant è sulla fascia per una settimana, nel mezzo la settimana successiva; Max Mallins fa un lavoro di ala quando il terzino è il suo centro, ma poi viene eliminato completamente dopo aver quasi nessuna possibilità di brillantezza; Elliot Daly, centro una settimana, back assist o panchina il giorno successivo.

READ  Roma-Leicester: Mourinho è un uomo speciale, ma questo è un momento di Rodgers?

Courtney Luz o Maru Itogi in Lock o Wing Blind? Perché interpretare due dei migliori fabbri del mondo in un posto diverso da una seconda fila?

So che è di moda parlare di cinque back-to-back misti e variegati, ma per me c’è un’enorme differenza tra il dire Woki, versione nata e cresciuta che può fare brillantemente in seconda elementare, e il duo inglese che brilla costantemente può fare un lavoro dignitoso ma non eccezionale in sesta.

Una grande star è emersa nella forma del giovane terzino italiano Angie Capuzzo

Una grande star è emersa nella forma del giovane terzino italiano Angie Capuzzo

Altrove, dobbiamo celebrare la splendida vittoria dell’Italia a Cardiff e l’emergere di una grande stella nella gara sprint Ange Capuozzo.

Che spinta per il rugby italiano. Non posso fingere che mi aspettassi di vincere, ma l’Italia è indubbiamente migliorata in questa stagione sotto il loro abrasivo capitano Michel Lamaro. Erano più fisici e aggressivi.

Ma per alcune chiamate non così belle a Roma la scorsa settimana avrebbero potuto avvicinare molto la Scozia e sabato puoi vedere che hanno una buona mentalità.

Mentre il Galles stava celebrando molti degli straordinari successi del giocatore, era chiaro che l’Italia aveva avuto le sue possibilità.

Sono al 100% contrario al fatto che il Sudafrica lo sostituisca nel Sei Nazioni, che è una competizione europea e dovrebbe rimanere tale. Per l’Italia iniziare a gareggiare sarebbe un grande vantaggio.

Credo ancora in promozioni e retrocessioni, ma sarebbe bello se l’Italia non dovesse sempre affrontare questa sfida.

Finn Russell è l'esecutore di classe mondiale per Racing 92 ma non è in sintonia con la Scozia

Finn Russell è l’esecutore di classe mondiale per Racing 92 ma non è in sintonia con la Scozia

Per quanto riguarda il Galles, fino a sabato avrei pensato che stessero perdendo peso in una stagione devastata dagli infortuni, ma quella sconfitta getterà una lunga ombra. Sembravano piatti.

READ  "Nessuna cronologia": Jack Willis fornisce aggiornamenti sulla riabilitazione dagli infortuni

La Scozia continua a sentirsi frustrata e disciplinare alcuni dei suoi migliori giocatori a tarda notte non va bene, ma non ho rinunciato a loro. Sono incuriosito dal motivo per cui Fin Russell è così incoerente con Racing.

A livello di club, è circondato da talenti di livello mondiale che non hanno sempre bisogno di fornire quel “momento speciale”. Con la Scozia penso che si senta come se dovesse essere un operatore di miracoli tutto il tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.