Perché la storia di Picard deve finire in questo modo?

Perché la storia di Picard deve finire in questo modo?

Attenzione: seguono spoiler completi per Star Trek: Picard Stagione 3.

“La gente diceva, ‘Dev’essere stata l’esperienza più emozionante metterli sul set! Era come, ‘No, è stato terrificante!’

Lo showrunner della terza stagione di Picard, Terry Matalas, potrebbe essere rimasto inorridito quando ha riunito l’equipaggio della USS Enterprise-D a bordo La USS Enterprise-D ricrea l’iconico ponte della nave con solo due giorni di riprese effettive. Ma quella era solo una parte del processo quando si trattava di raccontare la storia finale di Jean-Luc Picard, una storia iniziata con il lancio di Star Trek: The Next Generation 35 anni fa, ma che ora sembra essere finalmente conclusa come la terza e il decimo episodio dell’ultima stagione, “The Last Generation.”, ha avuto successo.

Si scopre che c’era solo un modo in cui la storia di Jean-Luc avrebbe potuto finire riguardo ai Matalas. Ma non è sempre stato un modo semplice per arrivarci. È così che è avvenuta la storia finale di Picard…

L’equipaggio della USS Enterprise-D torna a bordo.

Tutta la roba buona…

Matalas non ha fatto mistero di essere stato un fan di Star Trek per tutta la sua vita. I suoi crediti professionali sono antecedenti a Star Trek: Voyager e Star Trek: Enterprise, quindi il fatto che avrà forti sentimenti su come si conclude il viaggio di Picard non è una sorpresa. E inoltre, quale fan vorrebbe comunque uccidere i propri eroi?

Come osserva, il finale di Picard è tanto sorprendente quanto lieto fine. Esatto: Picard vive per ultimo. Tutti vivono nella verità!

“Non avevo il coraggio di uccidere nessuno”, dice Matalas. “Ho sempre saputo che saremmo finiti in una partita di poker. Non me la sento di uccidere il Capitano Kirk e metterlo sotto un mucchio di pietre. Penso che ci siano pochissime morti eroiche che funzionino davvero in un gruppo di questo genere».

Sì, Jean-Luc, Riker, Beverly Worf, Jordi, Data e Troy hanno avuto tutti un lieto fine, ma Matalas dice che la possibilità di uccidere Picard era almeno Discuti con Patrick Stewart. Il fatto è che, oltre all’amore dello show per il personaggio, c’erano due barriere nel farlo.

Non avevo il coraggio di uccidere nessuno.


A un certo punto, Patrick me l’ha chiesto [about killing Picard]E io ero tipo, ‘Forse se non lo uccidessero nella prima stagione'”, ricorda lo showrunner. “Ma è anche difficile raccontare una storia su un padre e un figlio che si uniscono e poi se ne vanno subito dopo. Vuoi sperare che abbiano un po’ di tempo per sedersi in una biblioteca e conoscersi dopo”.

Ma amico, il finale di Picard ha sicuramente il suo pubblico che pensa che qualcuno morirà. Che è, ovviamente, interamente l’intenzione di Matalas. Dice di averlo deliberatamente inserito in diverse scene che il pubblico si aspetterebbe di vedere nel finale e che li porterebbe a credere che la morte stesse arrivando.

“Il Riker/Worf.” [moment], Il piccolo sguardo di Deanna… perché alza la posta in gioco. Mette solo questo disagio nel pubblico, tipo “Potrebbero”, ride Matalas. “Quindi quella era, immagino, la scriccatura economica che ho sempre pensato di usare.”

In effetti, uno di quei momenti porta alla battuta particolarmente dolce di Patrick Stewart in cui ha pensato di salutare per sempre Riker e Worf mentre si prepara a camminare verso la tana della Regina Borg per salvare suo figlio. “Will, grazie,” dice Picard a Riker, quasi crollando. “Significa molto per me…” Matalas ricorda che quando hanno girato, non sapeva che Stewart sarebbe entrato in quel modo.

READ  L'abito Shakira Couture "NO" è un total mood

Ricordo Frax ed entrambi abbiamo detto: ‘Whoa, che cos’è? “Dopo di che”, dice. Patrick sa quando è [done] Qualcosa di così straordinario e ha un sorriso e un piccolo scuotimento della testa. … È difficile chiedere a uno dei tuoi eroi d’infanzia di andarci, vero? E io ho. Come regista, questo è il mio lavoro. Dirò: “Dai un po’ più del doppio”. E lui ti guarda come, “Okay, ragazzo. Vuoi vedere la vulnerabilità? Poi te lo dà e ti fa perdere i calzini. È una cosa infernale. “

Anche ricostruire l’Enterprise-D non è stato facile, ma Matalas ha insistito affinché trovassero i soldi per farlo. Se hai intenzione di riunire il team di Generation Next per la loro storia finale insieme, allora chi è meglio per finire questo?

“Sicuramente preferirebbero finanziariamente che non accadesse”, dice Matalas dello sforzo per costruire il D. “Abbiamo appena risparmiato i nostri penny nel miglior modo possibile e l’abbiamo costruito da zero, consumando quanto potevamo per quel set, perché quella era la ciliegina sulla torta del gelato di Star Trek. Ma è stata dura. Stavamo ancora incollando i pezzi di moquette mentre stavamo rotolando.”

La troupe ha avuto solo due giorni per girare tutte le scene sull’Enterprise-D, e quella pressione è stata aggiunta dal fatto che gli attori di Next Generation sono notoriamente dei burloni sul set. I Matala paragonano il loro stare zitti e sparare a “pascolare i gatti”.

“Non è stato fino a quando non l’abbiamo tagliato insieme e abbiamo aggiunto la musica che sentivo per la cosa”, dice. “Ma sono decisamente contento di averlo fatto perché sembra che i fan abbiano risposto”.

Quello che ti lasci alle spalle

La stagione 3 di Picard è stata riempita interamente con uova di Pasqua di Star Trek, astronavi e attori di ritorno che in alcuni casi non si vedevano dagli anni ’90. Ma c’era molto di più che Matalas e il suo team avrebbero voluto includere se avessero avuto il tempo… e il budget.

Per prima cosa, si scopre che il capo della Federazione dei Pianeti Uniti è in realtà il figlio del giocatore della serie originale Pavel Chekhov, Anton Chekhov. E mentre l’attore Walter Koenig stava doppiando il personaggio nei momenti di apertura dell’episodio finale, ci sarebbe potuto essere di più nel ruolo.

Il destino di Ru Laren potrebbe non essere così chiaro come pensavi...

Il destino di Ru Laren potrebbe non essere così chiaro come pensavi…

“Volevo vedere Walter Koenig sullo schermo”, dice Matalas. “Questo era qualcosa per cui non avevamo tempo.”

Naturalmente, in questa stagione vengono onorati anche alcuni vecchi membri dell’equipaggio dell’Enterprise-D, come abbiamo visto che la dottoressa Pulaski ora ha una nave che porta il suo nome. O quando l’ologramma della memoria di Tasha Yar appare nei ricordi di Data. E Matalas dice che si è parlato di riportare altri personaggi legacy dalla prossima generazione in varie fasi della produzione, dal capo O’Brien a Barkley e oltre.

READ  Trump del SNL inizia il 2024 in tribunale “più consapevole che mai”

Mentre la maggior parte del cast principale delle prime due stagioni di Picard non è presente nella terza stagione, un personaggio che aveva stretti legami con Data l’ha quasi riconquistata: Soji (Issa Briones).

“Volevo davvero una scena in cui Data incontra Suji”, dice. “Questa è una scena che avrebbe potuto essere grandiosa. Quindi i dati incontrano sua figlia. … Ancora una volta, tempo e denaro. Invece, quella scena è diventata il discorso di Brent, che è il ‘E se la terapia con Deanna Troy?’ che pensavo fosse. “In un certo senso eccezionale perché ha dato a Troy una scena finale e dati di scena finali eccezionali”.

Poi c’è il Comandante Ro Larraine (Michelle Forbes), che sembrava morire nel brillante Episodio 5, sacrificandosi ai Mutanti in modo che Picard e la USS Titan potessero fuggire e continuare le loro indagini sull’infiltrazione della Flotta Stellare. Si scopre che gli scrittori hanno intenzionalmente deluso il suo destino un po ‘più di quanto potrebbe sembrare a prima vista, poiché il chiamante ha twittato per alcuni secondi prima che sembrasse essere stata uccisa.

Nella sceneggiatura originale, Ro Laren è sopravvissuto ed è stato bandito dal [ship]E Picard e Seven si stavano muovendo attraverso la USS Intrepid e trovarono tutti i prigionieri, incluso Tuvok e tutte le persone che erano doppelganger”, ha ricordato. “Roe Larain era uno di loro, ed è stato un grande incontro. Ma abbiamo finito il tempo e i soldi, e abbiamo dovuto vedercela con Michelle. E quindi quella è stata probabilmente la perdita più grande, quindi è stato un peccato.

L’eredità della prossima generazione

Alla fine del finale di Picard, è chiaro che lo spettacolo ha intrapreso nuove avventure con un nuovissimo equipaggio composto dal Capitano Sette, dal Primo Ufficiale Ravi Musiker, dal consigliere del Capitano Jack Crusher e dal timoniere Sydney La Forge. Matalas conferma che l’Enterprise-F, vista nell’episodio precedente sotto il comando dell’ammiraglio Shelby, è stata successivamente dismessa. E così la USS Titan è stata ribattezzata la nuova Starship Enterprise, in particolare Enterprise-G.

Abbiamo giocato con la nave chiamata The Picard alla fine per un bel po’ di tempo.


“Alla fine abbiamo giocato un po’ chiamandolo The Picard”, dice Matalas. “Ma alla fine, per l’eredità dello spettacolo e Sette di Nove in particolare essendo il prossimo capitano dell’Enterprise con Raffi come primo ufficiale e passando la torcia della prossima generazione al successivo, doveva essere l’Enterprise. E sembrava abbastanza buono nel complesso, visto che il 1701-G”.

I fan hanno già promosso una campagna per uno spin-off di Picard chiamato Star Trek: Legacy, e le ossa di uno spettacolo del genere sono ora al loro posto, per non parlare del fatto che la stagione 3 di Picard negli ultimi giorni Le 10 migliori classifiche di streaming di Nielsen, un’impresa che nessuno show di Star Trek ha realizzato dal rilancio del franchise in TV nel 2017. Al momento, tuttavia, Matalas afferma che nessuna serie del genere è in lavorazione.

“Non mi piacerebbe altro che vedere la storia del Capitano Sette e Ravi, Primo Ufficiale, e Jack Crusher e le sorelle di La Forge e Ricker Worf e Beverly e Gordie, tutti questi personaggi, e i personaggi di Marina e il Profondo Spazio Nove”, dice. “Non mi piacerebbe altro che vedere una continuazione dei personaggi del 25° secolo. Si spera che un giorno l’entusiasmo dei fan possa portarci lì, ma al momento non c’è nulla in fase di sviluppo”.

Tuttavia, abbiamo già un indizio su dove potrebbe andare una serie come questa… e inizia con il solitario Q, che è apparso nella scena dei titoli di coda nel finale di Picard nonostante sia stato ucciso la scorsa stagione. Ma le cose non sono così semplici con il personaggio di John de Lancie.

“Per me, è come se non ci fosse modo migliore per arrivare alla fine dell’inizio, giusto?” È così che abbiamo iniziato “Encounter at Farpoint”, dice Matalas riguardo al ritorno di Q. appena all’inizio,’ mi è sembrato il modo giusto per finire e iniziare la storia successiva.” “.

Quindi, per iniziare la prossima storia, guarda il nostro video sul perché Patrick Stewart ha sbagliato a far sì che Picard avesse finalmente successo. E assicurati di dirci cosa ne pensi del finale di Picard nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *