L’amministrazione Biden vuole che la legge sull’aborto del Texas sia temporaneamente sospesa dalla Corte Suprema durante la sfida legale

L’amministrazione Biden chiede alla Corte Suprema degli Stati Uniti di bloccare una legge del Texas che vieta la maggior parte degli aborti mentre nei tribunali infuria la battaglia sulla costituzionalità della procedura.

La legge è in vigore da settembre, a parte una pausa ordinata dal tribunale distrettuale di appena 48 ore, che vieta gli aborti una volta rilevata l’attività cardiaca, di solito circa sei settimane e prima che alcune donne sappiano di essere incinta.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha chiesto lunedì alla Corte Suprema di revocare un ordine imposto da una corte d’appello federale conservatrice che ha permesso al Texas di continuare a imporre le più severe restrizioni del paese sull’aborto attraverso una nuova legge scritta per rendere difficile l’appello alla corte federale. il sistema. Il dipartimento ha annunciato le sue intenzioni venerdì scorso.

Il Dipartimento di Giustizia ha scritto nella sua petizione in tribunale che la legge del Texas mette in discussione le decisioni chiave della Corte Suprema sul diritto all’aborto “vietando l’aborto molto prima che continui, anzi, prima che molte donne si rendano conto di essere incinte”.

Il Dipartimento di Giustizia ha scritto: “La domanda ora è se il rovesciamento del precedente di questa corte in Texas debba continuare mentre i tribunali esaminano il caso degli Stati Uniti. Come ha riconosciuto il tribunale distrettuale, non dovrebbero”.

L’amministrazione ha anche sollevato la possibilità che la corte possa decidere di concedere una revisione completa della legge del Texas e pronunciarsi sulla costituzionalità del termine, sebbene i tribunali inferiori non lo abbiano ancora fatto. La Corte Suprema raramente entra così presto in una causa.

READ  Gabi Pettito - Aggiornamento: Brian Laundry è stato fotografato durante un selfie nel campo con i suoi genitori dopo la sua morte

L’amministrazione ha affermato che la legge del Texas e la possibilità che altri stati adottino misure simili giustificano l’intervento precoce della corte.

La Corte Suprema ha ordinato al Texas di rispondere entro mezzogiorno di giovedì.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden proteggerà il diritto all’aborto e che il Dipartimento di Giustizia guiderà gli sforzi per garantire che le donne abbiano “i diritti fondamentali di cui hanno bisogno per proteggere la loro salute”.

Non è chiaro se l’amministrazione vincerà alla Corte Suprema con una maggioranza conservatrice che è stata immunizzata da tre nominati dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e ha già accettato di ascoltare un’importante sfida al diritto all’aborto in un caso del Mississippi.

Gli incaricati di Trump, insieme ad altri due governatori, una volta hanno respinto una petizione per mantenere la legge in sospeso, in una causa separata intentata da fornitori di aborti. Non c’era un calendario immediato per l’azione della Corte Suprema su quest’ultima proposta.

Una donna è vista con un cartello anti-aborto fuori da un edificio che ospita un fornitore di aborti a Dallas giovedì 7 ottobre 2021. (LM Otero/The Associated Press)

La legge del Texas lascia le forze dell’ordine ai privati ​​cittadini

Mentre i tribunali hanno bloccato altre leggi statali che vietano effettivamente l’aborto prima che il feto possa sopravvivere al di fuori dell’utero, circa 24 settimane, la legge del Texas ha finora evitato un destino simile grazie alla sua struttura unica che lascia le forze dell’ordine ai cittadini comuni, piuttosto che allo stato . funzionari.

Chiunque presenti una causa di successo contro un fornitore di aborti per violazione della legge ha diritto a chiedere un risarcimento di almeno $ 10.000.

In un voto 5-4 del mese scorso per consentire alla legge di rimanere in vigore, la Corte Suprema ha riconosciuto con un ordine non firmato che c’erano “serie questioni riguardanti la costituzionalità della legge del Texas” ma anche “complesse e nuove” questioni procedurali su chi a citare in giudizio e se ai tribunali federali Autorità di contrasto.

In un’opinione dissenziente, il giudice capo John Roberts scrisse che avrebbe ritardato la legge “senza precedenti” fino a quando la corte non avesse potuto valutare “se uno stato potesse evitare la responsabilità per le sue leggi” consegnando l’applicazione. Anche i tre giudici liberali della corte si sono opposti.

La domanda ora è se la presenza dell’amministrazione nella nuova causa farà la differenza. Un gruppo di tre giudici della Quinta Corte d’Appello degli Stati Uniti ha presentato la sua risposta giovedì scorso, estendendo il suo precedente ordine consentendo alla legge di rimanere in vigore.

Con un voto di 2-1, la corte ha affermato di essersi schierata con il Texas per le stesse ragioni che la Corte Suprema e l’altra commissione del quinto circuito citate nella causa dei fornitori di servizi – per chiedersi se qualcuno potesse rivolgersi a un tribunale federale per contestare la legge.

Il Texas ha chiesto assistenza alla Corte d’Appello dopo che il giudice distrettuale degli Stati Uniti Robert Pittman ha stabilito che il Dipartimento di Giustizia aveva il potere di intentare azioni legali e aveva il potere di fermare le forze dell’ordine, scrivendo che “alle donne è stato illegalmente impedito di esercitare il controllo sulla loro vita in modi tutelato dalla Costituzione».

Tuttavia, il giudice ha riconosciuto che “altri tribunali possono trovare un modo per evitare questa conclusione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *