I futuri piloti militari giapponesi saranno formati presso la Scuola IFTS italiana

Oltre al Qatar e alla Germania, anche il Giappone ha scelto di inviare i propri piloti militari per completare la propria formazione operativa nell’Aeronautica Militare Italiana e nella Leonardo International Flight Training School (IFTS).

Installazione IFTS in futuro

Leonardo rilasciato a comunicato stampa Abbiamo riferito che il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale Alberto Rosso, e il Capo di Stato Maggiore della Japan Air Self-Defense Force (JASDF), Generale Shunji Izutsu, hanno firmato oggi un importante accordo tecnico sull’addestramento dei militari giapponesi piloti. .

Grazie a questo accordo, i piloti militari giapponesi parteciperanno a corsi di addestramento avanzato (quarta fase) presso l’International Flight Training School (IFTS). IFTS è una joint venture tra l’Aeronautica Militare e Leonardo, e comprende anche una partnership industriale tra Leonardo e CAE per la manutenzione/supporto della flotta di aeromobili e simulatori.

L’interesse del Giappone per le capacità addestrative sviluppate dall’Aeronautica Militare è stato ulteriormente rafforzato dopo una serie di discussioni e iniziative culminate con una visita al 61° Stormo della Base Aerea di Lecce Galatina nel settembre 2020. Questo è stato quando la delegazione JASDF ha potuto fare così. Apprezziamo l’eccellenza del sistema di addestramento dell’Aeronautica Militare, in particolare il sistema di addestramento integrato sviluppato da Leonardo incentrato sul T-346A.

L’accordo tecnico appena firmato consente un graduale aumento dell’assunzione sperimentale di studenti JASDF nei prossimi anni. In futuro, gli insegnanti giapponesi potranno essere accolti nella scuola per lavorare al fianco dei colleghi italiani, in un approccio che favorisca lo scambio di esperienze, il miglioramento e la standardizzazione delle procedure, a vantaggio di tutti gli operatori del settore.

M-346 IFTS per piloti militari
Leonardo M346

Il Giappone è il terzo Paese, dopo Qatar e Germania, a selezionare la International Flight Training School (IFTS) per i propri piloti.

READ  Draghi Ally è considerato il miglior candidato per la gestione di un istituto di credito statale italiano

Il progetto mira a raddoppiare l’odierna offerta formativa realizzando un nuovo centro di formazione distribuito tra le basi di Galatina e Decimomannu, in Sardegna, dove è in fase di realizzazione il nuovo campus IFTS. Una vera e propria accademia di volo potrà ospitare studenti e personale tecnico e disporrà di alloggi oltre ad aree di intrattenimento, caffetteria e impianti sportivi. L’infrastruttura logistica di manutenzione garantirà l’operatività della flotta di 22 velivoli M-346 (designati T-346A dall’Aeronautica Militare Italiana). L’intero edificio ospiterà il Ground Based Training System (GBTS), con aule e l’installazione di un sistema di formazione all’avanguardia basato su simulatori di ultima generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *