Il 95% degli attuali climi oceanici potrebbe scomparire entro il 2100 se le emissioni di anidride carbonica continuano ad aumentare

Il Canada ospita tre oceani, ognuno dei quali ospita migliaia di pesci e animali, da cui dipendono molti canadesi. Ma mentre il pianeta si riscalda, questi corpi idrici stanno cambiando rapidamente.

un Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports Suggeriscono che i climi dei nostri oceani – ambienti attuali con ecosistemi finemente bilanciati – stanno affrontando un cambiamento estremo in scenari di cambiamento climatico.

Quando si cerca di prevedere come cambierà il nostro clima a causa dell’aumento delle emissioni di gas serra, gli scienziati usano qualcosa chiamato percorso di concentrazione rappresentativo, o RCP. Rappresentano un futuro climatico diverso con diversi livelli di emissioni di gas serra.

In questo studio, gli autori ne hanno esaminati due: RCP 4.5 e RCP 8.5.

In RCP 4.5 – considerato uno scenario moderato – picco di emissioni nel 2050, seguito da un lento aumento. Sotto RCP 8.5 – spesso visto come uno scenario “business as usual”, il peggiore – le emissioni raggiungono il picco al 2100 e poi sono seguite da un lento aumento.

In questi scenari, gli autori suggeriscono che dal 10 all’85 percento della superficie dell’oceano sperimenterebbero condizioni senza precedenti o un cambiamento nel suo “clima”.

Ma secondo lo scenario RCP 4.5, il 35,6% dei climi oceanici di superficie potrebbe scomparire completamente entro il 2100. Sotto RCP 8.5, questo sale al 95%.

“Studi precedenti hanno esaminato siti specifici e hanno detto: ‘Beh, questo sito si sta riscaldando o questo sito sta diventando acido. Quello che abbiamo fatto è aver esaminato l’intero clima oceanico globale”, ha affermato l’autore principale Katie Lauterhus, professore associato di scienze marine e ambientali presso il Marine Science Center della Northeastern University di Nahant, nel Maine.

READ  L'uragano Larry ha previsto di portare "onde pericolose per la vita che interrompono le condizioni attuali" sulla costa orientale
Questa immagine dei coralli sulla Grande Barriera Corallina australiana – la più grande struttura vivente sulla Terra – mostra un evento di sbiancamento, poiché piccoli organismi lo lasciano a causa dell’aumento della temperatura. Le barriere coralline come questa sono minacciate dall’aumento delle temperature oceaniche e dall’acidificazione. (William West/AFP/Getty Images)

Quando hanno esaminato i climi oceanici di oggi rispetto al 1800, non hanno visto l’emergere di “nuovi” climi o climi che fossero mai stati visti prima. Ci sono stati sicuramente dei cambiamenti, ma niente di completamente nuovo.

Ma lo stesso non si può dire di guardare al futuro.

“Se guardi da oggi fino al 2100, a seconda dello scenario del cambiamento climatico, in scenari di cambiamento climatico più estremi, una proporzione più elevata della superficie oceanica sperimenterà questi nuovi climi”, ha affermato Lauterhus.

Ciò ha conseguenze disastrose per gli organismi che abitano i nostri vasti oceani.

doppio smacco

Man mano che produciamo più anidride carbonica, gran parte di essa viene intrappolata nell’atmosfera. Tuttavia, i nostri oceani ne assorbono la stragrande maggioranza.

un Un rapporto della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) questa settimana ha scoperto che nel 2020 l’oceano ha assorbito quasi tre miliardi di tonnellate in più di anidride carbonica rispetto a quella rilasciata, la quantità più alta da quando sono iniziate le registrazioni nel 1982 e quasi il 30% in più rispetto alla media degli ultimi due decenni.

Questo cambia la struttura dell’oceano. Non solo il riscaldamento degli oceani, ma un maggiore assorbimento di anidride carbonica sta alterando i livelli di pH. Questo cambiamento è ciò che viene definito acidificazione degli oceani.

Lo studio della natura ha esaminato il livello di pH, o acidità, e qualcosa chiamato stato di saturazione, che si riferisce a quanto sia difficile creare i gusci degli esseri viventi.

Hanno scoperto che negli scenari RCP 4.5 e RCP 8.5, la superficie dell’oceano diventerebbe più acida con una minore saturazione per l’aragonite, un minerale utilizzato dai coralli e da altri organismi marini per formare conchiglie.

Proprio come abbiamo bisogno di calcio per fare le nostre ossa, così fanno gli organismi esfolianti. Ottengono questo dall’acqua di mare, ma con l’acidificazione degli oceani, il calcio diventa meno disponibile e l’idrogeno diventa più comune.

Questo presenta un doppio smacco per gli organismi viventi: diventa più difficile formare i loro gusci, e diventa anche difficile impedire che i loro gusci si dissolvano di nuovo nell’acqua di mare.

I canadesi che dipendono dagli oceani per la sopravvivenza stanno affrontando cambiamenti mentre gli oceani si riscaldano. (CBC)

Dennis Gilbert, ricercatore in fisica del clima e degli oceani presso il Dipartimento della pesca e degli oceani e parte del primo gruppo di lavoro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che non è stato coinvolto nel nuovo studio, ha affermato che i risultati sono preoccupanti , anche se non indica che è come il cambiamento del clima dell’oceano, ma piuttosto come un cambiamento della chimica dell’oceano.

“Sono stato sorpreso di vedere che entro l’anno 2100 c’erano molti oceani con un clima completamente diverso, che fosse completamente nuovo o completamente estremo. [climate]”Ma trovo l’uso della parola clima un po’ sfortunato… se gli autori scegliessero la parola chimica o chimica, ciò rifletterebbe meglio ciò che il documento stava effettivamente dicendo”, ha detto.

Ha notato che mentre discutono della temperatura dell’oceano, la cosa principale che affrontano sono i livelli di pH e la saturazione, che è la chimica che cambia.

“La linea di fondo è che sono interessati a ciò che accadrà ai gusci di alcuni degli animali che calcinano con l’aragonite”, ha detto.

Vincitori e vinti

Tuttavia, ha osservato Lauterhus, ciò non significa che tutti gli esseri viventi, o quelli che dipendono da essi, siano condannati.

“Parliamo spesso di vincitori e vinti… in termini di specie, ma ci sono molti studi emergenti che mostrano che ci sono anche vincitori e vinti all’interno delle specie”, ha detto Loterhouse. “E questo suggerisce che ci sono alcune differenze genetiche su cui l’evoluzione può agire. Quindi c’è molta speranza nel senso che c’è diversità genetica e molte specie marine su cui l’evoluzione può agire e questo mi dà speranza che la specie sarà in grado di continuare ad esistere “il futuro”.

E mentre l’acidificazione degli oceani aumenta in tutto il mondo, lo studio suggerisce che tre regioni vedranno prima il più grande cambiamento nei nuovi climi: l’Oceano Indiano, l’Artico e l’Antartide.

Ma questo non significa che i canadesi che dipendono dagli oceani per il loro sostentamento non vedranno alcun cambiamento.

Rapporto sul cambiamento climatico canadese, pubblicato dal governo federale nel 2019, ha scoperto che il Pacifico nord-occidentale, ad esempio, vedrà più anidride carbonica e un pH più basso nei prossimi decenni.

E l’Artico, spesso visto come l’impulso del cambiamento climatico, dove si sta riscaldando due volte più velocemente del resto del mondo – in alcuni luoghi quasi quattro volte – sta vedendo un rapido aumento dell’acqua dolce dovuta allo scioglimento del ghiaccio. Ciò a sua volta ha ridotto il tasso di saturazione dell’aragonite rendendo gli organismi espulsi particolarmente vulnerabili.

Ma Lauterhus ha notato che i due diversi scenari mostrano che se apportiamo modifiche e riduciamo le emissioni di CO2, possono avere un impatto significativo.

“Gli esseri umani sono lenti ad apprendere e il clima sta cambiando più velocemente di quanto i nostri sistemi di gestione possano tenere il passo”, ha detto. “E finché saremo in questo mucchio di burocrazia, dove non possiamo adattare i nostri sistemi sociali e amministrativi alla velocità con cui il clima sta cambiando, aggraverà ancora di più il cambiamento climatico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *