Nazioni Unite: arrestata eminente attivista per l’educazione delle ragazze afghane | Notizie sull’istruzione

Nazioni Unite: arrestata eminente attivista per l’educazione delle ragazze afghane |  Notizie sull’istruzione

Mutiullah Waisa della ONG Pen Path che viaggiava attraverso l’Afghanistan con una scuola mobile e una biblioteca è stata arrestata a Kabul, secondo la missione delle Nazioni Unite.

Le Nazioni Unite hanno affermato che un importante attivista per l’educazione delle ragazze afghane è stato arrestato a Kabul e hanno chiesto alle autorità talebane di spiegare perché è stato arrestato.

Compagno Allah Wessa, Presidente [Pen Path] Una sostenitrice dell’istruzione femminile, a Kabul [on] Lo ha dichiarato martedì la Missione delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA).

“UNAMA chiede alle autorità de facto di chiarire dove si trova, i motivi del suo arresto e di garantire che abbia accesso alla rappresentanza legale e al contatto con la sua famiglia”.

I portavoce del ministero dell’Informazione e dell’agenzia di intelligence dei talebani non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento o di conferma della detenzione.

Wessa, che proviene dalla provincia meridionale di Kandahar, ha sostenuto per anni l’istruzione delle ragazze, soprattutto nelle aree rurali, anche durante il precedente governo straniero sostenuto dall’Occidente, quando ha affermato che molte ragazze che vivevano in campagna non erano raggiunte attraverso i servizi educativi.

La sua organizzazione, Pen Path, ha tenuto incontri con gli anziani tribali, ha incoraggiato le comunità e le autorità ad aprire scuole e ha distribuito libri e biblioteche mobili.

Secondo rapporti locali, Wesa è stato arrestato dalle forze di sicurezza talebane dopo essere tornato da un viaggio in Europa.

L’amministrazione talebana ha vietato alle ragazze di studiare oltre la prima media e alle donne dalle università, dicendo che c’erano problemi percepiti anche riguardo al codice di abbigliamento delle donne musulmane.

I funzionari hanno detto che stanno lavorando per riaprire le scuole ma non hanno specificato un lasso di tempo.

READ  L'incendio di un'autocisterna fa crollare una parte dell'Interstate 95 a Filadelfia, chiudendo un'importante arteria della costa orientale

Dicono di rispettare i diritti delle donne in base alla loro interpretazione della legge islamica e delle usanze afgane, e che il miglioramento della sicurezza nel paese da quando le forze straniere se ne sono andate ha reso più sicuro per molti bambini andare a scuola.

Wessa è stato esplicito nella sua richiesta di garantire alle ragazze il diritto di andare a scuola e imparare, e ha ripetutamente invitato il governo talebano a revocare il divieto.

I suoi ultimi tweet sull’istruzione femminile hanno coinciso con l’inizio di un nuovo anno scolastico in Afghanistan, con le ragazze rimaste fuori dalle aule e dai campus universitari.

“I danni causati dalla chiusura delle scuole sono irreversibili e innegabili. Abbiamo organizzato incontri con i residenti locali e continueremo la nostra protesta se le scuole rimarranno chiuse.

In un altro tweet poche ore prima del suo arresto, ha detto: “Uomini e donne, vecchi e giovani, tutti da ogni angolo del Paese chiedono i diritti islamici per educare le proprie figlie”.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Afghanistan, Richard Bennett, si è detto preoccupato per l’arresto di Wessa.

“La sua sicurezza è della massima importanza e tutti i suoi diritti legali devono essere rispettati”, ha scritto Bennett su Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *