Un’enorme meta-analisi afferma che l’esercizio fisico potrebbe non mantenere le persone in forma, dopo tutto

Un’enorme meta-analisi afferma che l’esercizio fisico potrebbe non mantenere le persone in forma, dopo tutto

L’esercizio rende il corpo sano. Ma mantiene anche le menti acute delle persone man mano che invecchiano? Precedenti studi clinici lo hanno suggerito, ma una nuova meta-analisi dice di no. Luis Seria e Daniel Sanabria dell’Università di Granada, in Spagna, hanno condotto un’analisi di più di 100 studi controllati randomizzati di esercizio e cognizione in persone sane di tutte le età. Il 27 marzo Nature Human Behavior ha riportato miglioramenti cognitivi minimi o nulli dall’attività fisica dopo aver corretto le differenze tra i gruppi di intervento e di controllo nelle statistiche di base e metodologiche. Gli autori affermano che questi risultati non significano che l’esercizio non aiuta la mente, solo che nessuno lo ha dimostrato.

  • Gli scienziati hanno combinato 24 meta-analisi di 109 prove di esercizio.
  • Hanno calcolato un leggero miglioramento della cognizione.
  • Questo effetto è quasi scomparso dopo la correzione per distorsione e metodologia.
  • L’analisi sottolinea la necessità di un migliore coordinamento delle prove di esercizio.

Philip Gascoigne dell’Università del Texas a Rio Grande Valley concorda, sottolineando la distinzione tra esercizio per migliorare la cognizione e migliorare la salute. “L’esercizio fisico regolare non rende una persona sana più intelligente, ma sappiamo che aiuta a scongiurare il morbo di Alzheimer negli anziani, sulla base di studi epidemiologici”, ha detto ad Alzforum. Altri non erano d’accordo con le conclusioni degli autori. “Non trovo questo studio convincente”, scrivono Yaakov Stern della Columbia University di New York e Michael Bornstein di Biostat Inglewood, New Jersey.

Teresa Leo Ambrose dell’Università della British Columbia in Canada ha pensato che la loro analisi indicasse che l’esercizio ha avuto un effetto positivo, ma piccolo, sulle capacità cognitive. Ha anche sottolineato che l’attività è qualcosa sotto il controllo di una persona che può negare l’altro lato della medaglia, che è l’inattività. Ha scritto: “L’esercizio fisico combatte direttamente l’inattività fisica, un fattore di rischio importante e modificabile per la demenza, come evidenziato nel rapporto The Lancet 2020” (Commento sotto; notizie di agosto 2020; notizie di luglio 2022).

READ  Gli scienziati hanno scoperto un lontano cugino del T. rex nel museo in bella vista

L’evidenza epidemiologica che l’esercizio aiuta a mantenere la salute del cervello è cresciuta negli ultimi decenni. Tra gli anziani cognitivamente normali, gli atleti scivolano la metà nei test cognitivi e combattono la demenza più a lungo rispetto alle loro controparti sedentarie, anche quando hanno alti livelli di tau plasmatica totale o placche amiloidi e grovigli neurofibrillari nel cervello (notizie di agosto 2021; notizie di gennaio 2019 ). Le prove provengono da dozzine di studi di controllo randomizzati, spesso piccoli, che testano una varietà di interventi, utilizzando diversi protocolli e misure di esito, rendendo difficili i confronti.

Per ottenere un impulso su questi dati, il primo autore Seria ha eseguito un’analisi completa di 24 precedenti meta-analisi di 109 studi randomizzati controllati condotti dal 1989 al 2020. Hanno incluso 11.266 soggetti sani di età compresa tra 6 e metà degli anni ’80, sebbene ogni studio fosse relativamente piccolo , con una media di 78 partecipanti. Ogni meta-analisi conteneva una media di 11 studi, la maggior parte dei quali comprendeva da 2 a 30 studi.

In studi controllati randomizzati, gli interventi di esercizio sono durati da due settimane a pochi mesi e hanno richiesto attività diverse con intensità diverse. C’erano diversi protocolli di controllo, alcuni senza attività e altri con un regime di allungamento. I risultati hanno misurato diversi domini cognitivi, anche se la maggior parte si è concentrata sulla cognizione globale o sulla funzione esecutiva, e sono stati utilizzati diversi test cognitivi.

Mentre alcune meta-analisi includevano prove che coinvolgevano persone con decadimento cognitivo lieve, Seria e i suoi colleghi hanno rianalizzato i dati utilizzando solo studi su persone sane. La dimensione media dell’effetto era di 0,17 sulla scala d di Cohen, il che significa che l’esercizio migliora leggermente la funzione cognitiva. Maggiore è il valore di d di Cohen, maggiore è l’influenza di una variabile sull’altra, con valori superiori a 0,7 che indicano un forte effetto (vedi immagine sotto). Stern e Bornstein notano che queste erano solo dimensioni dell’effetto medio e che alcune meta-analisi riportano valori più vicini a 0,5. “Sarà importante identificare quali fattori negli studi sono associati a effetti di dimensioni maggiori rispetto a quelli minori”, hanno scritto.

READ  La NASA condivide una straordinaria immagine del Galaxy Trio situato a 500 milioni di anni luce dalla Terra

Seria e colleghi avvertono che quando le dimensioni dell’effetto sono piccole, gli studi sono spesso insufficienti per misurare con precisione l’effetto. Infatti, secondo i loro calcoli, solo due dei 109 studi erano adeguatamente funzionali.

piccolo effetto? La dimensione media dell’effetto della d di Cohen (a sinistra) dell’esercizio sulla cognizione in soggetti sani da 24 meta-analisi (triangoli) era 0,17 (linea tratteggiata). Quando tutti i 109 studi clinici sono stati raggruppati dalle analisi, la dimensione dell’effetto è leggermente aumentata (linea continua). L’eterogeneità tra le prove (a destra) spiega il 42% della varianza tra le meta-analisi. Questo è approssimativamente raddoppiato alla rianalisi per tutti i 109 studi (linea continua). [Courtesy of Ciria et al., Nature Human Behavior, 2023.]

Per esaminare i dati in modo più ampio, gli autori hanno riunito tutti i 109 studi controllati randomizzati insieme per la loro gigantesca meta-analisi. Ciò ha dato una dimensione dell’effetto media simile di 0,22. Tuttavia, quando gli autori hanno corretto le differenze di base nei punteggi dei test cognitivi e se l’attività di controllo era passiva o attiva, la dimensione dell’effetto è scesa a 0,13. Quando hanno preso in considerazione la dimensione del campione, poiché i piccoli studi tendono a gonfiare eccessivamente i risultati, l’indice di Cohen è sceso a un misero 0,05.

Alcuni ricercatori hanno sostenuto che queste correzioni statistiche non escludono che ci sia stato un effetto in primo luogo. “[An effect size of 0.22] mostra piccoli benefici legati all’esercizio sulla cognizione “, scrive Jill Livingston, University College London. Altri notano che una dimensione dell’effetto di 0,22 riflette l’eterogeneità nei metodi e nei risultati della sperimentazione, e come tale può essere interpretata nel senso che l’esercizio avvantaggia molti domini cognitivi, in persone di età diverse, che partecipano a diversi tipi di attività fisiche e alla loro frequenza.

READ  Trudeau dice che si assicurerà di "ascoltare le opinioni del Canada" su Keystone XL

In questo contesto, Laura Baker della Wake Forest University di Winston-Salem, North Carolina, ha avvertito che le meta-analisi dovrebbero confrontare le mele con le mele. “Questo [giant meta-analysis] Ho combinato esperienze con così tante differenze e poi le ho trattate tutte come se fossero la stessa cosa che temo che stiamo facendo delle generalizzazioni”, ha detto Zafur.

Per affrontare queste carenze, Becker ha sostenuto l’armonizzazione dei metodi e delle misure dei risultati negli esperimenti di pratica cognitiva. “Senza coordinamento, questo tipo di meta-analisi non ci aiuta nella clinica a sapere cosa raccomandare”, ha detto. Grandi studi di intervento sull’esercizio fisico e sullo stile di vita che coinvolgono adulti più anziani con MCI, in particolare gli studi US POINTER ed EXERT, abbracciano questo concetto, utilizzando protocolli di esercizio, test cognitivi e misure di esito molto simili (notizie della conferenza di agosto 2022). —Chelsea Weidman-Burke

citazioni di notizie

  1. L’elenco delle demenze della Lancet Commission aggiunge alcol, inquinamento e lesioni cerebrali traumatiche

  2. Negli Stati Uniti, il 40% di tutte le cause di demenza è prevenibile

  3. L’esercizio fisico può proteggere le persone con plasma tau?

  4. Demenza: la debolezza la accelera e l’attività fisica la previene

  5. gli interventi sullo stile di vita possono prevenire la regressione; I social network aiutano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *