Putin sta valutando le opzioni se l’Occidente rifiuta le garanzie che la NATO non si espanderà in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto domenica che prenderà in considerazione un gran numero di opzioni se l’Occidente non riuscirà a soddisfare la sua richiesta di garanzie di sicurezza per prevenire l’espansione della NATO in Ucraina.

All’inizio di questo mese, Mosca ha presentato bozze di documenti sulla sicurezza chiedendo alla NATO di rifiutare l’adesione dell’Ucraina e di altri ex stati sovietici e di annullare il suo dispiegamento militare nell’Europa centrale e orientale.

Putin ha esortato l’Occidente a muoversi rapidamente per soddisfare le richieste, avvertendo che Mosca avrebbe dovuto adottare “misure tecnico militari appropriate” se l’Occidente avesse continuato il suo “percorso aggressivo” “alle nostre porte”.

In risposta a una domanda sulla determinazione della risposta di Mosca, ha affermato in un commento trasmesso domenica dalla televisione di stato russa che “la questione potrebbe essere diversa”, aggiungendo senza chiarimenti che “dipenderà dalle proposte che i nostri esperti militari mi faranno”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati si sono rifiutati di offrire il tipo di garanzia che Putin voleva per la Russia, citando il principio della NATO secondo cui l’adesione è aperta a qualsiasi paese idoneo. Erano d’accordo. Tuttavia, per avviare i colloqui di sicurezza con la Russia il mese prossimo per discutere le sue preoccupazioni.

Putin ha detto che i colloqui con gli Stati Uniti si terranno a Ginevra. Parallelamente, sono in programma anche negoziati tra Russia e NATO e sono attese discussioni più ampie sotto gli auspici dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Non abbiamo nessun posto dove tornare indietro

Nei commenti trasmessi domenica, Putin ha affermato che la Russia ha avanzato le richieste nella speranza di ottenere una risposta costruttiva dall’Occidente.

READ  Telefonia: la Costa d'Avorio lancia ufficialmente il processo di numerazione da 8 a 10 cifre

“Non l’abbiamo fatto solo per vederlo oscurato… ma allo scopo di un risultato diplomatico negoziato stabilito in documenti legalmente vincolanti”, ha detto.

Putin ha ribadito che l’adesione alla NATO dell’Ucraina o il dispiegamento di armi della NATO c’è una linea rossa che Mosca non permetterà all’Occidente di attraversare.

“Non abbiamo un posto dove ripiegare”, ha detto, aggiungendo che la NATO potrebbe schierare missili in Ucraina che impiegherebbero solo quattro o cinque minuti per raggiungere Mosca. “Ci hanno spinto in una linea che non possiamo superare. L’hanno portata al punto in cui dobbiamo semplicemente dire loro;” FERMARE! “

Putin ha espresso preoccupazione per il fatto che gli Stati Uniti e i suoi alleati cercheranno di prolungare i colloqui sulla sicurezza e li useranno come copertura per continuare il loro accumulo militare vicino alla Russia.

Ha sottolineato che la Russia ha pubblicato le sue richieste di sicurezza per annunciare al pubblico e aumentare la pressione sugli Stati Uniti e sui suoi alleati per negoziare un accordo di sicurezza.

Guarda | Putin accusa la NATO di azioni aggressive mentre le tensioni aumentano in Ucraina:

Putin esorta l’Occidente a garantire che l’Ucraina non entri nella NATO

Il presidente russo Vladimir Putin ha utilizzato parti della sua conferenza stampa annuale sulla maratona per fare pressione sui paesi occidentali affinché accettassero le sue richieste di garanzie di sicurezza, incluso assicurarsi che l’Ucraina non potesse aderire alla NATO. 2:00

“Abbiamo un solo obiettivo: raggiungere accordi che garantiscano la sicurezza della Russia e dei suoi cittadini ora e in una prospettiva a lungo termine”, ha affermato.

Il Cremlino ha avanzato la sua richiesta di sicurezza in mezzo alle tensioni per un accumulo di truppe russe vicino all’Ucraina nelle ultime settimane, sollevando i timori occidentali di una possibile invasione. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito Putin in una videochiamata all’inizio di questo mese che la Russia avrebbe dovuto affrontare “serie conseguenze” se avesse attaccato l’Ucraina.

READ  Putin ed Erdogan accettano di avviare pagamenti parziali in rubli per il gas russo

La Russia testa i missili Zircon

Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha dichiarato in un discorso trasmesso domenica che l’espansione della NATO per includere l’Ucraina o altri paesi ex sovietici è “una questione di vita o di morte per noi”.

Ha osservato che il fuoco di prova dei missili ipersonici Zircon russi venerdì aiuterebbe a rendere “più convincente” la spinta russa per le garanzie di sicurezza.

I lanci di venerdì sono stati gli ultimi di una serie di test di Zircon, che secondo Putin è in grado di volare a una velocità nove volte superiore a quella del suono su un raggio di oltre 1.000 km.

Questa è la prima volta che i missili Zircon sono stati lanciati in uno sbarramento, indicando il completamento dei test prima che il nuovo missile entri in servizio con la Marina russa il prossimo anno e armi i suoi incrociatori, fregate e sottomarini.

Domenica, Peskov ha anche fatto riferimento al precedente avvertimento di Putin secondo cui un attacco ucraino al territorio in mano ai ribelli avrebbe “serie conseguenze” per la creazione dello stato ucraino, aggiungendo che “lo sanno bene a Kiev e lo sanno bene a Washington”.

La Russia ha annesso la penisola ucraina di Crimea nel 2014 e poco dopo ha prestato il suo sostegno a una ribellione separatista nell’est del paese. In sette anni, i combattimenti hanno ucciso più di 14.000 persone e hanno devastato la regione industriale dell’Ucraina, nota come Donbass.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.