Il cane più fedele del mondo compie 100 anni

Il cane più fedele del mondo compie 100 anni

Una statua di Hachiko si trova fuori dalla stazione di Shibuya a Tokyo dal 1948

Il motto cinese sulla locandina del film dice tutto: “Ti aspetterò, non importa quanto tempo ci vorrà”.

Racconta la vera storia di Hachiko, un fedele cane che ha continuato ad aspettare il suo padrone in una stazione ferroviaria in Giappone molto tempo dopo la sua morte.

L’Akita Inu bianco crema, nato 100 anni fa, è stato ricordato in tutto, dai libri ai film alla sitcom di fantascienza Futurama. E l’iterazione cinese – la terza dopo la versione giapponese nel 1987 e Richard Gere Star nel 2009 – è stata anche un successo al botteghino.

Ci sono state storie di altri segugi devoti come Greyfriar Bobbyma niente con l’influenza globale di Hishiko.

Una sua statua in bronzo si trova fuori dalla stazione di Shibuya di Tokyo, dove ha atteso invano per un decennio, dal 1948. La statua fu eretta per la prima volta nel 1934 prima di essere riciclata per lo sforzo bellico durante la seconda guerra mondiale. I bambini delle scuole giapponesi imparano la storia di Chuken Hachiko – o fedele cane Hachiko – come esempio di sincerità e devozione.

Hachiko rappresenta il “cittadino giapponese ideale” con la sua “devozione irreprensibile”, afferma la professoressa Christine Yano dell’Università delle Hawaii: “leale, affidabile, obbediente ai maestri, comprensivo, senza fare affidamento sulla razionalità e sul loro posto nel più ampio schema delle cose. .”

La storia di Hachiko

Hachiko è nato nel novembre 1923 nella città di Odate nella prefettura di Akita, la casa originaria degli Akita.

READ  Un tribunale russo ha respinto l'appello di Alexei Navalny ei suoi alleati sono stati arrestati

Un grosso cane giapponese, l’Akita è una delle razze più antiche e popolari del paese. Designati dal governo giapponese come icona nazionale nel 1931, un tempo erano addestrati a cacciare animali come cinghiali e alci.

I cani Akita sono calmi, onesti, intelligenti e coraggiosi [and] obbedienti ai loro padroni”, ha detto Itsu Sakuraba, autore del libro Libro inglese per bambini su Hachiko. D’altra parte, ha anche una personalità testarda ed è diffidente nei confronti di chiunque non sia il suo padrone.

Nell’anno in cui nacque Hachiko, Hidesaburo Ueno, un famoso professore di agraria e amante dei cani, chiese a uno studente di trovargli un cucciolo di Akita.

Hachiko negli anni '30

Hachiko divenne noto a livello nazionale in Giappone dopo un articolo di giornale nel 1932

Dopo un faticoso viaggio in treno, il 15 gennaio 1924 il cucciolo arrivò alla residenza di Ueno, nel distretto di Shibuya, dove inizialmente fu creduto morto. Secondo il biografo di Hachiko, il professor Mayumi Itoh, Ueno e sua moglie Yai lo curarono per rimetterlo in salute nei sei mesi successivi.

Ueno lo chiamò Hachi, o otto in giapponese. Ko è l’onorificenza assegnata dagli studenti di Ueno.

La lunga attesa

Ueno prendeva un treno per andare al lavoro più volte alla settimana. È stato accompagnato alla stazione di Shibuya dai suoi tre cani, incluso Hachiko. Il trio poi attende lì il suo ritorno in serata.

Il 21 maggio 1925 Ueno, che aveva 53 anni, morì di emorragia cerebrale. Hachiko è stato con lui solo per 16 mesi.

Il professor Ito ha scritto: “Mentre le persone stavano partecipando alla festa, Hachi ha sentito l’odore del dottor Ueno dalla casa ed è entrato nel soggiorno. È strisciato sotto la bara e si è rifiutato di muoversi”.

READ  Esperto: gli sforzi delle Filippine per costruire un “fronte unito” contro la Cina sono fuorvianti

Hachiko trascorse i mesi successivi con varie famiglie fuori Shibuya, ma alla fine, nell’estate del 1925, finì con il giardiniere di Ueno Kikusaburo Kobayashi.

Dopo essere tornato nell’area in cui viveva il suo defunto padrone, Hachiko riprese presto il suo tragitto quotidiano verso la stazione, con la pioggia o con il sole.

Il professor Ito scrive: “La sera, Hachi stava su quattro gambe alla biglietteria e guardava ogni passeggero come se stesse cercando qualcuno”. Il personale della stazione inizialmente lo considerava un fastidio. I venditori di Yakitori gli versavano addosso dell’acqua e i ragazzini lo maltrattavano e lo picchiavano.

Tuttavia, ha guadagnato fama nazionale dopo che il quotidiano giapponese Tokyo Asahi Shimbun ha scritto su di lui nell’ottobre 1932.

La stazione riceveva ogni giorno donazioni di cibo per Hachiko, mentre i visitatori venivano da ogni parte per vederlo. Ho scritto poesie su di lui e sugli Haiku. Secondo quanto riferito, un evento di raccolta fondi nel 1934 per realizzare la sua statua attirò una folla di 3.000 persone.

L’eventuale morte di Hachiko l’8 marzo 1935 fece le prime pagine di molti giornali. Al suo funerale, i monaci buddisti hanno offerto preghiere su di lui e i dignitari hanno letto gli elogi. Migliaia hanno visitato la sua statua nei giorni successivi.

Una coppia gay scatta una foto alla statua di Hachiko

La statua di Hachiko è un luogo popolare ed è spesso sede di proteste politiche

Nell’impoverito Giappone del dopoguerra, una raccolta fondi per una nuova statua di Hachiko è riuscita a raccogliere 800.000 yen, una somma enorme all’epoca, del valore di circa 4 miliardi di yen (£ 22 milioni; $ 28 milioni) oggi.

“In retrospettiva”, ha scritto Takeshi Okamoto in un articolo di giornale del 1982, “mi sembra che sapesse che il dottor Ueno non sarebbe tornato, ma ha continuato ad aspettare: Hachiko ci ha insegnato il valore di mantenere la fiducia in qualcuno”. Vedeva Hachiko alla stazione tutti i giorni.

READ  Gli Stati Uniti bloccano l'operazione informatica russa in dozzine di paesi - Notizie dal mondo

Ricorda Hachiko

Ogni anno, l’8 aprile, si tiene una cerimonia commemorativa per Hachiko fuori dalla stazione di Shibuya. La sua statua è spesso adornata con sciarpe, cappelli di Babbo Natale e, più recentemente, una maschera chirurgica.

La sua montagna è in mostra al Museo Nazionale della Natura e della Scienza di Tokyo. Alcuni dei suoi resti sono sepolti nel cimitero di Aoyama, insieme a Ueno e Yai. Le sue statue sono state gettate anche a Odate, il luogo di nascita di Ueno Hisae, e all’Università di Tokyo e Rhode Island, l’ambientazione americana del film del 2009.

Ce l’ha anche Odate serie di eventi Quest’anno si è messo in fila per festeggiare il suo centesimo compleanno.

Il cane più fedele del mondo sarà ancora celebrato tra un secolo? La professoressa Yano dice di sì perché crede che l ‘”eroismo” di Hachiko non sia definito da un periodo specifico, ma piuttosto senza tempo.

Sakuraba è altrettanto ottimista. “Anche tra 100 anni, questo amore leale e incondizionato rimarrà invariato e la storia di Hachiko continuerà per sempre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *