Un principe e una principessa in Italia in occasione del 160° anniversario del Consolato di Monaco a Firenze

Un principe e una principessa in Italia in occasione del 160° anniversario del Consolato di Monaco a Firenze

Il consolato è uno dei più antichi consolati del principato in Italia, insieme a quello di Savona.

Sono passati undici anni dall’ultima volta che il Principe Alberto II e la Principessa Charlene hanno visitato Firenze. Ma il 12 aprile il principe e la principessa sono tornati nel capoluogo toscano per festeggiare i 160 anni dalla fondazione del consolato del principato a Firenze.

Il 27 luglio 1863, su iniziativa del Principe Carlo III, la città italiana ricevette il Consolato di Monaco. Il sovrano in quel periodo volle riaffermare l’autonomia e l’indipendenza del principato e favorirne la crescita economica e turistica.

Alessandro Giusti, Console Onorario di Monaco a Firenze per vent’anni, ha accolto la coppia principesca. A Monaco Info ha parlato anche della storia che accomuna la città e il principato: “Il principato è sempre stato un Paese pionieristico prima degli altri. Nel 1865 Firenze divenne capitale d’Italia per sei anni, mentre Monaco aveva già stabilito il suo primo consolato a il paese qui a Firenze due anni prima.Nel 1863. Il principe Ranieri era un assiduo visitatore in Italia e in Toscana.Ad esempio, la sua luna di miele alle terme di Montecatini.

Alessandro Giusti, Console Onorario di Monaco a Firenze, dà il benvenuto al Principe e alla Principessa – © Eric Mathon / Prince’s Palace

Dopo aver visitato il centro storico di Firenze, compreso il famoso Ponte Vecchio, il Principe e la Principessa si sono recati a Palazzo Gondi, dove hanno pranzato con il sindaco della città, Dario Nardella, e le più importanti autorità locali.

Poi il Re e sua moglie hanno visitato la sede della Fondazione Andrea Bocelli. Accompagnati dal cantante di fama mondiale e da sua moglie Veronica, il Principe Alberto II e la Principessa Charlene hanno ricevuto una piccola esibizione privata, durante la quale Andrea Bocelli ha eseguito alcune delle sue canzoni al pianoforte. Anche la Fondazione Maestro, la cui missione è migliorare la qualità della vita delle persone svantaggiate affette da malattia o disabilità, ha ricevuto il sostegno del Principe Alberto II.

READ  Il presidente di FSI afferma che i marchi "Made in Italy" hanno bisogno di dimensioni per sopravvivere

“Questo è essenziale, perché possiamo fare molto da soli, ma se siamo in tanti, possiamo fare di più. Conosco il Principe Alberto II da molto tempo. Ho anche vissuto a Monaco e ho bei ricordi di Abbiamo ancora molti progetti su cui lavorare insieme e sono sicuro che condividiamo gli stessi interessi”, ha detto a MonacoInfo.

I fondatori, il Principe e il cantante, sono stati omaggiati alla celebrazione del 160° anniversario in Consolato, ricevendo gran parte del ricavato dell’evento in Palazzo Vecchio, nel “Salone dei Cinquecento”.

Prima di cena, il principe ha ricevuto un bellissimo regalo da Lady Elena Campigi: i ritratti di Grace Kelly realizzati dall’artista italiano Nano Campigi, noto soprattutto per le sue illustrazioni di famosi poster di film di Hollywood.

Nominato capo onorario del gruppo degli Sbandieratori medievali a Firenze, il Principe Alberto II lavora per perpetuare la tradizione Grimaldi, come prima di lui il Principe Ranieri III.

La storia della famiglia Grimaldi è sempre stata per noi importante, come riferimento. Speriamo un giorno di tornare a cantare a Monaco. E quando abbiamo proposto questa presidenza onoraria [to Prince Albert II, editor’s note]Ha accettato immediatamente. È stata una piacevolissima sorpresa”, ha concluso Stefano Torelli, presidente degli Sbandieratori di Firenze, a Monaco Info.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *