Gli scienziati hanno scoperto un lontano cugino del T. rex nel museo in bella vista

Gli scienziati hanno scoperto un lontano cugino del T. rex nel museo in bella vista

Rappresentazione artistica del Tyrannosaurus mcraeensis, che si ritiene sia venuto prima del Tyrannosaurus (Sergei Krasovsky)

Cugino lontanotirannosauro Rex È stato Scopri nasconderti in bella vista Dopo essere stato esposto all'interno del museo per anni.

La creatura conosciuta come Tirannosauro macrinsisÈ stato erroneamente esposto come un T. rex all'interno di un museo di Albuquerque. Nuovo MessicoPrima che gli scienziati rivalutino i fossili.

Si ritiene che lo sia Viene dal Sud America Ed è emigrato verso quello che è adesso MontanaWyoming e Canada circa 67 milioni di anni fa.

Qui, Dinosauro Si è evoluto per lei Dimensioni terrificanti 40 piediO equivalente autobus a due piani Università di Bath Ricercatori.

In precedenza si presumeva che il tirannosauro si fosse evoluto in alcune parti del mondo Asia Ed è emigrato lì Nord America Nel corso di milioni di anni.

Si pensa che il Tyrannosaurus mcraeensis provenisse dal Sud America e migrò in quelli che oggi sono il Montana, il Wyoming e il Canada circa 67 milioni di anni fa.  (Natura di Springer)Si pensa che il Tyrannosaurus mcraeensis provenisse dal Sud America e migrò in quelli che oggi sono il Montana, il Wyoming e il Canada circa 67 milioni di anni fa.  (Natura di Springer)

Si pensa che il Tyrannosaurus mcraeensis provenisse dal Sud America e migrò in quelli che oggi sono il Montana, il Wyoming e il Canada circa 67 milioni di anni fa. (Natura di Springer)

“Le differenze sono lievi, ma di solito questo è il caso di specie strettamente imparentate”, ha affermato il coautore Dr Nick Longrich del Milner Center for Evolution dell'Università di Bath. Posta in linea.

Ha aggiunto: “L'evoluzione fa sì che le mutazioni si accumulino lentamente nel corso di milioni di anni, facendo sì che le specie sembrino leggermente diverse nel tempo”.

I risultati si basano su un cranio parziale raccolto anni fa nel New Mexico occidentale ed esposto al Museo di storia naturale e scienza del New Mexico (NMMNHS).

READ  Paps and Tats: Lower Kootenay Band promuove lo screening del cancro cervicale con tatuaggi gratuiti

Basandosi sulla posizione di altri reperti fossili precedentemente datati tra 66 e 75 milioni di anni fa, i ricercatori suggeriscono che il T mcraeensis potrebbe essere vissuto tra 71 e 73 milioni di anni fa, circa 5-7 milioni di anni prima del T rex.

L'anno scorso i paleontologi hanno scoperto due nuove specie di organismi dinosaurocon una serie di parti fossili provenienti da una creatura ritenuta una delle più grandi mai esistite.

Basandosi sulla posizione di altri reperti fossili precedentemente datati tra 66 e 75 milioni di anni fa, i ricercatori suggeriscono che il T mcraeensis potrebbe essere vissuto tra 71 e 73 milioni di anni fa (Springer Nature).Basandosi sulla posizione di altri reperti fossili precedentemente datati tra 66 e 75 milioni di anni fa, i ricercatori suggeriscono che il T mcraeensis potrebbe essere vissuto tra 71 e 73 milioni di anni fa (Springer Nature).

Basandosi sulla posizione di altri reperti fossili precedentemente datati tra 66 e 75 milioni di anni fa, i ricercatori suggeriscono che il T mcraeensis potrebbe essere vissuto tra 71 e 73 milioni di anni fa (Springer Nature).

Scoperto nella regione della Patagonia, nel sud dell'Argentina, questa enorme specie di dinosauro erbivoro dal collo lungo pesava 50 tonnellate ed era lunga 30 metri, all'incirca quanto una balenottera azzurra.

Le sue ossa erano così grandi che causarono il ribaltamento di un camion che le trasportava al laboratorio, tanto che gli scienziati chiamarono il dinosauro “Chucarosaurus Diripienda”, che significa strapazzato, dopo che i suoi resti rotolarono via durante l'incidente automobilistico.

Il dinosauro visse durante il periodo tardo Cretaceo, tra 100,5 milioni e 66 milioni di anni fa. Uno studio pubblicato nel maggio 2023 descriveva il dinosauro come dotato di “arti anteriori e posteriori relativamente sottili” nonostante le sue enormi dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *