Israele è accusato di aver lanciato un attacco mortale al consolato iraniano in Siria

Israele è accusato di aver lanciato un attacco mortale al consolato iraniano in Siria
  • Di Jeremy Bowen, redattore internazionale, e David Gretten
  • BBC News nel nord di Israele e Londra

Spiegazione video,

Il consolato iraniano in Siria viene distrutto dopo un attacco aereo mortale.

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha affermato che sette ufficiali sono stati uccisi in un raid israeliano nell'edificio del consolato iraniano nella capitale siriana, Damasco.

Tra i morti c'erano il generale di brigata Mohammad Reza Zahedi, comandante senior della forza Quds, e il generale di brigata Mohammad Hadi Haji Rahimi, il suo vice.

I governi iraniano e siriano hanno condannato l'attacco, che ha portato alla distruzione di un edificio adiacente all'ambasciata iraniana.

L'esercito israeliano ha affermato di non commentare quanto riferito dai media stranieri.

Ma ha riconosciuto di aver effettuato centinaia di attacchi negli ultimi anni contro obiettivi in ​​Siria che ritiene siano collegati all’Iran e ai gruppi armati alleati armati, finanziati e addestrati dalla Guardia rivoluzionaria.

Secondo quanto riferito, gli attacchi israeliani si sono intensificati da quando è iniziata la guerra a Gaza nell’ottobre dello scorso anno, in risposta agli attacchi transfrontalieri contro il nord di Israele da parte di Hezbollah e di altri gruppi sostenuti dall’Iran in Libano e Siria.

Ma l'attacco di lunedì sarà visto come una pericolosa escalation.

Sembra che gli israeliani stiano mettendo alla prova la determinazione degli iraniani e dei loro alleati e stiano dimostrando che sono seriamente intenzionati ad aumentare la pressione sui loro nemici.

Gli israeliani considerano il fatto che l’Iran e Hezbollah non hanno fatto del loro meglio come alcuni si aspettavano. Ora si vedrà se l’Iran e Hezbollah si tireranno indietro.

Ci sarà una reazione, ma potrebbe non essere quella che la gente si aspetta. Invece dei missili, potrebbe trattarsi di una sorta di attacco informatico.

Commenta la foto,

L'ambasciata iraniana (a sinistra) non sembra essere stata danneggiata dall'attacco all'adiacente edificio del consolato

Il Ministero della Difesa siriano ha affermato che gli aerei israeliani hanno preso di mira l'edificio del consolato iraniano, che si trovava sull'autostrada nel quartiere occidentale di Mezzeh a Damasco, dalla direzione delle alture di Golan occupate, intorno alle 17:00 ora locale (14:00 GMT). di lunedi.

Il ministero ha aggiunto che le difese aeree siriane hanno abbattuto alcuni dei missili lanciati, ma altri sono riusciti a penetrarli e “hanno distrutto completamente l'edificio, provocando l'uccisione e il ferimento di tutti coloro che si trovavano all'interno”.

Il ministero ha affermato che sono in corso i lavori per recuperare i corpi e liberare i feriti da sotto le macerie, senza specificare il numero delle vittime né nominarne alcuno.

Le immagini e i video della scena mostrano fumo e polvere sollevarsi dalle macerie dell'edificio a più piani crollato. La vicina ambasciata iraniana non sembra aver subito grossi danni.

L’ambasciatore iraniano Hossein Akbari ha affermato che gli aerei da combattimento israeliani F-35 “hanno brutalmente preso di mira il mio luogo di residenza e la sezione consolare dell’ambasciata, insieme agli addetti militari iraniani”. Ha detto alla televisione di stato iraniana che sono state uccise tra le cinque e le sette persone, tra cui alcuni diplomatici.

Successivamente, la Guardia rivoluzionaria ha rilasciato una dichiarazione affermando che sette dei suoi ufficiali sono stati uccisi, tra cui il generale di brigata Mohammad Reza Zahedi e il generale di brigata Mohammad Hadi Haji Rahimi, che ha descritto come comandanti e “consiglieri militari senior”.

I media iraniani hanno affermato che Zahedi (63 anni) era una figura di spicco nella Forza Quds – il braccio delle operazioni estere delle Guardie rivoluzionarie – e ha lavorato come comandante in Libano e Siria tra il 2008 e il 2016. Nel frattempo, Haji Rahimi è stato identificato come il vice di Zahedi.

Zahedi è una delle figure iraniane più importanti che si ritiene siano state uccise da Israele nella lunga campagna di omicidi del paese.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede nel Regno Unito, che fa affidamento su una rete di fonti sul campo in Siria, ha riferito che otto persone sono state uccise: un comandante di alto rango della Forza Quds, due consiglieri iraniani e cinque membri della Guardia rivoluzionaria. .

Il ministro degli Esteri siriano Faisal Al-Miqdad ha affermato di condannare fermamente quello che ha definito “questo atroce attacco terroristico”, aggiungendo che ha portato all'uccisione di “un certo numero di persone innocenti”.

Il ministero degli Esteri iraniano ha affermato che il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian, in una telefonata con Mekdad, ha descritto il raid come “una violazione di tutti gli obblighi e convenzioni internazionali” e “ha incolpato le conseguenze di questa azione sul regime sionista”.

Egli ha inoltre “sottolineato la necessità di una risposta seria da parte della comunità internazionale”.

Un portavoce della Casa Bianca ha affermato che il presidente americano Joe Biden è a conoscenza di queste notizie.

Lunedì, in una conferenza stampa, il portavoce dell'IDF, l'ammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che l'apparente attacco di droni contro una base navale nella città israeliana meridionale di Eilat è stato un “incidente molto grave”. Ha aggiunto che il drone è stato “realizzato e diretto dall’Iran”.

L'attacco fa seguito a presunti raid israeliani su Damasco e sulla città settentrionale di Aleppo lo scorso venerdì, che secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani hanno ucciso 53 persone, tra cui 38 soldati siriani e sette membri del gruppo armato libanese Hezbollah sostenuto dall'Iran.

A gennaio, un altro raid a Mezze, attribuito a Israele, ha ucciso cinque alti membri della guardia rivoluzionaria iraniana e diversi membri del personale di sicurezza siriano.

Israele ha già ammesso di aver effettuato attacchi in Siria per combattere quella che descrive come la “penetrazione militare” dell’Iran, nonché di aver spedito armi iraniane a gruppi alleati che classifica come organizzazioni terroristiche.

L’Iran ha detto che le Guardie Rivoluzionarie sono state inviate in Siria per “consigliare” le forze del presidente Bashar al-Assad nella guerra civile del paese, ma ha negato il loro coinvolgimento nei combattimenti o nella creazione di basi.

READ  La Russia afferma che l'Ucraina ha cercato di uccidere Putin con un attacco di droni al Cremlino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *