La scrittrice Sally Rooney rimanda la traduzione in ebraico di un nuovo romanzo

La scrittrice Sally Rooney ha ritardato la traduzione in ebraico del suo libro attuale, citando “un sistema di dominazione razziale e apartheid contro i palestinesi”.

nella situazione attuale Martedì rilasciato Attraverso i suoi rappresentanti letterari, la Wylie Agency, la scrittrice irlandese ha detto che spera di trovare un traduttore ebraico per Bel mondo dove seiche è uscito il mese scorso ma non lo farà tramite un editore israeliano. I suoi precedenti romanzi più venduti Persone normali e Conversazioni con gli amici, in ebraico dalla casa editrice Modan.

Modan, che ha detto che le era stato detto che la scrittrice non voleva che il suo ultimo libro venisse pubblicato in Israele, ha detto che il precedente lavoro di Rooney aveva venduto “molto bene” in Israele. Si è rifiutata di fornire statistiche. Nel frattempo, un funzionario israeliano ha descritto la decisione come “estremamente sfortunata”.

“Capisco che non tutti saranno d’accordo con la mia decisione, ma semplicemente non credo che sarebbe appropriato per me nelle circostanze attuali accettare un nuovo contratto con una società israeliana che non si distanzia pubblicamente dall’apartheid e sostiene gli Stati Uniti Nazioni – ha detto Rooney, 30 anni, uno dei giovani scrittori più famosi al mondo che in passato ha sostenuto i palestinesi “stabiliscono i diritti del popolo palestinese”.

Il quotidiano israeliano Haaretz ha pubblicato per la prima volta la decisione di Rooney.

Il precedente lavoro di Rooney è ancora disponibile in ebraico e in inglese in Israele. I lettori possono ordinare Bel mondo dove sei È in inglese su siti Web esterni come Amazon e Book Depository, ma è attualmente inaccessibile a chi parla l’ebraico, la lingua dominante tra gli ebrei israeliani.

READ  I traduttori afghani che hanno assistito l'esercito canadese hanno solo 3 giorni per richiedere il reinsediamento
Rooney partecipa ai Costa Book Awards il 29 gennaio 2019 a Londra, Inghilterra. In una dichiarazione rilasciata martedì, il romanziere ha espresso sostegno al movimento di boicottaggio, che chiede boicottaggi, dismissioni e sanzioni contro le imprese, le istituzioni culturali e le università israeliane. (Henry Nichols/Reuters)

Rooney elogia il movimento di boicottaggio

Nella sua dichiarazione, Rooney ha citato due rapporti – delle organizzazioni israeliane per i diritti umani B’Tselem e Human Rights Watch di New York – che concludono che Israele è colpevole del crimine internazionale di apartheid a causa delle sue politiche discriminatorie nei confronti dei palestinesi all’interno dei suoi confini. e nei territori occupati.

Questi rapporti, ha detto, “confermano ciò che i gruppi palestinesi per i diritti umani affermano da tempo: il sistema israeliano di apartheid e apartheid contro i palestinesi è coerente con la definizione di apartheid secondo il diritto internazionale”.

Rooney ha elogiato il movimento BDS, che chiede boicottaggi, dismissioni e sanzioni contro le aziende, le istituzioni culturali e le università israeliane.

Il movimento di boicottaggio dice che cerca di porre fine all’occupazione israeliana delle terre catturate nella guerra in Medio Oriente del 1967 ea ciò che descrive come una discriminazione contro la minoranza araba israeliana. Richiede anche il “diritto al ritorno” per milioni di profughi palestinesi e per i loro discendenti alle case dei loro antenati fuggiti o espulsi nella guerra del 1948 a causa della costituzione dello Stato di Israele.

I funzionari israeliani respingono con veemenza le accuse di apartheid, e Israele e altri oppositori del boicottaggio affermano che la campagna di boicottaggio incoraggia l’antisemitismo e mira a delegittimare o addirittura distruggere Israele. Nel 2019, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha minacciato di trattenere i fondi federali dalle istituzioni educative che non avessero respinto il movimento di boicottaggio e più di 30 stati hanno approvato una legislazione anti-boicottaggio.

Rooney è l’ultimo personaggio pubblico di alto profilo ad adottare il movimento di boicottaggio, i cui sostenitori includono i musicisti Roger Waters e Brian Eno, e i registi Mike Lee e Ken Loach e Viola Autore Alice Walker.

Reazioni contrastanti alla decisione

La Campagna Palestinese per il Boicottaggio Accademico e Culturale di Israele, un membro fondatore del movimento di boicottaggio, ha dichiarato in una dichiarazione che “accoglie con favore” la decisione dell’autore.

“Rooney si unisce a innumerevoli autori internazionali nel sostenere il boicottaggio culturale istituzionale del settore editoriale complice in Israele, proprio come gli artisti progressisti una volta hanno sostenuto il boicottaggio dell’apartheid in Sud Africa”, si legge nella dichiarazione.

“È molto spiacevole che Sally Rooney abbia scelto la via della discriminazione e del boicottaggio”, ha affermato Nurit Tenari, direttore del Dipartimento per gli affari culturali e scientifici presso il ministero degli Esteri israeliano.

“La letteratura e l’arte mirano a promuovere il dialogo”, ha affermato. “Ci aspettiamo che l’autore voglia favorire il dialogo, ascoltare altri punti di vista e influenzare attraverso il discorso”.

La decisione di Rooney è stata sostenuta martedì dal romanziere vincitore del Premio Pulitzer Michael Chabon, che ha scritto in una e-mail all’Associated Press che “come orgoglioso scrittore ebreo che vuole che Israele sopravviva e prosperi, (e quindi) sostiene il popolo palestinese nella sua lotta per uguaglianza, giustizia e diritti umani.” Dico yasher koch (ebraico che significa “buon lavoro” o “più potere per te”) a Ronnie.”

Come Ronnie, Chabon ha tradotto opere precedenti in ebraico. Quando gli è stato chiesto cosa potrebbe fare in futuro, ha risposto: “Dovrei pensare a come affrontare questa situazione quando sarà il momento, con il mio prossimo libro, ma qualcosa del genere, se così concentrato ed espressivo, sembra inappropriato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *