L’Italia completa la sua trasformazione con la brillantezza di Euro 2020

Potrebbe non esserci storia più famigerata nel calcio italiano di quella del 13 novembre 2017.

È stata la notte in cui l’Italia non è riuscita a qualificarsi per il Mondiale. Un pareggio a reti inviolate con la Svezia dopo aver perso 1-0 all’andata dei playoff ha deciso il destino delle due squadre. In molti hanno avviato un’indagine sullo stato del calcio italiano e se fossero necessarie grandi riforme.

Quasi quattro anni dopo, l’Italia è diventata campione d’Europa dopo aver eliminato l’Inghilterra 3-2 ai rigori dopo un pareggio per 1-1 dopo i tempi supplementari nella finale di Euro 2020 a Wembley.

Quattro dei giocatori che hanno iniziato la gara di ritorno a Milano hanno anche iniziato questa finale e hanno messo in mostra eroiche per culminare in un drammatico colpo di fortuna quattro anni fa.

Ma tutto il merito è dell’allenatore Roberto Mancini e della sua squadra. L’Italia rimane imbattuta in 34 partite, ha segnato 13 gol durante il Campionato Europeo, ha subito solo quattro volte e ha sconfitto tre contendenti sulla strada per un secondo titolo europeo, il primo dal 1968.

Come i quarti di finale contro il Belgio o le semifinali contro la Spagna, ci sono stati momenti turbolenti in Azzurro. Sostenuta dalla folla partigiana a Wembley, l’Inghilterra era tutta sugli italiani nelle fasi iniziali. La decisione tardiva di Gareth Southgate di passare dal 4-3-3 al 3-4-3 con Kieran Trippier come terzino destro ha pagato immediatamente, con Trippier che ha fornito un superbo assist a Luke Shaw, che ha segnato meno di due minuti dall’inizio della partita.

In quello che era il Wings Championship, era giusto che l’Inghilterra segnasse il primo gol. Come ha fatto spesso nel primo tempo, Trippier si è lanciato in uno spazio aperto lasciato libero da Emerson, ha afferrato Shaw sul secondo palo con un superbo passaggio incrociato e il difensore del Manchester United ha concluso con sicurezza.

READ  Gli esperti scoprono un fantastico negozio di street food a Pompei, in Italia

Questo contrattacco è stato un esempio del motivo per cui Southgate ha premuto il grilletto su quelle modifiche tattiche, in particolare la rimonta 3-4-3.

Mentre l’Inghilterra riprendeva il possesso e avanzava, Harry Kane è caduto in profondità per afferrare la palla mentre i suoi compagni di squadra si precipitavano in avanti. In questo modo, Kane ha risucchiato la difesa e il centrocampo dell’Italia verso di lui, liberando così lo spazio per il terzino per affrontarlo. Xu era libero sulla sinistra e trascinava Tripper sulla destra mentre Kyle Walker interferiva, spesso in acri di spazio.

Fuori palla, il 3-4-3 ha fornito la massima protezione contro i terzini italiani Emerson e Giovanni Di Lorenzo. Declan Rice e Calvin Phillips hanno fornito protezione sulle fasce, e con l’Italia che si è tenuta lontana dalla palla, l’Inghilterra ha approfittato del contropiede.

Alla fine Mancini ha reagito. Cerro Immobile ha sostituito Domenico Berardi, Brian Cristante ha sostituito Nicolò Barilla e lo slancio ha cominciato a cambiare. Improvvisamente, la svolta a destra di Berardi libera Chiesa e Insigne, che insieme ai terzini dell’Italia liberati all’improvviso mettono l’Inghilterra in terza posizione difensiva senza alcuno sbocco.

La touch map di Insigne e Chiesa mostra il completo controllo dopo il primo tempo.

Poi l’opportunismo ha regnato in Leonardo Bonucci che seppellisce una palla persa su calcio piazzato per pareggiare al 66′.La rinnovata tenacia nella gara con l’Italia ha portato una pressione più organizzata da parte degli attaccanti, il centrocampo italiano ha preso il sopravvento, e Jorginho è stato particolarmente al suo meglio .

Le due parti si sono scambiate colpi nell’ultima ora fino a quando i calci di rigore hanno deciso le sorti della partita. Per gli italiani, hanno rivissuto l’euforia del Mondiale 2006 mentre i tifosi inglesi provano il dolore atroce per la sconfitta ai rigori.

READ  SPAR sta espandendo la sua presenza al dettaglio nell'Italia nordoccidentale

Ma nulla toglie a questa corsa per l’Inghilterra. Southgate ha portato per la prima volta i Tre Leoni alle semifinali di tornei importanti consecutivi, insieme alla loro prima finale in 55 anni. Questa era la rosa più piccola agli Europei, inoltre c’è flessibilità tattica per affrontare la maggior parte delle situazioni, una consolazione degna di nota in vista del Mondiale del prossimo anno in Qatar.

Anche l’aspetto tattico non può essere sottovalutato. I club precedenti in Inghilterra sono stati ostacolati da allenatori che cercavano di trasformare gli 11 migliori giocatori del paese in una squadra, mentre l’esperienza passata si è dimostrata non una formula vincente. Southgate è stato in grado di sfruttare la sconfitta in semifinale della Coppa del Mondo contro la Croazia e che ha portato alla prima finale in quasi due generazioni. Potrebbero tornare in questo posto nel dicembre 2022.

Naturalmente l’Italia si qualificherà per la quinta volta al Mondiale. Il turnaround è a dir poco straordinario e con più giovani che fanno scalpore nella massima serie, questo sembra l’inizio di un’era gloriosa per Mancini & Co.

Chi l’avrebbe mai detto quattro anni fa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *