Il nuovo primo ministro libanese cerca “soluzioni rapide” per aiutare il Paese

Nella sua prima intervista con un media internazionale dalla formazione del governo una settimana fa, Mikati ha riconosciuto che alcuni libanesi faranno fatica ad avere fiducia in lui e nel suo governo dopo essere stati delusi da molti politici in passato.

Ma ha detto alla CNN che era tempo di “formare un governo” per prendere decisioni e porre fine al vuoto politico nel Paese, prima delle elezioni previste per il prossimo maggio.

“Sto facendo soluzioni rapide e rapide che (dovrebbero) essere fatte immediatamente, in particolare energia, salute, istruzione, lavoro e trasparenza, e sto mostrando ai libanesi che c’è governance. C’è trasparenza. Questo è quello che stiamo cercando di fare E spero che ci voglia.” Non ha detto come avrebbe attuato queste riforme.

Mikati, un miliardario che in precedenza è stato primo ministro ad interim nel 2005 e nel 2011, è a capo del gabinetto che presiederà a una depressione economica che la Banca Mondiale considera una delle peggiori al mondo dalla metà del XIX secolo.

E sebbene ci fossero volti nuovi nel governo, molti sono stati scelti dallo stesso stabilimento politico e gruppi che sono stati incolpati per il corruzione Che ha portato al collasso economico del paese.

Uno dei problemi economici più urgenti che il nuovo governo deve affrontare è il costoso programma di sussidi del paese.

Venerdì, il governo libanese ha aumentato i prezzi del petrolio di oltre il 37%, mentre il paese ha continuato ad aumentare i sussidi alle importazioni nel tentativo di attirare aiuti internazionali in denaro.

La decisione dovrebbe aumentare i prezzi per i libanesi, che già soffrono di alti livelli di povertà.

READ  Il poeta di pianoforte orientale Fu Kung muore dopo essere stato infettato dal virus Zhongshi della vita

Ma secondo Mikati, nell’ultimo anno in Libano il 74% dei sussidi superiori a 10 miliardi di dollari è stato “abusato da mercanti e corruzione” e il programma è insostenibile.

Mikati ha detto alla CNN che “il supporto è quasi revocato perché non abbiamo più liquidità o riserve per sostenere il petrolio o altre materie prime”. “Manterremo le sovvenzioni sui medicinali, ma le sovvenzioni su altri prodotti verranno revocate”.

Mikati ha affermato che è importante porre fine al sostegno per l’avvio dei negoziati con il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale e la comunità internazionale.

Il mese scorso la Banca centrale del Libano ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che le aziende stanno approfittando dei sussidi per il carburante. Solo a luglio sono stati pagati circa 800 milioni di dollari per sostenere le importazioni, ma la carenza di carburante rimane dilagante.

Mikati: Hezbollah non può essere aggirato

Il Libano ha trascorso 13 mesi senza un governo completamente formato da quando l’ex primo ministro Hassan Diab si è dimesso dopo un’esplosione mortale nel porto di Beirut lo scorso anno.

Mikati ha detto che ora ha bisogno del sostegno del mondo arabo.

Un anno dopo l'esplosione di Beirut, i sopravvissuti sono ancora tristi e arrabbiati e aspettano ancora giustizia

Il Libano è un piccolo paese nel mondo arabo e stiamo cercando un fratello maggiore di tutti i paesi arabi che venga a prenderci per mano e prendere il Libano. [out] Di questo caos, Mikati ha detto: “Un Libano stabile andrà a beneficio dell’intero mondo arabo”.

In risposta a una domanda sulla presenza degli alleati di Hezbollah nel suo governo, Mikati ha detto: “Hezbollah come partito politico è presente in Libano… non posso ignorare questo partito”.

READ  Incendi boschivi in ​​Grecia: nuovi incendi divampano fuori Atene

Mikati ha affermato che i paesi arabi non hanno ancora contattato Mikati da quando ha formato il suo governo la scorsa settimana, ma rimane ottimista sul fatto che otterrà una “risposta positiva”.

Il primo ministro ha aggiunto di aver ricevuto telefonate da membri dell’amministrazione statunitense la scorsa settimana, i quali sostengono il suo governo, ma il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non lo ha contattato.

Giovedì, Hezbollah ha mostrato autocisterne piene di carburante iraniano nella valle della Bekaa in Libano, sfidando le sanzioni statunitensi. Ma Mikati ha affermato che la spedizione di carburante non è stata approvata dal governo libanese.

“Il governo libanese non ha acconsentito a questo… quindi non credo che il governo libanese sarà soggetto a sanzioni”, ha detto.

Nel frattempo, a più di un anno dall’esplosione del porto, c’è ancora Molte domande senza risposta Su cosa ha portato alla tragedia.

Mikati ha ribadito di chiedere un’indagine internazionale sull’esplosione. “Non posso dire chi, ma sicuramente ci sono quelli da incolpare”, ha detto.

La corrispondente della CNN Tamara Keblawi ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *