Due giovani sono stati uccisi e altri 15 sono stati arrestati durante i raid israeliani nella Cisgiordania occupata Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Due giovani sono stati uccisi e altri 15 sono stati arrestati durante i raid israeliani nella Cisgiordania occupata  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

L’esercito israeliano ha effettuato diversi raid nella Cisgiordania occupata mentre continuavano i pesanti combattimenti nella Striscia di Gaza, un giorno dopo che gli Stati Uniti avevano usato il loro veto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per bloccare le schiaccianti richieste di un immediato cessate il fuoco umanitario.

L’Associazione dei prigionieri palestinesi ha detto ad Al Jazeera che i raid, iniziati di notte e continuati fino a sabato, hanno avuto luogo vicino a Jenin, Qalqilya, Nablus, Gerico, Ramallah, Betlemme e Hebron, con almeno 15 palestinesi arrestati in tutta la regione.

Il Ministero della Sanità palestinese ha affermato che due giovani sono stati uccisi dai proiettili delle forze di occupazione israeliane, il primo dei quali è stato martirizzato a Dura, a sud di Hebron.

Il Ministero della Sanità palestinese ha affermato che le forze di occupazione israeliane hanno sparato anche al giovane Mahmoud Basem Abu Haniyeh (17 anni) nella città di Azzun a Qalqilya, nella Cisgiordania occupata.

D’altro canto, il giovane palestinese Sari Youssef Amr (25 anni), ucciso sabato dalle forze di occupazione israeliane, è stato martirizzato, secondo l’agenzia di stampa palestinese Wafa.

Amr è stato ferito durante il raid a Dura, e Wafa ha citato suo padre che aveva affermato che le forze di occupazione avevano sparato proiettili veri contro la sua casa prima di arrestare Amr e suo fratello Suhaib.

Il ministero ha affermato che almeno 273 persone, tra cui 63 bambini, sono state uccise nella Cisgiordania occupata dal 7 ottobre, quando è scoppiato il conflitto israelo-palestinese.

Gli attacchi del gruppo militante palestinese Hamas quel giorno hanno spinto Israele ad avviare un attacco aereo e terrestre su larga scala su Gaza, provocando la morte di circa 17.500 persone. In Israele il bilancio delle vittime arriva a 1.147.

READ  La lotta infuria in prima linea in Ucraina mentre la Russia continua ad attaccare | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina
(Al Jazeera)

Nidaa Ibrahim, corrispondente di Al Jazeera, da Ramallah, ha affermato che i raid vengono condotti quotidianamente in diverse città e paesi palestinesi nella Cisgiordania occupata.

“Israele sta addirittura detenendo persone che sono state rilasciate nell’ambito di queste ultime [truce] Ha detto che l’accordo ha visto lo scambio di prigionieri detenuti da Hamas con prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Alcuni prigionieri sono stati arrestati e picchiati prima di essere nuovamente rilasciati.

Ibrahim ha affermato che, sebbene le forze israeliane non abbiano arrestato nuovamente nessuno degli oltre 200 palestinesi rilasciati come parte della tregua temporanea, ciò potrebbe presto cambiare con l’escalation dei raid nella Cisgiordania occupata.

“I palestinesi dicono che potrebbero volerci alcuni minuti [Israeli forces] “Arresteremo questi prigionieri”, ha detto, sottolineando che il numero di arresti palestinesi aumenta ogni giorno.

Secondo il nostro corrispondente, un giovane di 15 anni è stato detenuto a Gerico per due ore e mezza, picchiato e infine rilasciato.

Nei primi quattro giorni della tregua durata una settimana tra Israele e Hamas, Israele ha rilasciato 150 prigionieri palestinesi. Negli stessi quattro giorni, secondo le associazioni dei prigionieri palestinesi, Israele ha arrestato almeno 133 palestinesi di Gerusalemme Est e della Cisgiordania.

Più di 3.600 persone sono state arrestate dall’infiltrazione e dall’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Sabato a Jenin, le forze di occupazione israeliane hanno arrestato quattro fratelli di Bilal Diab, membro del movimento palestinese della Jihad islamica, mentre hanno arrestato un minore di Qalqilya. Almeno quattro palestinesi sono stati arrestati a Ramallah, oltre ad altri arresti a Betlemme e Hebron.

Bombardamento di Gaza

Gli aerei da guerra israeliani stanno bombardando parti della Striscia di Gaza settentrionale, centrale e meridionale.

READ  Gli Stati Uniti hanno inviato sottomarini nucleari in Iran

Il Ministero della Sanità di Gaza ha affermato che i raid hanno preso di mira la città meridionale di Khan Yunis, e almeno cinque persone sono state uccise in un attacco separato a Rafah, una città classificata come sicura dall’esercito israeliano.

Molti degli 1,9 milioni di palestinesi sfollati a causa della guerra a Gaza si sono rivolti a sud, trasformando Rafah, vicino al confine egiziano, in un vasto campo di disperazione e disperazione mentre la portata dell’offensiva israeliana si espande.

A Khan Yunis vi sono continui bombardamenti di artiglieria e aerei sui lati orientale e centrale. Il corrispondente di Al Jazeera a Rafa, Hani Mahmoud, ha detto che i veicoli militari israeliani hanno continuato ad avanzare verso il centro della città, vicino all’ospedale Nasser.

E aggiunge: “È stata presa di mira una casa nella quale questa mattina è stata uccisa un’intera famiglia, 13 persone”.

È stata presa di mira anche Deir al-Balah, nella Striscia di Gaza centrale.

“L’esercito israeliano ha descritto quest’area come un’area sicura, motivo per cui qui ci sono molti sfollati. I sopravvissuti stanno cercando di salvare i feriti. Lo stato di distruzione è enorme ed è molto difficile salvare i feriti. Il nostro Un collega di Al Jazeera Arabic ha detto: “Non ci sono attrezzature e tutti, compresi i funzionari… I soccorritori usano le mani per rimuovere le macerie”.

“La gente non mangia da giorni”

Ampie aree di Gaza sono ridotte in macerie e le Nazioni Unite affermano che circa l’80% della popolazione è sfollata, con segnalazioni di gravi carenze di cibo, carburante, acqua e medicine.

Mahmoud ha detto che le persone a Rafah non hanno tutti i beni di prima necessità che potrebbero aiutarle a sopravvivere.

READ  Guerra in Ucraina: Kiev ha subito un massiccio attacco di droni russi - Sindaco

“La gente qui non ha mangiato negli ultimi due giorni. Se le persone non muoiono a causa dei bombardamenti, potrebbero morire di fame.”

Ha aggiunto: “La situazione è molto disperata”. Fa molto freddo e ventoso… c’è la possibilità di allagamenti se inizia a piovere. Le tende sono molto piccole e non adatte a viverci.”

Nel frattempo, mentre il bilancio delle vittime degli operatori sanitari nel conflitto aumenta, più di una dozzina di Stati membri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno presentato venerdì un progetto di risoluzione che esorta Israele a rispettare i suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale di proteggere gli operatori sanitari e umanitari a Gaza, come nonché ospedali e strutture mediche.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), solo 14 dei 36 ospedali della Striscia di Gaza erano operativi a qualsiasi titolo.

(Al Jazeera)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *