L’India incontra Cina e Russia a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai | Notizie di politica

L’India incontra Cina e Russia a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai |  Notizie di politica

Il ministro degli Esteri indiano tiene colloqui con i suoi omologhi di Cina e Russia in vista della riunione dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai.

Il ministro degli Esteri indiano ha avuto colloqui con i suoi omologhi di Cina e Russia in vista della riunione del Forum sulla sicurezza dell’Asia centrale che si terrà nel centro turistico di Goa.

Subramaniam Jaishankar ha dichiarato giovedì di aver avuto discussioni approfondite con il ministro degli Esteri cinese Qin Gang sulle relazioni bilaterali a margine del vertice di due giorni dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO).

“L’attenzione rimane sulla risoluzione delle questioni in sospeso e sulla garanzia di pace e tranquillità nelle zone di confine”, ha scritto su Twitter dopo l’incontro.

India e Cina sono state coinvolte in un’intensa situazione di stallo per tre anni che ha coinvolto migliaia di soldati di stanza lungo il loro conteso confine nella regione himalayana orientale del Ladakh.

Un incontro della scorsa settimana tra i loro ministri della difesa ha dato un’idea di come i due paesi vedano diversamente la situazione lungo il confine. Mentre l’India ha accusato il suo vicino di minare le relazioni violando gli accordi bilaterali, la Cina ha affermato che le condizioni del confine sono “generalmente stabili”.

Uno scontro avvenuto tre anni prima in Ladakh provocò la morte di 20 soldati indiani e quattro cinesi.

Jaishankar ha anche affermato di aver condotto una “revisione completa della cooperazione bilaterale, globale e multilaterale” con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar e il suo omologo cinese Chen Gang (a sinistra) posano per una foto durante la riunione del Consiglio dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Goa. [India’s Ministry of External Affairs/Handout via Reuters]

La crescente dipendenza della Russia dalla Cina

Gli analisti affermano che l’India sarà probabilmente preoccupata per la crescente dipendenza della Russia dalla Cina mentre continua la sua invasione dell’Ucraina.

READ  I gruppi ambientalisti stanno facendo causa alla Federal Aviation Administration per il lancio di SpaceX dal Texas - Ars Technica

Il rapporto di Nuova Delhi con Mosca, suo alleato durante la Guerra Fredda, è rimasto forte. Non è riuscito a condannare il Cremlino per l’invasione dell’Ucraina ed è emerso come il più grande acquirente di greggio russo tra gli sforzi occidentali per tagliare le entrate petrolifere di Mosca durante la sua guerra con Kiev.

L’aumento dell’influenza di Pechino su Mosca potrebbe essere una preoccupazione per l’India, poiché acquista ancora la maggior parte delle sue attrezzature per la difesa dalla Russia.

I ministri degli Esteri degli Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, un patto di sicurezza dominato da Mosca e Pechino, sono arrivati ​​a Goa, in India, dove venerdì dovrebbero discutere dell’approfondimento della cooperazione economica e di sicurezza nella regione. A luglio è previsto un vertice dei leader dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai.

Il Pakistan, acerrimo nemico dell’India, è anche membro dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. Il suo ministro degli Esteri, Bilawal Bhutto Zardari, sta effettuando la prima visita di un alto funzionario pakistano in India in quasi un decennio.

La presenza di Zardari ha acceso la speculazione di un miglioramento delle relazioni tese tra i due paesi dell’Asia meridionale, anche se i due ministri hanno negato la speculazione su una conversazione bilaterale.

“Durante la mia visita, che si concentra esclusivamente sull’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, non vedo l’ora di avviare discussioni costruttive con le mie controparti dei paesi amici”, ha detto Zardari in un tweet prima di partire per l’India.

I due paesi hanno una storia di aspre relazioni, in particolare sul Kashmir, un territorio conteso nell’Himalaya che è stato diviso tra loro ma rivendicato da entrambe le parti. India e Pakistan hanno combattuto due guerre per il Kashmir da quando hanno ottenuto l’indipendenza dal dominio coloniale britannico nel 1947.

READ  I funzionari americani rinnovano i loro appelli affinché Israele riduca le vittime civili a Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

Jaishankar ha tenuto colloqui con il segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, Zhang Ming, giovedì e dovrebbe anche parlare con il ministro degli Esteri dell’Uzbekistan.

La Russia e la Cina hanno istituito l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai nel 2001 come contrappeso alle alleanze statunitensi attraverso l’Asia orientale e l’Oceano Indiano. Il gruppo comprende quattro paesi dell’Asia centrale, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan, che la Russia considera il suo cortile.

Nel 2017, India e Pakistan sono diventati membri e l’Iran dovrebbe aderire entro la fine dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *