Uno studio rileva che gli eventi di estinzione di massa stanno marciando verso un “ tamburo di 27 milioni di anni ”

Dopo aver analizzato le registrazioni degli eventi di estinzione di massa della fauna selvatica, gli scienziati hanno affermato che questi eventi seguono in genere un ciclo di circa 27 milioni di anni.

Sebbene gli scienziati negli Stati Uniti non siano del tutto accurati, affermano che le estinzioni di massa degli animali che vivono sulla Terra hanno seguito un ciclo abbastanza regolare. In un nuovo studio pubblicato da L. Biologia storicaUn team guidato da ricercatori della New York University ha scoperto che questi eventi si verificano ogni 27 milioni di anni, in coincidenza con gli eventi di estinzione di massa della vita oceanica segnalati in precedenza.

Lo studio ha anche scoperto che queste estinzioni di massa sono in linea con i principali impatti di asteroidi e flussi piroclastici chiamati eruzioni di basalto alluvionale.

Michael Rampino ha detto: “Sembra che gli effetti di grandi corpi e impulsi di attività interna della Terra che creano attività vulcanica in un diluvio di basalto possono procedere alla stessa velocità dei battiti del tamburo di 27 metri delle estinzioni, e possono procedere al ritmo della nostra orbita nella galassia”. Professore presso il Dipartimento di Biologia della New York University e autore principale dello studio.

Circa 66 milioni di anni fa, il 70% di tutte le specie – sulla terra e in mare – si estinse dopo che un enorme asteroide si scontrò con la Terra, ponendo fine all’era dei dinosauri. Successivamente, i paleontologi scoprirono che tali estinzioni di massa della vita marina – in cui scompariva fino al 90% delle specie – non erano eventi casuali, ma sembravano avvenire in un ciclo di 26 milioni di anni.

READ  Nebbia fitta, raggiungendo il punto di nebbia .. Previsioni del tempo e temperature di domani

Nell’ambito di questo nuovo studio, il team di ricerca ha esaminato i record di estinzione di massa di animali selvatici e ha concluso che coincideva con l’estinzione della vita oceanica. Ha anche condotto nuove analisi statistiche sull’estinzione delle specie terrestri e ha dimostrato che quegli eventi hanno seguito un ciclo simile di circa 27,5 milioni di anni.

Possibili spiegazioni

“Queste nuove scoperte relative alla simultanea improvvisa estinzione di massa sulla terra e negli oceani, e il ciclo combinato che si estende da 26 a 27 milioni di anni, danno credibilità all’idea di eventi catastrofici globali periodici come catalizzatori di estinzioni”, ha detto Rampino.

“In effetti, è già noto che tre genocidi di specie sulla terra e in mare si sono verificati contemporaneamente ai tre maggiori impatti degli ultimi 250 milioni di anni, ognuno dei quali è in grado di provocare catastrofi globali ed estinzioni di massa”.

Una possibile spiegazione di questi eventi sono le periodiche piogge di comete che si verificano nel sistema solare ogni 26 metri fino a 30 milioni di anni. Tuttavia, il team è stato sorpreso di scoprire che anche le gigantesche eruzioni vulcaniche potrebbero essere una possibile spiegazione, poiché tutte e otto le eruzioni di massa simultanee corrispondevano a tali eruzioni.

Questi eventi avrebbero creato condizioni difficili per la vita sulla Terra, inclusi brevi periodi di freddo estremo, piogge acide, distruzione dello strato di ozono e aumento delle radiazioni.

“Sembra che le estinzioni di massa globali siano state causate dagli impatti più catastrofici e dai supervulcani, e talvolta potrebbero aver operato collettivamente”, ha detto Rampino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *