Circa il 15% degli ospiti alla conferenza canadese sull’AIDS ha chiesto asilo

Circa il 15% degli ospiti alla conferenza canadese sull’AIDS ha chiesto asilo

OTTAWA – Quasi un sesto degli ospiti a un’importante conferenza sull’AIDS a Montreal lo scorso anno che ha ricevuto visti canadesi ha finito per chiedere asilo, secondo i dati interni ottenuti da The Canadian Press.

I documenti mostrano anche che Immigration, Refugees and Citizenship Canada ha faticato a lavorare con l’International AIDS Society poiché entrambi hanno cercato di evitare il rifiuto di visto di massa.

Quando la conferenza dell’Assemblea è iniziata lo scorso luglio a Montreal, decine di delegati africani si sono visti rifiutare il visto o non hanno avuto risposta alle loro richieste. Alcuni hanno accusato Ottawa di razzismo sul palco, dicendo che i raduni internazionali non dovrebbero tornare in Canada.

La controversia ha fatto seguito a incidenti simili in altri vertici globali ospitati dal Canada negli ultimi anni, in cui alcuni delegati africani non sono stati in grado di ottenere i visti nonostante ricevessero inviti su carta intestata del governo canadese.

La storia continua sotto l’annuncio

I documenti ottenuti attraverso l’Access to Information Acts mostrano che 1.020, ovvero il 36 percento, delle domande di visto per la conferenza sull’AIDS della scorsa estate sono state respinte. Un altro 10 percento non è equipaggiato entro la fine dell’evento.


Clicca per riprodurre il video:

Gli alloggi per richiedenti asilo in Canada alimentano una lotta per i finanziamenti tra tutti i livelli di governo


Il Canada ha rilasciato 1.638 visti per conferenze e i documenti mostrano che almeno 251 persone, ovvero circa il 15%, hanno chiesto asilo dopo essere entrate in Canada.

Fare domanda di asilo partecipando a una conferenza o a un evento sportivo in Canada è spesso uno dei pochi modi in cui le persone possono mettersi in salvo, ha affermato Robert Blanchay, un avvocato specializzato in immigrazione a Toronto.

“Non sono affatto sorpreso che la percentuale di persone di un certo paese[che]ottengono visti per visitatori in entrata non torni effettivamente a casa e rivendichi lo status di rifugiato”, ha detto, aggiungendo che a volte l’idea viene in mente solo alle persone che arrivano in Canada e sentono parlare di altri che lo fanno.

READ  NL, Spagna Honors ha perso l'equipaggio del naufragio mentre i sopravvissuti tornano a casa

La storia continua sotto l’annuncio

“Buon per loro. Se questo è il loro unico modo per chiedere asilo in un paese, allora così sia”.

Il Canada rende già difficile ottenere un visto per scopi legittimi, ha affermato Blanchay, e chiedere asilo.


Clicca per riprodurre il video:

I governi non possono “spendere soldi” per risolvere i problemi abitativi dei richiedenti asilo: Fraser


Le domande di visto vengono spesso rifiutate se il richiedente non dimostra di avere motivi sufficienti per rimanere nel suo paese di residenza, come un lavoro stabile, risparmi finanziari e legami familiari.

Ottawa ha rifiutato l’83,5% delle domande di visto presentate da potenziali partecipanti alla conferenza dal Nepal; 55,8 per cento dalla Nigeria; Il 53,6% proviene dal Pakistan e oltre il 40% dal Camerun, dalla Repubblica Democratica del Congo, dall’Etiopia e dal Ghana.

Un rapporto interno dello scorso novembre che ha valutato la gestione della conferenza da parte del Dipartimento per l’Immigrazione ha suggerito “la necessità di un migliore coordinamento degli eventi di alto profilo, assicurando che i partner si impegnino presto e rimangano connessi, continui e dettagliati”.

La storia continua sotto l’annuncio

Il rapporto affermava che c’erano alcune carenze all’interno del dipartimento, come un problema tecnico del sistema che rendeva difficile per alcuni candidati includere un codice evento utilizzato per regolare la partecipazione a un evento in un database.

Ma ha in gran parte incolpato gli organizzatori della conferenza di Ginevra. L’International AIDS Society non ha risposto alle domande prima della scadenza.

Il documento afferma che sei settimane prima della conferenza, gli organizzatori hanno fornito un elenco di 6.609 partecipanti, ma non hanno incluso informazioni fondamentali per identificare le domande di visto, comprese le date di nascita e i numeri delle domande. Circa due settimane dopo, la direzione ha richiesto un elenco di dignitari prioritari e gli organizzatori hanno presentato 4.200 nomi. Alla fine, il dipartimento ha abbassato il numero a 150 partecipanti prioritari.

READ  Africa - "molti" morti in un attacco nel Niger occidentale

“Gli organizzatori erano costantemente sospettosi dei rifiuti, chiedendo informazioni dettagliate su ciascun caso”, afferma il rapporto.

I dipendenti pubblici iniziarono a perseguire i casi individualmente. Nel frattempo, nonostante avesse detto che l’interruzione degli ordini sarebbe stata due settimane prima della data di inizio dell’evento, hanno continuato a ricevere nuovi ordini.

Nel complesso, afferma il rapporto, i team sono stati ostacolati da un aumento degli eventi speciali e da “varie altre priorità di elaborazione”. Ha suggerito che il dipartimento crei un team dedicato specificamente agli eventi speciali.

Il dipartimento ha promesso all’indomani dell’incidente di insistere affinché gli organizzatori presentassero elenchi completi di ospiti, completi di numeri di domanda di visto, due mesi prima degli eventi. Ha suggerito che potrebbero anche fornire fattori di emarginazione da considerare per i funzionari dell’immigrazione, come la razza, l’identità di genere o l’abilità fisica.

La storia continua sotto l’annuncio

Il rapporto afferma che dovrebbero essere creati gruppi di lavoro e ruoli chiari per le “prossime pietre miliari” che coinvolgano diverse agenzie federali. In questo caso, avrebbe assicurato che Immigration and Global Affairs Canada e Public Health Canada trasmettessero “lo stesso messaggio unificato alle autorità di regolamentazione, ai membri della società civile e alle agenzie partner”.

In una dichiarazione, il Dipartimento per l’immigrazione ha affermato di aver precedentemente richiesto informazioni su una conferenza sull’AIDS ospitata in Australia nel 2014, compreso il numero di domande di asilo risultanti dall’evento.

READ  Il Bharatiya Janata Party al governo di Modi vota nello stato indiano del Karnataka | Notizie elettorali

Ha detto che sta ancora monitorando i risultati delle 251 persone che hanno chiesto asilo dopo essere arrivate in Canada per la conferenza dell’anno scorso.

Tra loro c’erano 123 persone provenienti dall’Uganda, che ha alcune delle leggi penali più repressive al mondo contro l’omosessualità. 58 domande sono state presentate da persone residenti in Kenya, mentre 26 domande sono state presentate da persone provenienti dalla Nigeria.

Lamentele sono sorte anche per questioni relative ai visti durante la Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità COP15 lo scorso dicembre.

Centinaia di delegati provenienti da paesi in via di sviluppo si sono lamentati di non essere stati in grado di partecipare, con domande di visto rifiutate o trattenute in alcune missioni canadesi all’estero.

Il ministro dell’immigrazione Sean Fraser ha dichiarato all’epoca di aver chiesto ai funzionari dei visti di rinunciare a criteri normali come la prospettiva che i richiedenti tornassero a casa o i requisiti per essere in grado di mantenersi mentre erano in Canada, perché molti delegati erano ospitati da gruppi che sbarcavano il lunario.

La storia continua sotto l’annuncio

I dati interni indicano che 751 domande di visto su 4.167, ovvero il 18%, non sono state elaborate in tempo per la conferenza. Di quelli elaborati, il 77% è stato approvato e il 2,9% rifiutato.

I dati non includevano dettagli sulle domande di asilo che hanno fatto seguito alla conferenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *