Liberal parla della trasferta con l'Italia Under 17, ruolo preferito e confronti con Foden

Liberal parla della trasferta con l'Italia Under 17, ruolo preferito e confronti con Foden

Mattia Liberal si sta preparando per la finale degli Europei Under 17 dell'Italia contro il Portogallo mercoledì, ed è chiaro che terrà i piedi ben saldi a terra.

Dopo un'ottima stagione con la Primavera del Milan, Mattia Liberal ha lasciato il segno nel Campionato Europeo Under 17 dell'Italia. Ha pareggiato contro l'Inghilterra agli ottavi con un eccezionale gol in solitaria in cui ha dribblato diversi difensori e ha concluso comodamente.

Liberal ha segnato 15 gol in 39 partite in questa stagione tra tutte le competizioni, oltre a Ignazio Abate. ha avuto un ruolo nel suo sviluppo Gli ha dato fiducia ma soprattutto quella fame necessaria per continuare sulla strada che dovrebbe portarlo a diventare un professionista a pieno titolo.

All'inizio di quest'anno è stato chiesto ad Alessandro Costacurta del settore giovanile del Milan e lui ha risposto una cosa che da allora mi è rimasta impressa: “Quale ragazzo mi ha colpito? Mattia Liberal, classe 2007, nato a Milano. È giovane e mi ricorda Foden”.

Liberali intervistato La Gazzetta dello Sport A due giorni dalla finale contro il Portogallo, una giornata che potrebbe vederlo realizzare il suo sogno così presto nella sua giovane carriera.

Hai battuto metà della squadra inglese prima di segnare il tuo gol. Come è successo e, soprattutto, ti sei reso conto subito di quello che avevi fatto?

“Non pensi a gol specifici mentre li segni, non pensi nemmeno a come vivacizzare l'azione Una volta che sei lì in mezzo all'area, ti viene un istinto naturale. Dopodiché l'adrenalina scorreva nel mio corpo e alla fine del primo tempo nello spogliatoio non riuscivo a stare fermo. Una sensazione unica”.

READ  Alto funzionario del Partito Comunista Cinese: la Cina è pronta a rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza con l’Italia

Il miglior messaggio che hai ricevuto?

“Mi piace pensare agli elogi di mia nonna.”

Puoi raccontarci il percorso di questa Nazionale?

“Non abbiamo iniziato nel migliore dei modi il primo turno di qualificazione, ma col tempo il gruppo è diventato più unito, abbiamo trovato le giuste distanze e più andavamo avanti più ci siamo resi conto che la finale poteva diventare realtà.

La finale è stata per te un gol o una sorpresa?

“Abbiamo sempre guardato ogni partita individualmente. E poi, ovviamente, dopo aver voltato pagina e visto che stavamo facendo sempre meglio, abbiamo iniziato a crederci. Ma chiamarla sorpresa è un termine che non mi piace. E anche perché se il gruppo funziona bene i risultati arriveranno.

Pensando a questo gruppo, se diciamo talento come prima parola, è corretto?

“Sì, ma con l'Al-Ittihad. Abbiamo lavorato tanto insieme in campo, e ce l'abbiamo fatta. Il talento va bene, ma fino a un certo punto”.

Che tipo di allenatore è Favo?

“Lo conosco da quando avevo meno di 15 anni, per me e per tutti noi è come un padre. È stato lui ad accogliermi. Una persona sempre disponibile, ci sentiamo sempre tutto l'anno. Mi chiede continuamente come stiamo” stai facendo.

“D’altronde l’allenatore deve essere prima di tutto una persona vicina a te, soprattutto quando non sei al meglio, sa capire i momenti e sa quando usare il metodo del bastone e della carota”.

Quelli talentuosi come te possono fare quasi qualsiasi cosa in prima linea, ma qual è il tuo vero ruolo naturale?

“Mi piace giocare a centrocampo, spaziare liberamente, con evidente intelligenza, anche se non tutti gli allenatori lo permettono. Il ruolo che mi piace è quello che ho adesso in Nazionale, trequartista dietro le punte, libero di abbassarsi. e magari ampliare il suo raggio d’azione, so come adattarmi alle esigenze.

READ  Il primo ministro italiano Meloni parla di burnout in Ucraina e immigrazione in uno scherzo telefonico

Quale ruolo da giocatore ti ispira?

“Non ho un'idea precisa, mi piace prendere spunti da più giocatori e provare a metterli insieme”.

Ma Costacurta ha detto che gli ricordi Foden.

“È bello essere paragonato a un giocatore così e spero di poter arrivare al suo livello. Ma dico anche che i complimenti fanno piacere, ma poi bisogna tener duro in campo e lavorare.

Con te in Nazionale ci sono altri giocatori rossoneri, come il portiere Lungoni e soprattutto Camarda. Cosa ti sorprende soprattutto di Francesco?

“È un ragazzo d'oro, anche fuori dal campo. Tra noi c'è sempre stata una buona intesa, ma siamo tutti molto legati. Inoltre io e Francesco giochiamo insieme al Milan da meno di 15 anni”. [they won the title in 2022, with a goal from Camarda]”.

Che carriera immagini per i bambini come te?

“Il calcio è uno sport assolutamente imprevedibile. Adesso mi piace pensare al presente e a questa finale”.

È una dote di talento o è richiesto anche il lavoro?

“Diciamo che qualità e tecnica sono tra le mie doti principali, ma mi piace pensare di aver raggiunto questo livello grazie al lavoro duro su me stesso. Non è solo una questione di qualità.”

In cosa sei migliorato di più e su cosa devi lavorare di più?

“Sono migliorato soprattutto a livello tattico, nella comprensione del gioco e delle esigenze della squadra devo migliorare molto a livello di fase difensiva”.

L'Italia Under 17 sembra la spina dorsale della prima squadra?

“Lo speriamo, anche se ci piace particolarmente giocare spensierati, il calcio è divertente”.

Qual è l'origine del soprannome “Majo”?

“Viene dai miei amici con cui ho giocato in campo parlando in pubblico. E i miei amici sono tutto”.

READ  L'erede del Re d'Italia, Emmanuel Filiberto, si scusa per il ruolo della monarchia nell'Olocausto

Concludiamo con una domanda molto semplice: come andrà a finire con il Portogallo?

“Sarà difficile, siamo entrambi forti. Dobbiamo andare lì fiduciosi in noi stessi e credere che possiamo farcela come abbiamo fatto con l’Inghilterra. Se diamo il massimo in campo contro l’Inghilterra, possiamo realizzare questo sogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *