Possiamo far rivivere il telescopio spaziale Spitzer?

Possiamo far rivivere il telescopio spaziale Spitzer?

Agenzia della NASA Telescopio spaziale Spitzer Ha servito bene la comunità astronomica per 16 anni. Dal suo lancio nel 2003 fino alla fine delle sue operazioni nel gennaio 2020, le osservazioni a infrarossi hanno alimentato scoperte scientifiche troppo numerose per essere elencate.

I telescopi a infrarossi devono essere mantenuti freschi per funzionare e alla fine esauriscono il refrigerante. Ma quella non era la fine del lavoro. Ha continuato a funzionare in modalità “caldo”, dove il feedback era limitato. La sua missione è terminata solo quando si è allontanato troppo dalla Terra per comunicare in modo efficace.

La NASA ora pensa di poter riavviare il telescopio.

Spitzer era uno dei quattro potenti osservatori spaziali Programma Grandi Osservatori della NASA. Gli altri tre sono Hubble, il Chandra X-ray Observatory e il Compton Gamma-Ray Observatory. Insieme, hanno coperto i raggi gamma, i raggi X, la luce visibile, l’ultravioletto e la radiazione infrarossa. (Le onde radio possono essere facilmente osservate dalla Terra.) Compton è stato deorbitato nel 2000 e Hubble e Chandra stanno ancora lavorando.

Sebbene JWST sia uno strumento a infrarossi molto più potente di Spitzer, il suo tempo di osservazione è molto necessario. Inoltre, non tutte le note richiedono una forza così estrema. Spitzer potrebbe ancora eseguire osservazioni scientificamente valide se funziona.

Questo montaggio contiene foto dei primi dodici anni di attività di Spitzer.  Credito immagine: NASA/JPL
Questo montaggio contiene foto dei primi dodici anni di attività di Spitzer. Credito immagine: NASA/JPL

Ma la NASA ora pensa che potrebbe essere in grado di riportare Spitzer alle operazioni. Hanno dato Attività spaziale Premio STTR (Small Business Technology Transfer) di $ 250.000 per sviluppare la missione Spitzer Resurrector (SRM).L’SRM si recherà al sito di Spitzer, lo servirà e lo restituirà alle operazioni di monitoraggio.

READ  Reti neurali convoluzionali unidimensionali per il rilevamento di esopianeti in transito

“Questo sarà il compito robotico più complesso mai intrapreso dall’umanità”.

Sean Osman, astrofisico e CEO di Ria Space Activity

Spitzer segue un’insolita orbita terrestre attorno al sole, non un’orbita geocentrica come Hubble. Nel corso del tempo, Spitzer è andato alla deriva e nel 2016 ha dovuto essere riorientato e spinto a un’angolazione estrema per entrare in contatto con la Terra. Ma questo significava che i pannelli solari non erano completamente accesi, il che limitava le operazioni. Infine, il 30 gennaio 2020, la NASA ha inviato al telescopio un segnale di stop e ha dichiarato conclusa la missione.

Il telescopio orbita attorno al Sole a una distanza di 1 UA e ora si trova sul lato opposto del Sole, a circa 2 UA dalla Terra.

Quindi Spitzer è là fuori con la sua attrezzatura intatta, ma fuori dal radiatore e lottando per raccogliere abbastanza energia solare per fare qualsiasi cosa. Ma è in modalità provvisoria, non è morto. L’attività STR risolverà questo problema.

STR è una missione di robotica remota che viaggerà per circa 300 milioni di chilometri (186 milioni di miglia) e si incontrerà con Spitzer. “Lo Spitzer Resurrector è progettato per riavviare Spitzer, confermare che è stato ripristinato alle capacità prestazionali originali e quindi rimanere vicino per agire come un relè di dati ad alta velocità verso la Terra, ripristinando così Spitzer alla sua piena efficienza”, Rhea Space Activity detto in un comunicato stampa.

Se ci riuscirai, sarà un risultato straordinario. Essere in grado di servire i veicoli spaziali in questo modo sarebbe un altro salto significativo nelle capacità dell’astronomia spaziale.

Prima che la missione venisse chiusa, il tempo di osservazione di Spitzer era molto richiesto tra gli astronomi. Una volta che il telescopio sarà di nuovo operativo, senza dubbio sarà di nuovo impegnato con le osservazioni astronomiche. Ma il ruolo di Spitzer sarà anche quello di trovare e caratterizzare gli oggetti vicini alla Terra, qualcosa che il telescopio ha aiutato a fare da pioniere con le sue capacità a infrarossi.

READ  Il modello standard di fisica delle particelle potrebbe non funzionare

Lo sforzo per attivare Spitzer fa parte dello Space Assembly and Manufacturing Service (ISAM) e le tecnologie utilizzate da STR sono in fase di esplorazione da parte del Department of the Air Force (DAF) e della United States Space Force (USSF). Quindi il rapporto STR sarà anche una vetrina tecnica per queste tecnologie.

Lo Spitzer Space Telescope Observatory segue la Terra mentre orbita attorno al sole.  Credito: NASA/JPL-Caltech
Lo Spitzer Space Telescope Observatory segue la Terra mentre orbita attorno al sole. Credito: NASA/JPL-Caltech

“Le implicazioni di ISAM per la resurrezione di Spitzer sono piuttosto sorprendenti”, ha affermato Sean Osman, astrofisico e CEO di Ria Space Activity. Questa sarà la missione robotica più complessa mai intrapresa dall’umanità. Da adolescente negli anni ’90, ho visto gli astronauti americani riparare il primo grande osservatorio, l’Hubble Space Telescope (HST), e ora l’attività spaziale RIA ha avuto l’opportunità di prolungare la vita dell’ultimo grande osservatorio, lo Spitzer Space Telescope. . Sono lieto di avere il Dr. Giovanni Fazio, Principal Investigator della Spitzer’s Infrared Camera (IRAC), come co-investigatore in questa ambiziosa missione.”

Lo strumento IRAC di Spitzer è stato un equipaggiamento prolifico e i suoi dati hanno portato a migliaia di articoli scientifici. Mentre questa missione riporterà Spitzer alle operazioni, in realtà non sarà collegato al telescopio, quindi non sarai in grado di aggiungere refrigerante. Il telescopio sarà ancora limitato alla modalità calda, quindi IRAC funzionerà solo nelle due bande di lunghezza d’onda più corte, non nell’intero spettro di quattro che può fare.

La NASA ha assegnato all’attività spaziale RIA una fase 1 STTR e alla RSA una fase 2 STTR. C’è ancora molto lavoro da fare prima che Spitzer torni operativo, e né la RSA né la NASA hanno fornito una tempistica per quando la missione avrà luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *