“La gente muore di fame”: il Programma Alimentare Mondiale afferma che le operazioni umanitarie a Gaza stanno “collassando” | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

“La gente muore di fame”: il Programma Alimentare Mondiale afferma che le operazioni umanitarie a Gaza stanno “collassando” |  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Un alto funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che la recente tregua di sette giorni ha dimostrato che gli aiuti umanitari potrebbero essere consegnati se le condizioni lo consentissero.

Il Programma alimentare mondiale ha affermato che la sua capacità di fornire beni di prima necessità agli abitanti di Gaza è sull’orlo del collasso a causa dei crescenti attacchi israeliani.

“Non c’è abbastanza cibo. La gente muore di fame”, ha scritto su X, in precedenza su Twitter, il vicedirettore del WFP Karl Skau, dopo una visita venerdì all’enclave costiera assediata.

Ha detto che la sua squadra ha raggiunto più di un milione di persone, “ma la situazione è insostenibile”. “Dobbiamo far arrivare le nostre scorte”, ha scritto Skau, chiedendo un cessate il fuoco immediato per motivi umanitari.

“Solo una piccola parte del cibo necessario raggiunge la Striscia di Gaza, c’è carenza di carburante e nessuno è al sicuro”, ha continuato Skau in una dichiarazione al Programma alimentare mondiale.

I campi e i rifugi di emergenza erano sovraffollati, ha scritto, poiché ogni giorno si sentiva in sottofondo il tuono attutito dei raid israeliani.

Venerdì ragazze palestinesi sfollate stanno accanto a una tenda in un campo a Rafah [Saleh Salem/Reuters]

“Con il collasso della legge e dell’ordine, qualsiasi operazione umanitaria significativa diventa impossibile”, ha affermato il funzionario delle Nazioni Unite.

Ha aggiunto: “Gli abitanti di Gaza vivono sovraffollati in rifugi antigenici o per strada mentre l’inverno si avvicina. Sono malati e non hanno abbastanza cibo”.

Israele continua i bombardamenti sulla Striscia di Gaza dopo che venerdì gli Stati Uniti hanno posto il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco, una mossa fortemente condannata dalle organizzazioni umanitarie.

READ  Migliaia di persone fuggono mentre i vigili del fuoco combattono gli incendi in Costa Azzurra

Con una mossa rara, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha innescato il voto invocando l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite, una procedura che non viene utilizzata da decenni, dicendo: “Il popolo di Gaza sta guardando nell’abisso”.

Almeno 17.700 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e bambini, sono stati uccisi in due mesi, e quasi altri 49.000 sono rimasti feriti, mentre molte persone rimangono intrappolate sotto le macerie.
Skau ha affermato che la recente tregua di sette giorni ha dimostrato che gli aiuti umanitari potrebbero essere consegnati se le condizioni lo consentissero.

“Abbiamo cibo nei camion, ma abbiamo bisogno di più di un passaggio. Una volta che i camion saranno arrivati, avremo bisogno di un passaggio libero e sicuro per raggiungere i palestinesi ovunque si trovino. Ciò sarà possibile solo attraverso un cessate il fuoco umanitario e, in definitiva, abbiamo bisogno per porre fine a questo conflitto.

“Nove su dieci non mangiano tutti i giorni.”

Skaw ha detto sabato all’agenzia di stampa Reuters che una nuova operazione per ispezionare gli aiuti a Gaza al valico di Kerem Shalom, che Israele chiama Kerem Shalom, è in fase di sperimentazione.

Israele ha finora respinto gli appelli delle Nazioni Unite per l’apertura del valico di Abu Salem, ma entrambi hanno indicato giovedì che il valico potrebbe presto aiutare a consegnare forniture umanitarie a Gaza.

La squadra della Mezzaluna Rossa Palestinese riceve un camion di aiuti a Rafah [Palestine Red Crescent Society/Reuters]

Finora sono stati consegnati aiuti limitati dall’Egitto attraverso il valico di Rafah, che non è attrezzato per accogliere un gran numero di camion.

I camion stavano viaggiando per più di 40 chilometri (25 miglia) a sud fino al confine egiziano con Israele prima di tornare a Rafah, causando colli di bottiglia e ritardi.

READ  Le autorità di regolamentazione iniziano l'ispezione di sicurezza finale prima che le acque reflue trattate di Fukushima vengano scaricate in mare - Notizie dal Mondo

“È positivo, è vantaggioso perché sarà anche la prima volta che potremo portare un gasdotto dalla Giordania. Ma abbiamo bisogno anche di quel punto di ingresso perché farebbe una grande differenza”, ha detto Skau.

Parlando ai giornalisti in Israele all’inizio di questa settimana, il colonnello Elad Goren, capo del dipartimento civile della COGAT, l’agenzia israeliana per il coordinamento civile con i palestinesi, ha detto: “Apriremo il valico di Kerem Shalom solo per le ispezioni. “Accadrà nei prossimi giorni.”

Goren ha affermato che la squadra che coordina le azioni governative nelle regioni ha partecipato alle discussioni con gli Stati Uniti, le Nazioni Unite e l’Egitto riguardo all’aumento del volume degli aiuti umanitari.

“Inizialmente abbiamo mobilitato le nostre risorse interne in modo da avere cibo disponibile in Egitto e Giordania per raggiungere circa un milione di persone in un mese. Siamo pronti a partire. I camion sono pronti a partire”, ha detto Skau.

Skaw ha descritto la situazione a Gaza come sempre più caotica poiché le persone ottengono ciò che possono dai punti di distribuzione degli aiuti.

Ha aggiunto: “C’è da chiedersi per quanto tempo tutto ciò potrà continuare, perché l’operazione umanitaria sta fallendo”.

“Metà della popolazione muore di fame e nove persone su dieci non mangiano tutti i giorni. È chiaro che i bisogni sono enormi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *