‘Se arriviamo secondi, non otteniamo nulla’: l’eredità calcistica di Berlusconi | notizie di calcio

‘Se arriviamo secondi, non otteniamo nulla’: l’eredità calcistica di Berlusconi |  notizie di calcio

Marco van Basten sembrava sul punto di piangere. L’ex nazionale olandese era seduto nello studio televisivo Ziggo Sport nei Paesi Bassi insieme al suo ex compagno di squadra Ruud Gullit poche ore dopo la morte dell’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi all’età di 86 anni.

I suoi vizi politici erano già scritti. Come Berlusconi ha capovolto il consenso politico in Italia ed è diventato il padrino del populismo moderno.

Ma le ex star degli Orange erano lì per parlare dell’altra sua eredità: come l’uomo che ha cambiato per sempre il Milan e il calcio.

Era un grande uomo d’affari, era un politico e avevo un buon rapporto con lui. “Mi è sempre piaciuto”, ha detto un emozionato Van Basten. “Questo è un momento importante. Cruyff è morto, Maradona è morto e lo prendo [Berlusconi] Anche da grande persona ci ha lasciato ora.

Van Basten e Gullit facevano parte della generazione d’oro del Milan che ha dominato il calcio italiano ed europeo alla fine degli anni ’80 e ’90. È stato Berlusconi a lanciare la rivoluzione rossonera.

Nel 1986, Berlusconi, che aveva accumulato una fortuna nel settore immobiliare prima di dedicarsi alla televisione, acquistò il Milan quando ebbe fortuna. Sapeva istintivamente che la combinazione di magia televisiva e passione per il calcio avrebbe portato al successo, sia sullo schermo che nella sala premi.

“Aveva un talento per la televisione che era innato”, ha detto Gianni Riota, scrittore, conduttore televisivo ed ex direttore del TG1, il principale programma di notizie della radio pubblica italiana, che ha avuto diversi scontri con Berlusconi nel corso degli anni. “Conosceva la televisione e ha portato nello sport quel business che c’è sempre stato negli Stati Uniti. Le telecamere, lo scontro di colori, le cheerleader. L’ha portato nel calcio”.

Riota ricorda che quando Berlusconi iniziò a costruire il proprio impero televisivo, fu organizzato un incontro tra lui e il defunto filosofo e scrittore italiano Umberto Eco, che era anche un eminente critico e teorico dei media.

“[Berlusconi] Sono venuti, hanno trascorso alcune ore insieme. Allora mandagli un regalo. E più tardi [Eco] Mi ha detto: “Berlusconi ha fatto esattamente il contrario di quello che ho detto io, ha vinto miliardi.

READ  Non è scappato dall'Italia l'australiano Darren Cahill, peccatore che sfida l'Australia nella finale di Coppa Davis

Berlusconi ha continuato a costruire il più grande gruppo di media privati ​​in Italia, Mediaset, ma quando ha deciso di acquistare il Milan non è stato visto come un investimento particolarmente valido. Il club era in bancarotta con un’infrastruttura fatiscente. Berlusconi ha cambiato tutto questo.

John Foot, autore di Calcio: A History of Italian Football, ha dichiarato: “Ha assunto la guida del club nel 1986, che è stato un terribile periodo di retrocessione, scandalo e disastro finanziario, ma non il momento”.

“Vincono lo scudetto molto velocemente. C’è del genio imprenditoriale nel prendere uno come [Milan coach] Arrigo Sacchi, di cui nessuno aveva mai sentito parlare, e gli diede carta bianca per reinventare completamente il calcio. È stata letteralmente una rivoluzione in campo”.

Berlusconi frequenta un corso di formazione per il Milan nel 1993 [File: Franco Origlia/Getty Images]

Saki era un ex venditore di scarpe che non ha mai giocato professionalmente. Ma Berlusconi è rimasto molto colpito dal Parma allenato da Sacchi quando ha affrontato il Milan nella partita di coppa con cui ha firmato, con sgomento della stampa sportiva italiana che era convinta che solo un giocatore di spicco potesse essere un grande allenatore.

“Non mi ero mai reso conto che per diventare un fantino dovevi prima essere un cavallo”, risponde sarcastica Sachi. Sacchi ha trasformato il Milan da una tradizionale unità difensiva italiana in un attaccante dalla mentalità offensiva. Altre squadre sono state costrette a seguire l’esempio. Ha vinto lo scudetto nella sua prima stagione e due coppe europee consecutive nel 1989 e nel 1990. Il nucleo della sua squadra era il trio olandese formato da Frank Rijkaard, Gullit e Van Basten.

“Vincere e convincere”, ha detto Van Basten di Berlusconi nello studio televisivo olandese, “quello era il suo motto”. “Era un grande fan del calcio. Voleva davvero fare grandi cose. Otteniamo grandi premi se vinciamo un campionato, se vinciamo la Champions League. Ma se arriviamo secondi, non otteniamo nulla. È stato molto chiaro su questo . Era quello. “Bellissimo. Quella era la mentalità, essere il numero uno.”

Berlusconi ha mantenuto quella mentalità quando è entrato in politica, diventando primo ministro nel 1994 come capo del suo partito, Forza Italia.

READ  Otto incredibili statistiche di Iga Swiatek in vista della finale degli Open di Francia

Un mese dopo aver prestato giuramento nel suo primo dei quattro incarichi come primo ministro, il Milan ha vinto la sua terza Coppa dei Campioni, ora ribattezzata Champions League, battendo il Barcellona 4-0. Il nome Forza Italia è preso in prestito dai cori del calcio. In Italia era conosciuto soprattutto come l’uomo che ha portato al successo il Milan.

“Ciò che ha reso Berlusconi un nome familiare è stato il calcio, il Milan e la Champions League”, ha detto Riota. Gli scienziati tendono a sottovalutarlo.

L’acume politico e l’approccio di Berlusconi sono stati tratti direttamente dal mondo della televisione e del calcio.

“Penso che sia molto importante, non solo politicamente, ma come figura culturale e sportiva nella storia mondiale del 20° secolo”, ha detto Foot.

“Il calcio è una lingua in cui puoi parlare ai 26 milioni di italiani, che si dichiarano tifosi, e loro sanno di cosa parli. Quindi quando si sposta nella sfera politica, fa un discorso pieno di linguaggio calcistico. E una volta che hai una squadra che vince, questo ti porta gloria”. E soft power. Ha capito tutte queste cose prima di chiunque altro”.

Il dominio di Berlusconi è stato segnato da polarizzazione, scandalo, bungalow e sorprendente longevità. Ma la sua eredità politica è stata sentita anche in tutto il mondo.

“Non aveva davvero un’ideologia”, ha detto Foote, “ha reinventato la politica attorno all’individuo”. “Non c’è bisogno di fare festa. loghi. Mentire e poi contraddirsi. Non importa quello che dici. Vita privata, vita personale e vita politica sono tutte confuse. Ci sembra tutto così familiare ora che l’abbiamo visto con [former US President Donald] Trump e [former British Prime Minister Boris] Johnson. Era il prototipo di tutto. tipo di grafico.

Berlusconi saluta i tifosi a Napoli il 2 maggio 2001 [Franco Castano/AP Photo]

Berlusconi è stato infine coinvolto in diversi scandali sessuali e di corruzione. È stato bandito dall’incarico per uno scandalo fiscale nel 2013, sebbene sia stato successivamente eletto membro del Parlamento europeo nel 2019 quando il divieto è terminato.

Sotto Berlusconi, il Milan ha vinto ben 29 trofei in 31 anni, di cui cinque Champions League. Ha venduto il club nel 2017 a investitori cinesi per 740 milioni di euro (788 milioni di dollari all’epoca). Da allora il Milan ha vinto la Serie A e nessun trofeo europeo, mentre Berlusconi è passato a finanziare il Monza che ha vinto la promozione in Serie A nel 2022.

READ  Gianluigi Donnarumma del Paris Saint-Germain ammette che la sua lotta con Keylor Navas inizialmente lo ha colpito.

La risposta alla morte di Berlusconi è stata, secondo Riota, sorprendentemente generosa.

“Era popolare e vedrai, dai un’occhiata [state] Funerali in Duomo a Milano. Sarà pieno di élite, ovviamente. Ma fuori, i milanesi comuni… si accorgeranno che sta passando un’era.

Berlusconi ha diviso l’opinione sulla vita, ma l’ha unita sulla morte, almeno per il momento. Dopotutto, la sua morte segna anche la fine dell’era della nostalgia.

“Penso che nel calcio sarà l’ultimo dei grandi imprenditori italiani che può permettersi di dirigere una squadra”, crede Riota. “Il ragazzo che mette i suoi soldi nella squadra. Assume il suo allenatore. Compra i migliori giocatori. Non ha un budget da mantenere. Quando la squadra veste di rosso, va in tasca e li mette in nero .”

Oggi, il calcio è sempre più dominato da club sostenuti dallo stato come Manchester City e Paris Saint-Germain, con l’ascesa del Newcastle United di proprietà saudita. Il prossimo potrebbe essere il Manchester United.

Il Manchester City ha appena vinto la Champions League – la prima volta che un club di una nuova generazione di club statali ha vinto il trofeo più prestigioso del calcio – un premio il cui valore Berlusconi conosce fin troppo bene.

Milan, Inter e Barcellona, ​​un tempo considerati re d’Europa, hanno faticato a competere in quest’epoca. Ma Berlusconi può essere visto, paradossalmente, come l’uomo che ha aperto la porta a questo nuovo mondo in primo luogo; Come il primo proprietario del calcio moderno.

“Possiamo dire che è stato l’ultimo della vecchia dinastia, ma allo stesso tempo il primo della nuova dinastia”, ha detto Ryota. “Era una figura di transizione.”

Segnalazione aggiuntiva di Mitra Nizar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *