L’Iran avverte che gli Stati Uniti dovranno affrontare “problemi” con i piani della task force sul Mar Rosso Notizie Houthi

L’Iran avverte che gli Stati Uniti dovranno affrontare “problemi” con i piani della task force sul Mar Rosso  Notizie Houthi

Gli Stati Uniti e i loro alleati sono in trattative per formare una task force multinazionale per contrastare gli attacchi degli Houthi, allineati con l’Iran, contro le navi nel Mar Rosso.

Il ministro della Difesa iraniano Mohammad Reza Ashtiani ha avvertito che una task force multinazionale pianificata da istituire con il sostegno degli Stati Uniti per proteggere la navigazione nel Mar Rosso dovrà affrontare “problemi straordinari”.

I commenti di Ashtiani sono arrivati ​​dopo che gli Stati Uniti hanno dichiarato la scorsa settimana di essere in trattative con altri paesi per formare una task force a seguito di una serie di attacchi da parte degli Houthi allineati con l’Iran nello Yemen contro navi nel Mar Rosso, hanno riferito giovedì i media statali iraniani.

“Se compiono un passo così irrazionale, si troveranno ad affrontare problemi straordinari”, ha detto Ashtiani all’agenzia ufficiale di stampa degli studenti iraniani (ISNA).

Ha detto: “Nessuno può muoversi in un’area che controlliamo”, riferendosi al Mar Rosso.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, ha detto ai giornalisti la settimana scorsa che Washington era in trattative con “altri paesi” per formare una “task force marittima… per garantire il passaggio sicuro delle navi nel Mar Rosso”, ma non ha fornito ulteriori dettagli. .

Secondo quanto riferito, la task force della coalizione di 12 nazioni a Washington includerà navi da guerra delle marine di almeno quattro paesi: Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Israele.

Con la coalizione, il numero di navi da guerra aumenterà e potranno attaccare obiettivi all’interno dello Yemen come siti di lancio, strutture di comando e siti di stoccaggio missilistico.

READ  La testimonianza contro Derek Chauvin ha rivelato una crepa nel "Muro Blu", ma gli esperti dicono che deve venire giù
(Al Jazeera)

In risposta al bombardamento israeliano di Gaza, seguito all’attacco di Hamas del 7 ottobre, gli Houthi dello Yemen hanno attaccato le navi che attraversavano lo stretto strategico di Bab al-Mandab tra il Mar Rosso e l’Oceano Indiano – uno stretto passaggio che rappresenta il terzo collo di bottiglia più grande nel paese. il mondo. Un punto per le spedizioni di petrolio dopo lo Stretto di Hormuz e Malacca.

Ogni giorno da qui transitano più di sei milioni di barili, la maggior parte diretti in Europa.

Gli attacchi alle spedizioni internazionali si sono intensificati con il sequestro della Galaxy Leader a novembre, per poi culminare in attacchi missilistici e droni contro navi mercantili disarmate e navi militari pesantemente armate di diversi paesi.

In risposta, le marine statunitense e francese hanno già rafforzato la loro presenza nel Mar Rosso per proteggere le navi dal rischio di cattura o attacco da parte degli Houthi.

Tuttavia, gli Houthi hanno una storia di attacchi alle navi nel Mar Rosso. Nel gennaio 2017, durante il conflitto con la coalizione guidata dall’Arabia Saudita, hanno attaccato la fregata Medina utilizzando tre imbarcazioni esplosive senza pilota telecomandate, costringendo la Marina reale saudita a ritirarsi dalle acque yemenite.

Incoraggiati dal loro successo, a maggio e luglio 2018, hanno attaccato due enormi petroliere saudite con missili da crociera di fabbricazione iraniana, simili a quelli utilizzati nei recenti attacchi. Nello stesso periodo furono attaccate anche navi battenti bandiera neutrale.

In seguito al sequestro della nave Galaxy Leader, è stato riferito che gli Stati Uniti stavano valutando la possibilità di designare il movimento Houthi come “gruppo terroristico” per il suo coinvolgimento nella “pirateria navale in acque internazionali” e per aver preso di mira le sue reti finanziarie.

READ  Il più grande iceberg del mondo si separa dall'Antartide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *