La Terra è rimasta abitabile per miliardi di anni grazie alla buona fortuna

Un nuovo studio mostra che il pianeta Terra è rimasto abitabile per miliardi di anni grazie alla fortuna.

Gli scienziati dell’Università di Southampton simulano in massa l’evoluzione del clima di 100.000 pianeti generati casualmente.

Ogni pianeta è stato simulato 100 volte con eventi casuali di cambiamento climatico che si verificano ogni volta per vedere se la vita abitabile potrebbe durare per tre miliardi di anni come fa sulla Terra.

Di questi pianeti, il 9% (8700) ha avuto successo almeno una volta, ma tra questi, quasi tutti (circa 8000) sono riusciti meno di 50 volte su 100 e la maggior parte di essi (circa 4.500) ha avuto meno di 10 volte su 100 .

Il professor Toby Terrell, specialista in scienza del sistema Terra, ha affermato che i risultati dello studio, pubblicati su Nature Journal Communications Earth and Environment, indicano che la serendipità è un fattore chiave nel determinare se i pianeti, come la Terra, possono continuare ad alimentare più vita. Di miliardi. Anni.

Confondere

“Il clima stabile e abitabile sulla Terra è molto sconcertante”, ha detto.

“ I nostri vicini, Marte e Venere, non hanno temperature abitabili, anche se Marte lo era una volta.

“La temperatura della Terra non è solo abitabile oggi, ma l’ha mantenuta in ogni momento per un periodo da tre a quattro miliardi di anni – un periodo geologico straordinario”.

La Terra è sopravvissuta come pianeta abitabile grazie alla “buona fortuna” (NASa_JPL_Caltech_R Hurt / PA)

Ha continuato: “Ora possiamo capire che la Terra è stata adatta alla vita per molto tempo grazie alla fortuna, almeno in parte”.

Ad esempio, se un asteroide leggermente più grande colpisce la Terra, o lo fa in un momento diverso, la Terra potrebbe aver perso del tutto la sua abitabilità.

READ  Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo deve affrontare una tempesta per i commenti sulle donne

“In altre parole, se un osservatore intelligente fosse presente sulla Terra all’inizio dell’evoluzione della vita per la prima volta, ed fosse in grado di calcolare le possibilità che il pianeta rimanesse abitabile per diversi miliardi di anni a venire, i calcoli potrebbero aver rivelato probabilità molto deboli”.

Queste basse probabilità, ha detto, significano che anche le possibilità di trovare un “Gemello della Terra” abitabile in altre parti dell’universo sono scarse.

Relazionato: La Grande Barriera Corallina è “critica” poiché il cambiamento climatico colpisce un gran numero di siti naturali del patrimonio mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *