Gli oligarchi russi possiedono partecipazioni in società italiane

di recente Indagine È emerso che almeno 33 oligarchi russi sanzionati possiedono azioni in almeno 1.402 società per un valore di 440 miliardi di dollari nell’UE, nel Regno Unito e in Svizzera.

Si ritiene che almeno 33 degli oligarchi russi sanzionati possiedano azioni in 1.402 società nell’UE, nel Regno Unito e in Svizzera. (foto: arbitroE flickrE licenza)la scorsa settimana, erboso mediatico I corrispondenti hanno affermato che Alexei Mordashov, Gennady Timchenko, Oleg Deripaska, l’ex moglie di Igor Sechin, Olga Rozhkova, e la moglie di Roman Babian, Marina Chernova, sono risultate collegate ad almeno 34 società in Italia.

Secondo Transcrime, uno dei frequenti punti deboli nella segnalazione di tali casi è la natura opaca delle società in Europa e i modelli di anomalia di azionisti e titolari effettivi, che consentono l’occultamento di beni e il riciclaggio di denaro attraverso trust e trust.

L’azienda siderurgica italiana Lucchini Spa è controllata da due società cipriote. Uno di questi è nelle mani di Mordashov attraverso la sua azienda Severstal, un gigante nel mondo della produzione dell’acciaio. Il mese scorso, le autorità italiane hanno confiscato lo yacht Mordashov da 70 milioni di dollari e un complesso edilizio nell’isola mediterranea della Sardegna per un valore di circa 113 milioni di dollari.

Timchenko è il presunto proprietario del 50% della società di confezionamento Manucor Spa, che opera fuori dal milanese. La partecipazione è di proprietà dell’oligarca tramite Biaxplen, una controllata della società russa Sibur, che ne è proprietaria Timchenko In qualità di socio di minoranza e membro del Consiglio di Amministrazione. Lo scorso marzo la polizia italiana ha sequestrato il suo yacht da 54 milioni di dollari a Sanremo.

READ  Gli Stati Uniti battono l'Italia e restano imbattuti, la Cina termina la serie di sconfitte nel campionato femminile VNL - Xinhua

Deripaska controlla le azioni della società di costruzioni Strabag Spa, che fa parte di un gruppo austriaco. Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, Strabag ha condannato questa aggressione. Oltre alla condanna, IrpMedia ha affermato che Strabag voleva tagliare i legami con il punito Deripaska.

Rozhkova, l’ex moglie di Igor Sechin, è partner al 50% di una start-up che produce bici e moto elettriche a Roma con il suo attuale compagno di vita Francesco “Frankie” Provenzano. Mentre la moglie di Roman Papian, Chernova, possiede quasi la metà delle azioni di un ristorante che opera a Milano.

Sebbene IrpMedia abbia trovato molte aziende in Italia legate a oligarchi russi o loro parenti, TransCrime ha riferito che Germania, Austria, Regno Unito e Cipro ospitano almeno 842 società legate agli oligarchi russi. Circa il 42% di queste aziende sono in Germania.

Si stima che 34 società in Italia associate agli oligarchi abbiano un valore contabile di 2,5 miliardi di dollari, ha riferito Transcrime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.