Il congelamento del Texas ha rilasciato tonnellate di inquinanti atmosferici quando le raffinerie hanno chiuso

Le più grandi raffinerie di petrolio d’America hanno rilasciato tonnellate di inquinanti atmosferici in Texas nell’ultima settimana, secondo i dati forniti allo stato, quando una crisi ambientale ne ha innescata un’altra.

Le raffinerie e gli impianti petrolchimici lungo la costa del Golfo degli Stati Uniti si sono affrettati a fermare la produzione Diffusione della massa d’aria artica In un’area inutilizzata per temperature gelide.

Il freddo pungente, che ha ucciso almeno venti persone in Texas e ha interrotto più di quattro milioni di elettricità al suo apice, ha causato danni al gas naturale e alla produzione di elettricità, tagliando le forniture necessarie per il funzionamento degli impianti.

L’arresto ha provocato la combustione o la combustione delle raffinerie e il rilascio di gas per evitare danni alle unità di elaborazione. L’accensione ha oscurato il cielo del Texas orientale, con il fumo che emergeva per diversi chilometri.

“Queste emissioni potrebbero far impallidire le emissioni tipiche delle raffinerie in volume”, ha detto Jane Williams, capo del National Clean Air Team del Sierra Club.

Ha detto che i regolatori statunitensi dovrebbero cambiare le politiche che consentono “a queste emissioni massicce di avvenire impunemente”.

Top inquinatori

Secondo i dati preliminari forniti al Texas Environmental Quality Committee (TCEQ), le cinque maggiori raffinerie hanno rilasciato quasi 152 tonnellate (337.000 libbre) di inquinanti, tra cui benzina, monossido di carbonio, idrogeno solforato e anidride solforosa.

Valero Energy ha dichiarato in un file con TCEQ che ha sparato 35 tonnellate (78.000 libbre) in un periodo di 24 ore a partire dal 15 febbraio dalla raffineria di Port Arthur, citando il freddo gelido e le interruzioni nei servizi di pubblica utilità.

READ  Il Senato conferma Lloyd Austin come Segretario alla Difesa di Biden

Le emissioni di 53 tonnellate (118.100 libbre) dalla raffineria di Motiva a Port Arthur, in Texas, tra il 15 e il 18 febbraio sono state più di tre volte le emissioni in eccesso riportate dall’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti per tutto il 2019.

La raffineria di Galveston Bay di Marathon Petroleum ha sparato 6,4 tonnellate (14.255 libbre) in meno di cinque ore il 15 febbraio, equivalenti a circa il 10% delle sue emissioni totali sopra i livelli consentiti nel 2019.

Guarda | Biden dichiara un grave disastro in Texas dopo la tempesta invernale:

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato un grave disastro in Texas dopo che una devastante tempesta invernale ha lasciato più di 13 milioni di persone in difficoltà per ottenere beni di prima necessità come l’acqua pulita. 3:11

ExxonMobil ha detto che il suo impianto a Baytown Olefins ha emesso quasi una tonnellata di benzina e 68.000 tonnellate di monossido di carbonio, citando la divulgazione di “unità di elaborazione multipla e l’uso sicuro di un sistema di torcia”.

Exxon ha attribuito la chiusura di due raffinerie del Texas al gelo e alla perdita di forniture di gas naturale. Un portavoce ha detto che gli impianti petrolchimici in Texas e Louisiana hanno fornito 560 megawatt alle comunità locali, contribuendo a fornire energia a circa 300.000 case.

Valero non ha avuto commenti immediati. Motiva e Marathon non hanno risposto alle richieste di commento.

I dati finali sulle emissioni di inquinamento devono essere presentati allo Stato entro due settimane.

Non esiste un importo sicuro

Gli incendi sono continuati durante la settimana poiché le raffinerie hanno tenuto le fabbriche fuori servizio.

READ  L'FBI sta indagando se il computer sia stato rubato dall'ufficio di Pelosi per consegnarlo al KGB

“Avevamo sei o sette torce contemporaneamente”, ha detto Hilton Kelly, che vive a Port Arthur, sede delle raffinerie gestite da Motiva, Valero e Total SE. “Sta ancora succedendo adesso.”

Sharon Wilson, ricercatrice presso EarthWorks Group, ha detto che il lancio è stato allarmante, in parte perché “non esiste una quantità sicura di benzina per l’esposizione umana”.

Ha detto che i dati del governo che mostrano che i produttori di petrolio e gas stavano bruciando metano questa settimana “hanno peggiorato le cose e avrebbero potuto essere prevenuti” preparando le strutture per l’inverno.

Le compagnie petrolifere e del gas del Texas hanno presentato 174 notifiche di emissioni di inquinamento superiori ai livelli consentiti tra l’11 e il 18 febbraio, quattro volte il numero della settimana prima, secondo i dati della Texas Environmental Quality Commission.

L’inquinamento totale nelle strutture dell’area di Houston durante l’ondata di freddo è stato di circa 318 tonnellate (703.000 libbre), che è circa il 3% dell’inquinamento totale rispetto alle quantità consentite per l’intero anno 2019 e quasi il 10% delle emissioni del 2018, secondo i dati TCEQ realizzati Analizzato dal Texas Environment Advocacy Group.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *