Buone notizie dal Ministero della Gioventù in Italia

momento della lettura: 3 Minuti

Foto: Luca Bini/Unsplash

In questa rubrica della scorsa settimana, abbiamo esaminato l’importanza delle famiglie e dei loro legami nella fede come una dinamica chiave che può neutralizzare una cultura tossica anti-giovani e aprire la porta alla trasformazione personale per tutta la famiglia.

Dovrebbe essere chiaro alla maggior parte delle persone che questo lavoro è vitale per il futuro della Chiesa in Australia. La Chiesa ha perso un gran numero di giovani dalle sue fila oltre un secolo fa. Questo fatto è così evidente a tutti che ha costituito una parte importante delle deliberazioni della prima assemblea del Consiglio Generale che si è conclusa alla fine della settimana.

Parte del problema è che c’è stata relativamente poca analisi e profonda riflessione da parte della chiesa in questo paese sul perché questa situazione si è sviluppata e quindi su come porvi rimedio. Un altro aspetto è la diffusa adozione da parte della chiesa di un modello di gestione pseudo-aziendale, che imita il settore degli affari australiano insieme – al servizio dei giovani – all’impiego di individui che non sono essi stessi ben organizzati nella loro fede, qualunque sia il loro zelo generale . Egli è.

Perché questo sia importante dovrebbe essere chiaro: riuscire a mantenere e poi sviluppare la fede nelle famiglie e tra i giovani è la chiave della nuova evangelizzazione. L’approccio sbagliato senza quadri ben formati avrà solo un successo interno sporadico e di breve durata.

Ma ci sono buone notizie. Oggi in Italia c’è una fiorente pastorale giovanile cattolica centrata nella provincia nord italiana della Lombardia, che è stata fondata nel 2002, ma si è gradualmente diffusa in tutto il paese. È uno dei veri successi della Chiesa italiana.

READ  Nations League, Spagna e Germania 6-0. Un gol per Murata

È noto come Oratorio e può forse far risalire le sue radici a San Filippo Neri (1515-1595) passando per San Don Bosco (1815-1888) e Maddalena Gabriella di Canossa (1774-1835), fondatrice delle Monache della Chiesa. Vale la pena riconoscere che oggi sono circa 7.000 gli oratori sparsi in quel Paese, di cui circa 3.000-3.500 concentrati nella stessa Lombardia. Nella sola diocesi di Milano sono circa 1.500.

Il cuore del parlare in pubblico non sono tanto le strutture fisiche o gli spazi delle attività giovanili, è molto di più. Il presidente dell’Italian Forum Oratori (FOI) ha dichiarato ai media cattolici australiani un decennio fa che mentre strutture come cinema, stadi, sale ricreative e aule religiose erano importanti nelle attività di public speaking, l’importante sono i leader giovani e maturi che sono al loro centro. Ha detto: “E i giovani risponderanno”. “Attualmente sono un milione e mezzo i giovani che partecipano regolarmente alle attività dell’Oratorio”.

Oltre ai bambini, ai giovani e agli studenti che partecipano regolarmente, circa 250.000 volontari (principalmente laici, ma anche sacerdoti e religiosi) partecipano continuamente e attivamente, contribuendo con il loro tempo, energia e capacità di insegnamento. Il cardine di ogni public speaking è la presenza quotidiana di catechisti, sportivi e responsabili della manutenzione e del mantenimento delle strutture.

Ciò che è interessante è che il numero di giovani italiani che partecipano a una serie di attività religiose, sportive e sociali al centro del parlare in pubblico è stimato in 3 milioni, se si tiene conto di molti che vanno e vengono, con diversi gradi di impegno . La crescita e la portata delle attività dell’Oratorio ei numeri coinvolti hanno portato la Libertà di Informazione sotto la guida pastorale della Conferenza Episcopale Italiana.

READ  Un uomo italiano avrebbe cercato di far saltare in aria la casa del suo vicino

Il FOIA riunisce una quarantina di leader in questo campo, in rappresentanza delle associazioni religiose e laiche che gestiscono i ministeri giovanili. Il suo scopo principale è quello di monitorare gli sviluppi all’interno del vasto numero di oratori e di facilitare il reciproco arricchimento delle esperienze maturate. Sebbene vengano utilizzati una varietà di stili e approcci, c’è un filo conduttore che li attraversa tutti: almeno una, ma il più delle volte, le parrocchie si uniscono per condividere spazi fisici e personale per il loro lavoro con i giovani.

La presenza dei sacerdoti è necessaria perché una seria formazione alla fede, liturgia e sacramenti sono l’essenza della vita oratoria, ma spesso i sacerdoti rimangono sullo sfondo come risorse spirituali, permettendo ai laici di fare gran parte del lavoro. A Milano, il successo di Khatib ha portato alla creazione della cooperativa Aquila e Priscilla, gestita interamente da laici. Il loro successo supporta anche la percezione dei giovani che i predicatori siano comunità di fede viva di un tipo che non hanno sperimentato da nessun’altra parte.

È stato detto che ciò che un uomo può fare, può farlo anche un altro. La portata, la portata e il successo del Catholic Youth Service in Italia attraverso il Predicatore dovrebbero indurre qualcuno, da qualche parte, nella Chiesa in Australia a considerare di indagare su queste questioni al fine di apprendere ciò che potremmo essere in grado di scoprire – e applicare le lezioni qui anche.

Imparentato:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *