OpenAI ChatGPT geoblocking in Italia

OpenAI ChatGPT geoblocking in Italia

No, non è un pesce d’aprile: OpenAI ha iniziato a bloccare geograficamente l’accesso al suo chatbot basato sull’intelligenza artificiale, ChatGPT, in Italia.

Segui questo passaggio È stato ordinato venerdì dall’autorità locale per la protezione dei dati Dovrebbe interrompere l’elaborazione dei dati per gli italiani per ChatGPT.

In una dichiarazione apparsa online agli utenti con indirizzo IP italiano che tentano di accedere a ChatGPT, OpenAI ha scritto che “si rammarica” ​​di informare gli utenti di aver sospeso l’accesso agli utenti in Italia – su “richiesta” del garante per la protezione dei dati – ovvero Sicurezza.

Dice anche che emetterà rimborsi a tutti gli utenti in Italia che hanno acquistato un servizio di abbonamento ChatGPT Plus il mese scorso e rileva inoltre che il rinnovo dell’abbonamento è “sospeso” in modo che gli utenti non vengano addebitati mentre il servizio è sospeso.

A questo punto OpenAI sembra implementare un semplice blocco geografico, il che significa che l’utilizzo di una VPN per passare a un IP non italiano fornisce una semplice soluzione alternativa al blocco. Tuttavia, se l’account ChatGPT fosse originariamente registrato in Italia, potrebbe non essere più accessibile e gli utenti che desiderano aggirare il divieto potrebbero dover creare un nuovo account con un indirizzo IP non italiano.

Avviso di OpenAI agli utenti in italiano sul blocco di ChatGPT

Manifesto OpenAI per gli utenti che tentano di accedere a ChatGPT da un indirizzo IP italiano (Screengrab: Natasha Lomas/TechCrunch)

SU Venerdì IL Sicurezza ha annunciato di aver aperto un’indagine su ChatGPT per sospette violazioni del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE, affermando di essere preoccupato che OpenAI stesse elaborando illegalmente i dati degli italiani.

READ  Uno sguardo all'interno dei treni Orient Express che tornano in Italia nel 2023

OpenAI non sembra aver informato nessuno i cui dati sono stati trovati online e utilizzati per addestrare la tecnologia, come raccogliere informazioni dai forum Internet. Né è stato completamente aperto riguardo ai dati che gestisce, certamente non per l’ultima iterazione del suo modello GPT-4. E mentre i dati di formazione che ho utilizzato potrebbero essere pubblici (nel senso che sono pubblicati online), il GDPR contiene ancora principi di trasparenza, il che suggerisce che sia gli utenti che le persone di cui ho raccolto i dati avrebbero dovuto essere informati.

In ciò dichiarazione Ieri Sicurezza Ha anche sottolineato la mancanza di qualsiasi sistema in atto per impedire ai minori di accedere alla tecnologia e per alzare la bandiera della sicurezza dei bambini, notando la mancanza di una funzione di verifica dell’età per impedire l’accesso inappropriato, ad esempio.

Inoltre, il regolatore ha sollevato dubbi sull’accuratezza delle informazioni fornite dal chatbot.

È noto che ChatGPT e altri chatbot generativi basati sull’intelligenza artificiale a volte producono informazioni false su individui specifici, un difetto definito dai produttori di intelligenza artificiale come “allucinazioni”. Ciò sembra problematico nell’Unione europea poiché il regolamento generale sulla protezione dei dati offre agli individui una serie di diritti sulle proprie informazioni, incluso il diritto alla correzione delle informazioni errate. E al momento, non è chiaro se OpenAI disponga di un sistema in cui gli utenti possono dire al chatbot di smetterla di mentire su di loro.

L’azienda con sede a San Francisco non ha ancora risposto alla nostra richiesta di commento Di Garante indagine. Ma nella sua dichiarazione pubblica per gli utenti geo-bloccati in Italia, afferma: “Ci impegniamo a proteggere la privacy delle persone e crediamo di offrire ChatGPT in conformità con il GDPR e altre leggi sulla privacy”.

READ  Sei paesi rugby | Prospettive 2022: Guinness Sei Nazioni in Italia

“Ci occuperemo Sicurezza Con l’obiettivo di ripristinare l’accesso il prima possibile”, scrive anche: “Molti di voi ci hanno detto che trovate ChatGPT utile per le attività quotidiane e non vediamo l’ora di renderlo nuovamente disponibile presto”. “

Sebbene sia stata annotata una nota ottimistica alla fine della dichiarazione, non è chiaro come OpenAI possa affrontare i problemi di conformità da essa sollevati. Sicurezza – Data l’ampiezza delle preoccupazioni sul GDPR, sono state sollevate quando è stata avviata un’indagine più approfondita.

Il regolamento dell’UE richiede la protezione dei dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita, il che significa che i processi e i principi incentrati sulla privacy dovrebbero essere integrati in un sistema che gestisce i dati delle persone fin dall’inizio. Ovvero, l’approccio opposto di prendere dichiarazioni e chiedere perdono in seguito.

Nel frattempo, le sanzioni per le violazioni confermate del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) possono aumentare fino al 4% del fatturato globale annuo del responsabile del trattamento dei dati (o 20 milioni di euro, se maggiore).

Inoltre, poiché OpenAI non ha un’istituzione principale dell’UE, nessuna delle autorità per la protezione dei dati nel blocco ha il potere di regolamentare ChatGPT – il che significa che tutte le altre autorità degli Stati membri dell’UE possono scegliere di intervenire e indagare – ed emettere multe per qualsiasi violazioni che trovano (In un tempo relativamente breve, poiché ognuno di essi funzionerà solo nella propria patch). Quindi affronta il più alto livello di esposizione al GDPR e non è disposto a giocare al gioco dello shopping sul forum che altri giganti della tecnologia hanno utilizzato per ritardare l’applicazione della privacy in Europa.

READ  Le migliori offerte di Cyber ​​Monday MediaWorld: iPhone, Samsung, TV e altro ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *