ExxonMobil vende la maggioranza del terminale GNL italiano a BlackRock

ExxonMobil vende la maggioranza del terminale GNL italiano a BlackRock

Il logo ExxonMobil appare su uno schermo sopra il pavimento della Borsa di New York a New York, il 30 dicembre 2015. REUTERS/Lucas Jackson/file Photo Ottenere i diritti di licenza

HOUSTON, 4 ottobre (Reuters) – Il produttore petrolifero statunitense ExxonMobil ha dichiarato in un comunicato di aver selezionato BlackRock (BLK.N) come potenziale acquirente di una quota di maggioranza in un importante terminal di importazione di gas naturale liquefatto in Italia. dichiarazione.

La vendita della quota ha attirato l’interesse di fondi infrastrutturali e gruppi internazionali, poiché si prevede che l’Italia aumenterà le sue importazioni di GNL per sostituire in parte il gas che riceveva tramite gasdotto dalla Russia.

A marzo, Exxon aveva dichiarato che stava valutando la possibilità di vendere la sua partecipazione del 70,68% nel terminale GNL offshore dell’Adriatico come parte della sua strategia di cessione di asset non strategici.

Una controllata di Qatar Energy (QATPE.UL) (22%) e l’operatore italiano della rete del gas Snam (SRG.MI) (7,3%) detengono la restante partecipazione nel terminale, a circa 9 miglia (15 km) al largo della costa veneta.

Snam, che ha il diritto di prelazione qualora uno dei soci decida di ritirare il proprio investimento, potrà incrementare la propria quota attuale, ha spiegato l’amministratore delegato.

L’operatore della rete del gas, controllata dal governo italiano, potrebbe aumentare la sua partecipazione a circa il 30% del GNL nell’Adriatico per ottenere i diritti di governance nelle infrastrutture energetiche, hanno detto a Reuters due fonti industriali, parlando a condizione di anonimato.

Reuters aveva precedentemente riferito che almeno quattro gruppi internazionali erano in competizione per l’accordo, con l’intero impianto di rigassificazione che avrebbe un valore di circa 800 milioni di euro (881 milioni di dollari).

READ  L'Italia ha vinto anche a Wembley.

Un portavoce della Exxon ha dichiarato: “La selezione è stata il risultato di un processo di valutazione globale che ha incluso molti potenziali acquirenti”.

Exxon ha affermato che continuerà a lavorare sull’accordo poiché non è stato raggiunto alcun accordo definitivo. I termini non sono stati resi noti.

(Relazione di Sabrina Valli a Houston – Preparazione di Gabriel per il Bollettino Arabo) Reporting aggiuntivo di Francesca Landini a Milano; A cura di Chris Reese e Clarence Fernandez

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Il corrispondente energetico americano si è concentrato sulla copertura delle operazioni globali delle principali compagnie petrolifere al di fuori di Houston. Sabrina ha precedentemente lavorato presso Bloomberg e BusinessWeek a Rio de Janeiro e al Washington Post a D.C., tra le altre pubblicazioni. Parla inglese, francese, portoghese, spagnolo e italiano. Contatto: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *