Rapporto: l’Australia espelle silenziosamente il principale anello di spionaggio russo – Notizie dal Mondo

Rapporto: l’Australia espelle silenziosamente il principale anello di spionaggio russo – Notizie dal Mondo

L’Australia ha tranquillamente espulso una grande rete di spionaggio russa i cui membri si spacciavano per diplomatici, secondo quanto riferito da un giornale venerdì, dopo che la principale agenzia di sicurezza australiana ha rivelato un grande successo di controspionaggio.

Il Sydney Morning Herald ha riferito, citando fonti anonime a conoscenza dell’operazione, che la rete di spie era composta da presunti membri dell’ambasciata e del consolato, nonché da altri agenti che utilizzavano identità sotto copertura.

L’Australian Security Intelligence Organization, la principale agenzia di spionaggio nazionale del paese, ha rivelato martedì di aver “scoperto e interrotto un’importante rete di spionaggio”. ASIO non ha menzionato il paese responsabile.

Il segretario generale della sicurezza dell’ASIO Mike Burgess ha descritto la rete come un “alveare” di spie perché era più grande e più pericolosa del “nido” di spie precedentemente disabilitato. I numeri esatti non sono stati comunicati.

“Agenti e agenti sono stati reclutati come parte di una rete più ampia. Tra le altre attività dannose, volevano rubare informazioni sensibili”, ha affermato Burgess nel rapporto annuale dell’ASIO sulle minacce all’Australia.

“Era chiaro per noi che le spie erano altamente addestrate perché usavano abilità sofisticate per nascondere le loro attività”, ha aggiunto Burgess.

READ  I sondaggi d'opinione mostrano che il partito di centrodestra è in testa alle elezioni portoghesi Notizie sulle elezioni

ASIO, ha detto, “li ha portati fuori da questo paese, privatamente e professionalmente”.

Il giornale ha riferito che le spie russe erano state silenziosamente costrette a lasciare l’Australia negli ultimi sei mesi senza rinnovare né annullare i loro visti.

Si temeva che l’espulsione pubblica delle spie potesse portare a rappresaglie contro i diplomatici e altri australiani che vivevano in Russia.

Venerdì l’ambasciata russa in Australia non ha risposto a una richiesta di commento.

Il primo ministro Anthony Albanese non ha detto se la rete di spionaggio ASIO interrotta fosse russa.

“Non commento i briefing sulla sicurezza nazionale, sto solo dicendo che l’ASIO sta facendo un ottimo lavoro nel difendere l’interesse nazionale dell’Australia e hanno la mia assoluta fiducia e il mio sostegno nello svolgere quel lavoro”, ha detto Albanese ai giornalisti.

Prima che Albanese fosse eletto al governo nel maggio dello scorso anno, aveva chiesto l’espulsione dei diplomatici russi dall’Australia in risposta all’invasione dell’Ucraina.

Ma l’ambasciatore russo Alexei Pavlovsky rimane nella posizione australiana che ha ricoperto dal maggio 2019.

Il giornale ha riferito che l’ASIO ha approfittato delle successive decisioni del governo per consentire ai diplomatici russi di rimanere continuando le indagini di controspionaggio e identificando i membri della rete.

Burgess ha descritto lo smantellamento della rete di spionaggio come un esempio della “posizione di controspionaggio più aggressiva della sua agenzia”.

Venerdì l’ufficio stampa dell’ASIO ha rifiutato di commentare se la rete fosse russa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *